Donald Trump rompe il silenzio durante le deliberazioni della giuria

Donald Trump rompe il silenzio durante le deliberazioni della giuria

“È un peccato, voglio dire, che Madre Teresa non sia riuscita a superare queste accuse”, dice l'ex presidente.

Donald Trump parla ai media dopo che la giuria ha iniziato le sue deliberazioni. – Agenzia di stampa francese

L'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha criticato i pubblici ministeri nel processo segreto per denaro, mentre una giuria composta da 12 membri a New York City ha iniziato le deliberazioni mercoledì.

Le deliberazioni arrivano il giorno dopo che il team di Trump ha presentato le sue osservazioni conclusive, in cui il team repubblicano ha confermato che la testimonianza di Michael Cohen era una menzogna e che l'ex presidente era innocente.

Mercoledì, parlando ai media, Donald Trump ha dichiarato: “Madre Teresa non è riuscita a respingere queste accuse. Queste accuse sono truccate. L'intero paese è in un pasticcio tra il confine e le elezioni truccate, e c'è un processo come questo in cui il giudice è molto combattuto.” Non riesco a respirare.”

Il 77enne ha detto: “È un peccato. E lo dico sul serio. Madre Teresa non è riuscita a superare queste accuse. Ma vedremo. Vedremo come faremo”.

Secondo gli strateghi, citando La collina“È nell’interesse di Trump creare una narrazione che il caso sia contro di lui, che abbassi il livello se viene condannato o gli permetta di dichiarare la vittoria su un sistema truccato se viene dimostrato innocente”, ha detto.

“Quindi resterò qui. Sono cinque settimane, cinque settimane praticamente senza campagna, anche se sono stato significativamente migliore nei sondaggi nelle ultime settimane”, ha detto.

“Sta succedendo qualcosa. Perché penso che la gente di questo paese lo veda come un accordo truccato.”

Il magnate deve affrontare 34 accuse penali nel caso di denaro segreto secondo cui Trump avrebbe pagato 130.000 dollari a Stormy Daniels nel 2016.

READ  Xinhua Immagini giornaliere | 9 marzo 2024 - Xinhua

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *