dietro gli attacchi di Gérald Darmanin contro Giorgia Meloni, una strategia per contrastare Marine Le Pen

dietro gli attacchi di Gérald Darmanin contro Giorgia Meloni, una strategia per contrastare Marine Le Pen

Il ministro dell’Interno ha accusato la presidente del Consiglio italiano di essere incapace di gestire l’immigrazione nel suo Paese. Attraverso questi attacchi contro il leader dell’estrema destra, Gérald Darmanin prende di mira anche Marine Le Pen.

Pubblicato

Aggiornamento


Tempo di lettura: 5 minuti

dietro gli attacchi di Gérald Darmanin contro Giorgia Meloni, una strategia per contrastare Marine Le Pen

Un attacco diplomatico e politico. Ospite di RMC, giovedì 4 maggio, Gérald Darmanin ha accusato la presidente del Consiglio italiano Giorgia Meloni di essere “impossibile risolvere i problemi di migrazione” nel suo paese. Il ministro dell’Interno critica soprattutto Roma per essere responsabile della“afflusso di migranti, in particolare minori” nel Sud della Francia. Secondo lui, il leader di estrema destra salito al potere in ottobre si trova ad affrontare “una crisi migratoria molto grave”.

In risposta, il capo della diplomazia italiana, Antonio Tajani, ha annullato la sua visita a Parigi, dove avrebbe dovuto incontrarsi la sua controparte, Caterina Colonna. “È un insulto gratuito e volgare rivolto a un Paese amico e alleato” e “quando qualcuno offende gratuitamente un’altra persona il minimo è che chieda scusa”ha proseguito venerdì l’ex presidente del Parlamento europeo in un’intervista quotidiana Il Corriere della Sera. La Francia ha provato a calmare gli animi, al Quai d’Orsay “Sperando” che sarebbe la visita di Antonio Tajani “riprogrammato rapidamente”.

L’immigrazione, eterno tema di tensione

L’immigrazione è un tema caldo nelle relazioni tra i due paesi. Le tensioni sono scoppiate a novembre, quando il governo Meloni, appena formatosi, ha rifiutato l’attracco a una nave umanitaria della ONG SOS Méditerranée. La barca è stata accolta dalla Francia a Tolone con più di 200 migranti a bordo. La crisi diOceano Vichingo in primo luogo interessato “equilibri interni” del governo di coalizione italiano, analizzò all’epoca Gilles Gressani, direttore della rivista Il Grande Continenteritenendo ciò che voleva la Lega Nord (estrema destra) di Matteo Salvini “sopravvivere alle tentazioni egemoniche” di Fratelli d’Italia, il partito di Giorgia Meloni, ed “date segnali al vostro elettorato”. L’episodio ha tuttavia suscitato l’ira di Parigi, che aveva indetto un incontro europeo per garantire che uno scenario del genere non si ripetesse.

READ  Il sole di Châteauguay | Germania e Italia ritardano la legge per vietare la vendita di nuovi veicoli a combustione interna nel 2035

Da allora, gli attraversamenti illegali in barca sono aumentati con lo sviluppo di un nuovo corridoio marittimo tra Tunisia e Italia. Secondo il Viminale, quest’anno sono arrivate in Italia attraverso il Mediterraneo più di 42.000 persone, rispetto alle circa 11.000 dello stesso periodo del 2022.

Tentativi di passaggio via terraattraverso le Alpi” Sono in aumento, riferisce su franceinfo Didier Leschi, direttore generale dell’Ufficio francese per l’immigrazione e l’integrazione (OFII). I migranti che arrivano in Italia, spesso di nazionalità ivoriana, guineana o maliana, sono più propensi a voler stabilirsi in Italia o in Francia, dove le loro comunità sono già presenti, spiega il direttore. “Ecco perché la tensione tra i due paesi è alta”.

“Quasi la metà delle nazionalità che arrivano in Italia sono nazionalità che hanno un legame con lo spazio storico francofono dei popoli sub-sahariani”.

Didier Leschi, direttore dell’OFII

su franceinfo

In questo contesto lo ha annunciato a fine aprile la prima ministra Elisabeth Borne la mobilitazione di 150 agenti di polizia e gendarmi “aggiuntivo” fare “di fronte alla crescente pressione migratoria al confine italiano” nonché la creazione di a “forza di frontiera”una forza ai confini.

Marine Le Pen rafforzata dalla crisi delle pensioni

Ma al di là della questione migratoria, Gérald Darmanin, attraverso i suoi attacchi contro Giorgia Meloni, ha citato la leader dell’estrema destra… in Francia. “Sig.ra Meloni è come Madame Le Pen, viene eletta “Vedrai quello che vedrai” e poi quello che vediamo è quello Non fermarti e lascia che le cose peggiorino.”, ha detto il ministro dell’Interno parlando dell’immigrazione. Due giorni prima, su BFMTV, il ministro aveva già criticato la RN, “la festa della pigrizia”, e aveva descritto Marine Le Pen come “piccolo politico”. Gérald Darmanin non è alle prime critiche contro il finalista delle ultime elezioni presidenziali. Già nel febbraio 2021, durante un dibattito su France 2, le aveva detto di averla ritrovata “un po’ morbido” su questioni di laicità.

READ  TEMPO MOLTO CATTIVO in viaggio verso Nord-Est, prime tempeste e NUVOLE al Centro. Venti forti e molto CALDI al Sud «3B Meteo

Questi attacchi si inseriscono in un contesto di mobilitazioni contro la riforma delle pensioni, dove da mesi l’esecutivo cristallizza critiche. Tuttavia il capo dei deputati della RN, spesso tacendo sull’argomento, ha fatto passi avanti nei sondaggi d’opinione. Secondo a sondaggio Ifop-Parigi Partita di 5 aprile, il 52% degli intervistati lo considera competente (vale a dire +6 punti in due mesi) e il 51% capace di riformare il Paese (+8 punti).

Anche il governo e gli ambienti vicini alla maggioranza hanno dato il loro sostegno a Gérald Darmanin, attaccando a sua volta l’estrema destra. Su franceinfo, la macronista Nathalie Loiseau stima che Gérald Darmanin “premuto dove fa male” E che le promesse dell’estrema destra sull’immigrazione erano a “adescare”.

“L’estrema destra mente ai suoi elettori quando promette che tutto ciò che devi fare è votare per lei e il problema sarà risolto. Questo non è vero.”

Nathalie Loiseau, eurodeputata Rinnova

su franceinfo

Lo ha detto il ministro dei Trasporti, Clément Beaune “ragione politica” a Gérald Darmanin che ha ricordato “quello che l’estrema destra è ovunque, in Italia come altrove, che fa tante promesse e risolve pochi problemi”.

Ma il parallelo tra Marine Le Pen e Giorgia Meloni ha i suoi limiti. La deputata RN, il cui storico alleato transalpino resta Matteo Salvini, ha già preso le distanze dal capo dell’esecutivo italiano. “Lei è molto FN degli anni 80. Conservatrice, liberale, atlantista,” ha detto in autunno, secondo Il pariginoaggiungendo che il politico romano era più vicino a Eric Zemmour. “La Meloni non è mia sorella gemella”, ha detto ancora in un’intervista a La Repubblica (articolo in italiano per gli abbonati) All’inizio di aprile.

READ  Fiorentina-Genoa 1-1. Sensazionale al Franchi. Milenkovic risponde a Pjaca al 97 '

Da parte sua, la Marina Militare ha criticato le dichiarazioni di Gérald Darmanin e ha sostenuto l’Italia. “Con Gérald Darmanin ministro degli Interni, la Francia batte tutti i record di immigrazione. Un record che gli impedisce di dare la minima lezione di fermezza ai nostri vicini italiani, che stanno pagando la richiesta d’aria che lui stesso ha creato in Europa”ha twittato giovedì il presidente della RN, Jordan Bardella.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *