dimissioni capitale grande

Di Justin Fox

Il Bureau of Labor Statistics degli Stati Uniti ha dichiarato la scorsa settimana che circa il 3% dei lavoratori americani ha lasciato il lavoro a settembre.

Questo è il tasso più alto da quando l’agenzia ha iniziato a monitorare questo indicatore due decenni fa.

Dimissioni in tutti i lavori destagionalizzati

Onda in partenza

Questa crescente ondata di perdita di posti di lavoro è anche chiamata la “grande uscita” e, in qualità di consulenti aziendali, offrono molti consigli su cosa fare al riguardo.

Se le e-mail in arrivo sono indicative, la maggior parte di questi suggerimenti si concentra su come trattenere operatori spirituali, scrivani o qualsiasi altra cosa tu voglia contattare.

“Dirigenti apatici e la loro incapacità di sviluppare relazioni con i dipendenti su lunghe distanze è la ragione principale dietro l’ondata di volo”, afferma una società di consulenza.

Un altro sondaggio ha rilevato che il 52% dei lavoratori intellettuali ha “più probabilità di lasciare il lavoro se i valori dell’azienda non si allineano con i propri”. Più della metà dei lavoratori del settore tecnologico afferma di sperimentare il burnout “e coloro che subiscono il burnout hanno il doppio delle probabilità di lasciare il lavoro rispetto a quelli che non lo fanno”, secondo un altro sondaggio. e così via e così via.

“Immagine magica

Tuttavia, il forte aumento delle dimissioni nell’ultimo anno non è dovuto al disagio degli operatori mentali dovuto al burnout, all’apatia dei dirigenti o alla mancata corrispondenza di valori.

La società di consulenza Mercer ha affermato, sulla base di sondaggi sui dipendenti, che “i lavoratori in prima linea e a bassa retribuzione lasciano il lavoro a tassi superiori alla media storica”, mentre gli impiegati più pagati no.

READ  Cerberus Robbery: Special Operations Binary Exercise Greece - USA

Analizzando i dati attuali dell’indagine sulla popolazione per la mia collega di Bloomberg Opinion Alison Schrager, ho scoperto che i lavoratori con un’istruzione universitaria non abbandonano o lasciano la forza lavoro a tassi più elevati rispetto a prima della pandemia, al contrario, i dipendenti.

I dati dell’US Census Bureau non sono suddivisi per stipendio o livello di istruzione, ma piuttosto per settore industriale, e le industrie con un gran numero di persone istruite non vedono aumenti significativi delle dimissioni.

La percentuale dei servizi professionali e commerciali era solo di 0,4 punti percentuali in più a settembre 2021 rispetto al periodo prima della pandemia, nello specifico a febbraio 2020. E nelle attività finanziarie è rimasta invariata. Nel settore dell’informazione, che comprende telecomunicazioni, editoria, televisione, cinema, software e la maggior parte delle società Internet, il tasso di esenzione è diminuito di 0,3 punti percentuali. È in declino anche nel settore minerario.

?
Le “grandi dimissioni” non toccano tutti i settori

I maggiori aumenti dei tassi di licenziamento si verificano in aree come l’intrattenimento e l’ospitalità, dove gli impiegati sono pochi, il telelavoro è raramente un’opzione e gli stipendi sono bassi.

Nel settore manifatturiero, l’aumento del tasso di esenzione è molto più elevato nel settore dei beni non durevoli, con salari più bassi (di cui la produzione alimentare è il più grande) rispetto al settore dei beni durevoli, dove ci sono salari più alti.

?
Dimissioni nel settore manifatturiero – la differenza tra i settori durevoli e non durevoli

nuovo stadio

All’inizio della pandemia, molti di questi lavoratori in prima linea a basso salario potrebbero essersi dimessi a causa di preoccupazioni su Covid-19, problemi di assistenza all’infanzia o altri problemi di equilibrio tra lavoro e vita privata.

Negli ultimi mesi, la maggior parte sembra essersi arresa perché ha trovato un lavoro migliore altrove, a volte nello stesso settore, a volte no. Nella costruzione di beni non durevoli, a settembre sono state 222.000 le assunzioni contro 166.000 dimissioni, mentre nei trasporti, magazzinaggio e strutture (si pensi ai centri di distribuzione di Amazon.com) abbiamo avuto 301.000 dipendenti contro 171.000 dimissioni. Sul piano economico sono stati assunti 6,5 milioni a fronte di 4,4 milioni di partenze.

READ  Italia: il Paese è in profonda crisi politica - Giuseppe Conte si è dimesso

Nick Bunker del Real Employment Lab, che mi ha fatto capire la particolarità delle industrie dei colletti bianchi nei dati di uscita, ha riassunto così: tra i lavoratori ad alto reddito”.

In altre parole, queste non sono in realtà dimissioni, almeno non come penso che il termine sia generalmente inteso. Questi sono i lavoratori meno pagati che si spostano in posti di lavoro più remunerativi.

Queste opportunità erano poche durante il periodo spaventoso che seguì la Grande Depressione del 2008-2009. I salari hanno iniziato ad aumentare più velocemente nella parte inferiore della scala retributiva nel 2015 e da allora i livelli retributivi in ​​queste posizioni sono cresciuti più diversificati, sebbene non siano tornati a quello che erano alla fine degli anni ’90.

?
I salari aumentano più velocemente in fondo alla scala

A volte la rassegnazione è l’unico modo per ottenere questi guadagni. Greg Jaffe del Washington Post ha pubblicato una storia affascinante all’inizio di novembre su una partenza di massa per McDonald’s a Bradford, in Pennsylvania, poiché l’affiliato si rifiutava di aumentare i salari.

In risposta a una domanda del leader della “ribellione” contro il datore di lavoro, ha detto: “Perché qualcuno dovrebbe voler lavorare in un’azienda che non lo stima?” Era in grado di “intrattenere” alcuni di questi pensieri profondi perché aveva già trovato un lavoro meglio pagato in una segheria in città ed era sicuro che i suoi colleghi avrebbero trovato un posto dove sdraiarsi.

Lo hanno fatto, con Jaffe che ha riferito che McRejects ha trovato nuovi lavori più remunerativi presso il concorrente di McDonald’s Burger King Dunkin’ Donuts e Tim Hortons, nonché presso le catene di alimentari Save-A-Lot e Crosby.

READ  Il caffè più antico del mondo è in pericolo con una serratura

Quanto sopra non sembra davvero una grande rassegnazione, ma è comunque bello.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *