Disoccupazione e depressione… L’Italia rischia di annegare nella crisi nel 2019!

L’Italia fa fatica. Quest’anno non c’è crescita e nemmeno recessione, e la disoccupazione è in aumento: la situazione economica a La Pute appare più cupa, aggiungendo pressione all’alleanza populista al potere. “Stiamo affrontando un rallentamento generale in tutta Europa e in Italia: nel 2019 ci avviamo verso lo zero (crescita)”, ha riconosciuto domenica il ministro italiano dell’Economia, Giovanni Tria. Si è voltato quando ha detto pochi giorni fa che la terza economia dell’Eurozona crescerà dell’1% nonostante tutte le previsioni attuali.

Il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, si aspettava che martedì a Roma avrebbe espresso la sua preoccupazione domenica sulla televisione pubblica italiana: Con una crescita quasi zero, “i problemi dell’Italia continueranno ad aumentare”. L’Italia è entrata in recessione nella seconda metà del 2018, con il PIL in calo dello 0,1% nel terzo e quarto trimestre. La penisola, che ha già subito una grave recessione nel 2012-2013, è l’unico paese dell’eurozona in una situazione del genere.

>> Da leggere anche – Il governo italiano è responsabile della recessione!

A peggiorare le cose, il tasso di disoccupazione è aumentato ulteriormente a febbraio al 10,7%, secondo i dati diffusi lunedì. «Un livello allarmante», dice l’importante associazione dei consumatori Federconsumatori, tanto più che raggiunge il 32,8% tra i giovani tra i 15 ei 24 anni. L’Italia ha il terzo tasso di disoccupazione più alto dell’Eurozona, dopo Grecia (20,8%) e Spagna (16,2%), ben al di sopra della media europea (7,8%). L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico prevede un aumento fino al 12,1% nel 2020, secondo un rapporto presentato lunedì a Roma.

>> Trova qui tutti i punti della sessione di trading

rallentamento in Germania

Il governo sindacale della Lega (estrema destra) e del Movimento Cinque Stelle (antiregime) avevano sperato quest’anno di sanare la situazione grazie a una politica fiscale espansiva, che in particolare prevede “reddito di cittadinanza” a persone più modeste di “aprile Ma il contesto attuale, secondo Tria, sta ostacolando questi sforzi: “La Germania è fuori, e di conseguenza anche la parte più produttiva d’Italia si è fermata”.

READ  L'Europa è "in rosso": Londra è nuovamente in quarantena

>> Il nostro servizio – Testa il tuo profilo di risparmio, approfitta della consulenza di investimento gratuita e personalizzata e segui online

Il PIL tedesco dovrebbe crescere solo dello 0,7% -0,8% quest’anno a causa di un rallentamento delle esportazioni e di una continua carenza di manodopera. Le cattive notizie colpiscono direttamente il sentiment delle aziende italiane che hanno smesso di investire. Ma non è l’unica: anche gli uomini d’affari sono preoccupati per le tensioni commerciali Usa-Cina e per lo stallo della coalizione di governo da giugno, che, secondo loro, si cura poco delle aziende. La crescita italiana risente anche del rallentamento delle esportazioni e dei consumi interni, mentre la fiducia delle famiglie ha raggiunto il livello più basso da settembre 2017.

>> LEGGI ANCHE – Il rischio recessione domina gli Stati Uniti!

“decreto crescita”

La principale organizzazione dei datori di lavoro italiana, Confindustria, ha annunciato mercoledì che prevede anche una stagnazione della crescita quest’anno e un aumento di appena lo 0,4% nel 2020. Ma alcuni esperti o organizzazioni internazionali sono più pessimisti. L’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico stima che l’Italia sarà in recessione, contando su un calo del PIL dello 0,2% il prossimo anno, mentre Lorenzo Codogno, ex capo economista del Tesoro italiano e ora capo di LC Macro Cabinet Advisors, si aspetta uno 0,5% gocciolare.

>> Da leggere anche – Verso una crisi grave come quella del 2009?

Con il rischio di esacerbare lo slittamento dei conti pubblici, perché più debole è la crescita, meno importanti sono le entrate che guadagna lo Stato. Tuttavia, il budget 2019 ha già previsto un deficit del 2,04% del PIL con una previsione di crescita dell’1%. Un possibile aumento del deficit potrebbe portare a un nuovo confronto con Bruxelles, che sta spingendo l’Italia a ridurre il suo massiccio debito pubblico (2.300 miliardi di euro, 132,1% del Pil, il livello più alto di sempre). Tuttavia, “Nessuno ci sta chiedendo di correggerlo, quindi lo escludo”, ha sottolineato Trea.

READ  Giorgia Meloni smentisce le voci sulla caduta del suo governo – EURACTIV.fr

>> Il nostro servizio – Investire in società innovative con un alto potenziale di valutazione prima dell’IPO

Per rilanciare l’economia, l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico raccomanda diverse riforme, come la lotta all’evasione fiscale, l’aumento della produttività e il rilancio degli investimenti pubblici. Venerdì il governo annuncerà nuove misure a sostegno dell’economia, con un “decreto crescita” che prevede proprio il ripristino dei tagli fiscali in caso di investimenti, dispositivo ideato e poi sospeso dal precedente governo di centrosinistra. Alleanza. Le misure auspicate da Tria consentiranno di “rimanere nella zona di crescita positiva”.

>> Da leggere anche – Le bolle si stanno riprendendo, ma è più probabile che la recessione esploda!

>> Unisciti al Club Capital des Boursicoteurs su Facebook (clicca sull’immagine)

Getty Images

>> Video – Italia: alle Cinque Terre i turisti che indossano scarpe scadenti dovranno presto pagare una multa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *