due Canadair inviati come rinforzi in Italia in prima linea nei grandi incendi boschivi

L’Italia chiede aiuto! Se il nord è devastato dalle inondazioni, al centro e al sud della penisola divampano gli incendi. Due bombardieri d’acqua sono decollati dalla base aerea di sicurezza civile di Nîmes-Garons, nel Gard, per sostenere i vigili del fuoco italiani.

L’Italia ha registrato più di 800 incendi lo scorso fine settimana, principalmente nel sud del paese, in Sicilia, in Puglia e nella regione di Roma.

A seguito di una richiesta di assistenza dall’Italia, tramite il Meccanismo di protezione civile dell’Unione europea, due Canadair sono stati quindi assunti per rafforzare i servizi di emergenza locali, che stanno affrontando incendi boschivi molto gravi. Devono partire questo mercoledì mattina dalla base aerea di Nîmes-Garons, nel Gard.

A fine luglio, due Canadair assunti nell’ambito del Meccanismo di Protezione Civile dell’Unione Europea avevano effettuato 53 lanci in Sardegna.

© Sicurezza civile Francia

L’orlo del Mediterraneo soffoca

In Sardegna, due Canadair impegnati nello stesso quadro hanno effettuato 53 drop a fine luglio. L’ovest di quest’isola del Mediterraneo ha subito incendi boschivi di una portata eccezionale: 20.000 ettari di terra sono stati bruciati e 1.500 persone sono state sfollate. L’incendio è stato appiccato il 27 luglio.

Per un mese, la siccità e il caldo hanno causato grandi incendi, compresi incendi boschivi più numerosi del solito, sul bordo del Mediterraneo: Spagna, Italia ma anche in Grecia, dove i vigili del fuoco sperano di controllare un grave incendio vicino ad Atene questo mercoledì.

In Turchia, domenica sono state evacuate decine di villaggi e hotel nel sud, regione molto turistica, di fronte all’aumento degli incendi che divampano dalla fine di luglio. Il paese sta attualmente vivendo i peggiori incendi da almeno un decennio, con quasi 95.000 ettari bruciati da gennaio.

READ  Grande Fratello Vip, Franceska Pepe eliminata: dubbi sul televoto

Vai oltre nella cooperazione europea … con il MEPC

Creato nel 2011 dall’Unione Europea, il Meccanismo Europeo di Protezione Civile (MEPC) consente ai paesi dell’UE di coordinare i propri aiuti di fronte a un’emergenza su vasta scala che non può essere affrontata dalla sola protezione civile. Attualmente ne fanno parte tutti i 27 Stati membri dell’Unione Europea, oltre a Macedonia del Nord, Islanda, Norvegia, Montenegro, Serbia e Turchia.

Il MECP è stato rafforzato e consolidato nel 2019 con il “RescEU” che ha permesso di creare una riserva di risorse per la sicurezza civile a livello europeo: tale riserva comprende bombardieri d’acqua, squadre di ricerca e squadre mediche di emergenza per aiutare i paesi colpiti da alluvioni, incendi , terremoti o epidemie.

Per la stagione degli incendi boschivi 2021, la Commissione Europea ha cofinanziato la costituzione di una flotta antincendio forestale RescEU pronta ad intervenire in qualsiasi momento.

Croazia, Francia, Grecia, Italia, Spagna e Svezia hanno istituito una riserva di 11 aerei bombardieri e 6 elicotteri che vengono messi a disposizione di altri Stati membri dell’UE in caso di emergenza, in cambio di un contributo finanziario dei costi di queste capacità di riserva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *