Emmanuel Macron difende il “dovere di solidarietà europea” nei confronti dell’Italia

Emmanuel Macron difende il “dovere di solidarietà europea” nei confronti dell’Italia

Emmanuel Macron ha difeso venerdì 15 settembre a “dovere di solidarietà europea” con l’Italia, di fronte all’afflusso di migranti a Lampedusa, annunciando che erano in corso lavori tra i due governi e che “Le decisioni verranno prese”.

La piccola isola italiana che negli ultimi giorni ha registrato un record di arrivi di migranti attraverso il Mediterraneo. Più di 7.000 persone provenienti dal Nord Africa sono sbarcate martedì e mercoledì a Lampedusa, una delle principali porte d’accesso all’Europa, l’equivalente della popolazione locale di quest’isola, che da allora si è dichiarata in stato di emergenza.

La situazione nell’isola italiana lo dimostra “Gli approcci strettamente nazionalisti hanno i loro limiti”stimato, a margine di un viaggio nel dipartimento della Côte d’Or, il capo dello Stato che non vuole “lasciare in pace l’Italia con quello che sta vivendo oggi”.

Da parte sua, il ministro degli Interni francese, Gérald Darmanin, ha convocato una riunione venerdì pomeriggio “sulla situazione migratoria italiana, a seguito dei fatti accaduti a Lampedusa”, ha indicato il suo ministero. Questo “posizione del punto” deve riunire i servizi competenti della polizia, della gendarmeria, dell’immigrazione e dell’intelligence interna, nonché i prefetti delle Bocche del Rodano, delle Alte Alpi e delle Alpi Marittime, questi ultimi due dipartimenti al confine con l’Italia.

Anche il ministro dell’Interno deve farlo ” scambiare “ durante il giorno “con i suoi omologhi tedeschi e italiani”abbiamo sottolineato venerdì in Place Beauvau, dove sabato mattina si svolgerà un nuovo incontro sull’argomento.

Il Viminale non ha indicato, per il momento, se la Francia intende allinearsi alla decisione della Germania, che ha annunciato mercoledì di sospendere l’accoglienza volontaria dei richiedenti asilo provenienti dall’Italia, prevista dagli accordi europei, a causa di un “forte pressione migratoria” e il rifiuto di Roma di applicare gli stessi accordi.

READ  alla scoperta dei bozzetti “segreti” di Michelangelo ritrovati in una cantina

A Lampedusa il centro di accoglienza è sopraffatto

A Lampedusa, il centro di accoglienza destinato a ospitare meno di 400 persone è sopraffatto, con uomini, donne e bambini costretti a dormire fuori su letti di plastica improvvisati, molti avvolti in coperte di sopravvivenza. Secondo il Ministero dell’Interno italiano, martedì sono sbarcate sulle coste italiane più di 5.000 persone, quasi esclusivamente a Lampedusa, e quasi 3.000 mercoledì. UN “record assoluto”secondo Matteo Villa, del think tank Ispi.

Leggi anche: Articolo riservato ai nostri abbonati L’isola di Lampedusa, dove questa settimana sono arrivati ​​più di 6.000 migranti, al centro della gestione dei flussi migratori verso l’Europa

Martedì, durante un viaggio a Mentone (Alpi Marittime), Gérald Darmanin ha annunciato un rafforzamento della lotta contro l’immigrazione irregolare alla frontiera italiana, dove la Francia vede “un aumento dei flussi del 100%”Egli ha detto.

La Rn chiede a Macron di non accogliere “un solo migrante”

Il presidente del Raggruppamento Nazionale, Jordan Bardella, ha chiesto venerdì a Emmanuel Macron di impegnarsi a non accogliere “un solo migrante” proveniente dall’isola di Lampedusa. “Emmanuel Macron deve prendere solennemente questo impegno: la Francia non accoglierà un solo migrante dell’operazione concertata Lampedusa”, ha dichiarato il capo della lista del partito di estrema destra per le elezioni europee di giugno 2024 su X (ex Twitter). “Per lui che ha detto di voler “ridurre significativamente” l’immigrazione, questo è il momento della verità. Fermezza o impotenza? »

Corsi online, corsi serali, workshop: sviluppa le tue competenze

Scoprire

Presente a Lampedusa il capolista Reconquête! (estrema destra) Marion Maréchal assicurato da parte sua venerdì su BFM-TV volere “Dare sostegno al popolo italiano [et] al governo italiano che è abbandonato dall’Unione Europea, abbandonato anche dalla Francia, e che si ritrova solo a gestire questa situazione anche se i confini italiani non sono solo i confini dell’Italia, sono i confini dell'”Europa intera”.

A Les Républicains (LR), l’eurodeputato François-Xavier Bellamy ha criticato, sempre su BFM-TV, una politica europea “in bancarotta sulla questione migratoria, perché la legge europea ha da tempo disarmato i nostri Stati nella loro capacità, nella loro volontà di controllare le proprie frontiere”.

Leggi anche: I paesi del Mediterraneo gettano le basi di un fondo comune per regolare i flussi migratori

Il mondo con l’AFP

READ  L'Austria al 14 ° posto per violazioni del GDPR - l'Italia è in cima alle multe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *