Egan Bernal scopre la Vuelta per fare la storia

Dei 58 debuttanti che si presentano sulla linea di partenza del Giro di Spagna, a Burgos, sabato 14 agosto (fino al 5 settembre), spicca un nome. Egan Bernal, vincitore del Tour de France 2019 e del Giro d’Italia a maggio, affronta la prima Vuelta della sua carriera, con l’ambizione di entrare – già – nella storia del ciclismo.

A 24 anni, il colombiano può diventare, in tre settimane, l’ottavo corridore a vincere i tre grandi giri, dopo immensi campioni: i francesi Jacques Anquetil e Bernard Hinault o il belga Eddy Merckx, tra gli altri. “Sarebbe un sogno, il più grande obiettivo della mia carriera ora”, un ammesso Egan Bernal.

Può anche entrare nel circolo molto ristretto di coloro che hanno realizzato il doppio Giro-Vuelta nello stesso anno: solo Eddy Merckx, l’italiano Giovanni Battaglin e lo spagnolo Alberto Contador hanno realizzato questa impresa.

Leggi anche Ciclismo: il colombiano Egan Bernal vince il suo primo Giro d’Italia

Ma se il figlio di Zipaquirá ha dominato largamente il Giro d’Italia, con in più due vittorie di tappa in chiave, tre mesi dopo, il suo stato di forma mette in dubbio. “Questa è la prima volta che faccio due giri importanti nella stessa stagione, non so come reagirà la carrozzeria”, ha avvertito giovedì in una conferenza stampa.

Vittima del Covid-19 a giugno

Dal podio del Giro di Milano, lo scalatore si è dovuto isolare ad Andorra, suo luogo di residenza in Europa, a seguito di un test positivo al Covid-19 avvenuto pochi giorni dopo la sua vittoria. “Non è la preparazione ideale, ma le sensazioni stanno tornando piano piano. Spero di essere competitivo per la Vuelta”, Egli ha detto.

READ  Il Bulgari Hotel Paris, standard elevati e accuratezza nel cuore del Triangolo d'Oro

Dopo un incontro in Vaticano con papa Francesco, Egan Bernal è tornato in Colombia. Sulla sua terra, oltre ai festeggiamenti per il secondo grand tour che compaiono nel suo record, ha approfittato dell’altitudine per prepararsi alla fine della stagione.

Dalla fine di maggio, quello che è il 7e pilota mondiale nel ranking UCI, ha corso pochissimo, facendo il suo ritorno alle competizioni il 31 luglio nella Clasica San Sebastian (16e). Pochi giorni dopo, ha preso l’inizio del Tour de Burgos. Questa settimana di gara non è stata rassicurante sulle sue condizioni. Cadendo dalla prima tappa, Egan Bernal ha chiuso al 38e posto in classifica generale, a più di dieci minuti dal vincitore, lo spagnolo Mikel Landa, presente anche alla Vuelta.

Leggi anche Con Egan Bernal, Ineos può sfoggiare la sua nuova “filosofia” offensiva al Giro

Forse la forza di Egan Bernal risiede nell’impressionante collettivo della sua squadra. Ineos-Grenadiers presenta un’armata al via del Giro di Spagna: il vincitore del Giro 2019 e recentissimo campione olimpico, Richard Carapaz; il 4e del Tour de France 2016, Adam Yates; il giovane scalatore russo Pavel Sivakov (24) e il nuovo pepita Thomas Pidcock che si cimenterà per la prima volta in una gara di tre settimane.

” Penso (Adamo) Yates si sta preparando per la Vuelta da molto tempo. Non ha corso il Giro e il Tour e punta a questa gara. Richard (Carapaz) appena finito 3e du Tour poi ha fatto i Giochi, sarà di buon livello e, da parte mia, spero di fare bene”, ha cercato di minimizzare Egan Bernal pochi giorni prima della partenza.

READ  Zona arancione: Emilia-Romagna e Veneto minacciate. Quando sappiamo cosa sta cambiando

Una gerarchia da definire per Ineos-Granatieri

Questo “casting” potrebbe però costituire un peso per Egan Bernal. Sulla Grande Boucle, la squadra Ineos-Grenadiers si è presentata con i britannici Geraint Thomas e Tao Geoghegan Hart, l’australiano Richie Porte e Richard Carapaz. Ma la mancanza di gerarchia e l’assenza di un leader ben definito a monte dell’evento ha portato a un relativo fallimento per la squadra gestita da Sir Dave Brailsford.

“Non è così facile dire all’inizio chi è il primo, il secondo o il terzo. Siamo in tre che puntiamo al generale, confessò l’Aquila di Zipaquirá. L’importante è che abbiamo una buona squadra, sarà una questione di onestà. “

All’arrivo sugli Champs-Elysées a luglio, l’ecuadoriano Richard Carapaz era sicuramente sul terzo gradino del podio, ma Geraint Thomas e Richie Porte hanno deluso. Thomas ha subito una lussazione alla spalla a causa di una caduta nella prima settimana, classificandosi infine 41e, mentre Porte, terzo nel 2020, non ha fatto meglio di 38e.

Soprattutto, l’ex Team Sky non ha mai potuto influenzare la gara né preoccupare lo sloveno Tadej Pogacar. La squadra ha anche dato l’impressione in più occasioni di correre strategicamente sottosopra. Troppo poco per una squadra che aveva vinto il Tour de France, con sette vittorie in otto edizioni, tra il 2012 e il 2019, anno della vittoria di Egan Bernal.

Articolo riservato ai nostri abbonati Leggi anche Tour de France 2021: la caduta degli Ineos-Grenadiers “Empire”

Al Giro di Spagna, il colombiano non avrà margini di manovra. Dovrebbe essere particolarmente cauto con Primoz Roglic. “Non penso che sia solo Egan (Berna) vs (Primoz) Roglic’, relativizzò.

READ  Biathlon | Forni Avoltri: Lisa Vittozzi e Patrick Braunhofer campioni italiani sprint estivi | rivista nordica | Biathlon numero 1

Lo sloveno si vendicherà particolarmente dopo il suo abbandono del Tour, causato da una caduta. Come Egan Bernal, anche Primoz Roglic può scrivere la storia. Vincendo la terza Vuelta consecutiva, il campione olimpico a cronometro si unirebbe in classifica ad Alberto Contador e allo svizzero Tony Rominger, subito dietro allo spagnolo Roberto Heras (quattro vittorie).

Questo duello si concluderà a Santiago de Compostela, domenica 5 settembre. Promette di essere emozionante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *