Ha affascinato le persone per migliaia di anni… Il mistero dell’aurora boreale è stato risolto

Per la prima volta, gli scienziati hanno mostrato chiaramente come si forma l’aurora boreale, che affascina l’umanità da migliaia di anni. Scienziati dell’Università dell’Iowa, negli Stati Uniti, hanno ricreato il bagliore cosmico, noto anche come “Aurora Borealis”, in condizioni di laboratorio. Così è stata stabilita la teoria che l’aurora boreale sia causata da forti onde elettromagnetiche chiamate “alvin” che accelerano gli elettroni in determinate condizioni.

Secondo un rapporto di NTV, L’aurora boreale, chiamata anche aurora boreale, affascina l’umanità da migliaia di anni, ma esattamente come si sono formate non è mai stato decifrato. Gli scienziati ora affermano di avere prove conclusive che l’impressionante bagliore cosmico è causato da potenti onde elettromagnetiche chiamate onde Alfvn, che accelerano gli elettroni in determinate condizioni.

Nello studio, pubblicato questa settimana su Nature Communications, gli scienziati dell’Università dell’Iowa hanno confermato le previsioni di Landau. “Le misurazioni hanno rivelato che questo piccolo gruppo di elettroni subisce ‘accelerazione di risonanza’ dal campo elettrico di un’onda duemillesima, simile a un surfista che raccoglie un’onda e accelera costantemente mentre si muove con l’onda”, ha detto Greg Howes, uno dei autori dello studio.

Tuttavia, i brillamenti solari a volte possono portare a intense tempeste geomagnetiche, ha detto Howes. Ha poi spiegato che queste tempeste guidano un processo chiamato “riconnessione magnetica”, in cui le linee del campo magnetico si rompono e si rimodellano, ritirandosi verso la Terra “come un elastico teso che si stacca improvvisamente”.

Creare l’aurora boreale per la prima volta in un ambiente di laboratorio

D’altra parte, anche se lo si capisce da più di 40 anni, un gruppo di ricerca guidato dall’Università dell’Iowa ha simulato per la prima volta in laboratorio la formazione dell’aurora boreale.

READ  Un'indagine rivela i pericoli nascosti dal più grande vulcano della Terra

Con i finanziamenti della NASA, del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti e della National Science Foundation degli Stati Uniti, i ricercatori hanno eseguito più simulazioni delle onde di Alvin utilizzando il Large Plasma Instrument (LPD) presso l’Università della California, Los Angeles (UCLA) Basic Plasma Science Facility per studiare gli elettroni che accelerano verso la Terra.

Gli elettroni raggiungono i 72 milioni di chilometri all’ora

“Utilizzando un’antenna appositamente progettata, abbiamo proiettato le onde di Alvin lungo il dispositivo, come facendo oscillare rapidamente un tubo da giardino su e giù e osservando l’onda che si muove lungo il tubo. In questo modo, mentre gli elettroni navigavano nell’onda, abbiamo misurato come guadagnano energia. Il bagliore dell’aurora boreale.” I due millesimi che viaggiano in onde possono esplodere elettroni a velocità fino a 72 milioni di chilometri all’ora, causando l’effetto aurora boreale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *