Decontaminazione dell'acqua, il chimico dei materiali di Orléans riceve il premio del CNRS

Decontaminazione dell'acqua, il chimico dei materiali di Orléans riceve il premio del CNRS

Vedi le mie notizie

Un recinto di 500 metri, edifici a perdita d'occhio In un grande parco alberato svetta orgoglioso il Centro Nazionale per la Ricerca Scientifica Via della ricerca scientifica (Auréléans La Source (Loiret). Dopo aver superato un posto di blocco ben sorvegliato, un sentiero acciottolato conduce all'edificio della chimica con la scritta: “ Condizioni estreme materiali alte temperature e inondazioni » (Simhti). In un lungo corridoio le porte sono collegate.

Le macchine del laboratorio emettono un leggero rumore. In un ufficio, Maria Concepcion Ovin Aña parla davanti ai suoi recenti dati sperimentali. Ricercatore in chimica dei materiali È appena stato premiato dal CNRS Per il suo lavoro su Nanomateriali.

Alle opinioni di chi pensa che i ricercatori siano acquattati e isolati dal mondo, rispondo che sono appassionato della mia professione e che il mio lavoro contribuisce alla società.

Maria Concepción Ovin AnyaRicercatore presso il CNRS Orleans

Il chimico, originario della Spagna, ha difeso la sua tesi Purificazione dell'acqua originale industriale. Più di venti anni dopo, Int Funziona ancora con acqua dolce. Lo specialista dei materiali si occupa di materiali in grado di intrappolare gli elementi contaminanti presenti nell'acqua.

Tecnologia innovativa

Questi elementi si trovano nell'acqua che passa attraverso gli impianti di trattamento. Nell'acqua del rubinetto sono stati rinvenuti residui di prodotti farmaceutici, shampoo e persino erbicidi.

Sebbene la concentrazione degli inquinanti sia bassa, essi sono persistenti e si accumulano facilmente. Può rappresentare un rischio per la salute umana. Sto lavorando per trovare tecniche per eliminarli.

Maria Concepción Ovin Anya

E così esplori l'effetto Biomassa. “Preferisco utilizzare materiali che già esistono in natura. Rinnovo ciò che è già stato creato. Non voglio avviare un nuovo ciclo produttivo”, spiega la ricercatrice.

READ  I nidi di vespe scoperti in Vietnam si illuminano di verde sotto i raggi ultravioletti | Ultime notizie 24 ore su 24 - leggi il giornale Lao Dong online

Lei raccomanda Materiali in carbonio Che sono simili a quelli che si trovano nelle caraffe filtranti. Questi hanno proprietà su scala nanometrica. Come una spugna, questo oggetto assorbe chimicamente le particelle dannose per il consumo umano. Un sistema chiamato elettrocatalisi muove il materiale per scomporre le molecole rimanenti.

Nei laboratori del Centro Nazionale per la Ricerca Scientifica, l'elettrocatalizzatore lavora continuamente per purificare l'acqua. (© LS/Acto Orleans)

Per ottenere l'eliminazione dei contaminanti è necessaria una verifica costante durante gli esperimenti. Ingegneri ricercatori, studenti BTS o Master ruotano sotto la supervisione di María Concepción Ovín Ania. Gli esami sembrano conclusivi.

Video: attualmente su Actu

L'acqua viene purificata utilizzando questo metodo. “Non resta che democratizzare il materiale in modo che le autorità locali possano prenderlo in considerazione”, osserva il ricercatore del Centro nazionale per la ricerca scientifica.

La sua struttura mira a sviluppare la ricerca di base e applicata. “Senza soldi non c’è ricerca”, aggiunge. La sua ricerca richiede finanziamenti A livello europeo, nazionale o regionale. Anche la regione Centro-Valle della Loira si è rivolta alla farmacia. Il ricercatore valuta la qualità delle acque sotterranee della zona.

Per “la ricerca che mira a tutti”

“La nostra ricerca non è necessariamente tangibile, ma ha un impatto sulla nostra vita quotidiana”, afferma Maria Concepcion Ovin Anya. E anche il mondo lo fa L'esperienza dell'Unione Europea. Ha funzionato in particolare per combattere il virus Covid-19 nell’acqua.

“Nella ricerca si impara continuamente e tutto è in continua evoluzione. Ciò dà molta libertà e creatività”, si meraviglia il ricercatore.

Difensore di Maria Concepcion Ovin Anya “La ricerca rivolta a tutti”. Durante gli incontri con il pubblico all’esterno del Centro Nazionale per la Ricerca Scientifica, ci tiene a presentare la sua professione, che lei stessa definisce “passione”.

READ  Primo approfondimento sul decadimento "magico" del bosone di Higgs

Segui tutte le notizie dalle tue città e media preferiti iscrivendoti a Mon Actu.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *