Lo stilista italiano Alessandro Vigilante, nuovo direttore artistico della casa Rochas

Lo stilista italiano Alessandro Vigilante, nuovo direttore artistico della casa Rochas

La storica casa francese Rochas ha nominato lunedì l’italiano Alessandro Vigilante direttore artistico, succedendo a Charles de Vilmorin, licenziato ad aprile

France Télévisions – Editoriale Cultura

Pubblicato


Tempo di lettura: 1 minuto

I modelli della sfilata Rochas primavera-estate 2023 (settembre 2022).  (EMMANUEL DUNAND/AFP)

Dopo lo stravagante Charles de Vilmorin, licenziato ad aprile, la storica maison Rochas ha nominato direttore artistico lunedì 4 dicembre l’italiano Alessandro Vigilante. Lo stilista presenterà la sua prima collezione alla settimana della moda femminile di Parigi a febbraio.

Portare la “modernità” alla “sofisticatezza”

Alessandro Vigilante, che si è fatto le ossa da Dolce & Gabbana e Gucci al fianco di Alessandro Michele, punterà a portare”dalla modernità alla bellezza carismatica, sofisticata e senza tempo che fa parte da tempo del DNA del marchio, sin dalla sua creazione da parte di Marcel Rochas nel 1925“, si legge in un comunicato della Camera.

Dopo una carriera nella danza contemporanea, Alessandro Vigilante, nato in Puglia, nel sud Italia, si è dedicato alla moda. Diplomato al prestigioso IED Moda Lab di Milano, ha presentato la propria collezione nel 2021.”Non vedo l’ora di portare la mia visione“a Rochas, che”incarna la raffinatezza francese e una celebrazione della femminilità“, dal canto suo ha dichiarato lo stilista.

Il Vigilante succede a Charles de Vilmorin

Perdendo slancio per anni, Rochas aveva assunto nel 2021 il giovane Charles de Vilmorin (attualmente 26enne), alla guida del suo marchio che sfila alla settimana dell’alta moda a Parigi, prima di separarsi dopo due anni. “È stato molto stimolante, un po’ più complicato verso la fine“, ha confidato Charles de Vilmorin all’AFP in luglio, pur riconoscendo che questa esperienza è stata “gratificante“.

READ  Gli europei riluttanti ad affrontare l'opposizione diretta a Pechino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *