Dark Energy Camera si concentra sulla collezione Fornax

Gli astronomi usano 570 megapixel fotocamera a energia oscura (DECam) sul telescopio Víctor M. Blanco 4-m presso l’Osservatorio interamericano di Cerro Tololo in Cile, un programma di NSF NOIRLab, ha osservato le galassie nel cuore dell’ammasso Fornax.

I membri del gruppo Fornax compilano questa immagine dalla Dark Energy Camera sul telescopio Víctor M. Blanco da 4 m all’Osservatorio interamericano di Cerro Tololo. Immagine di credito: CTIO/NOIRLab/DOE/NSF/AURA/TA Rettore, Università dell’Alaska Anchorage e NOIRLab/J. Miller di NSF, Osservatorio Gemini e NOIRLab/M. Zamani di NSF, NOIRLab/D. de Martin di NSF, NOIRLab di NSF.

Il Grappolo di Fornax egli è Situato Si trova a circa 60 milioni di anni luce di distanza nella costellazione della Fornace nell’emisfero australe.

Conosciuto anche come ACO S 373 o MCL 52, è uno degli ammassi di galassie più ricchi e vicini alla nostra Via Lattea.

Contiene più di 600 galassie membri, Compreso Almeno 60 grandi galassie.

“Due galassie ellittiche dominano il centro dell’immagine DECam – appaiono come due grandi punti di luce diffusa con nuclei luminosi”, hanno detto gli astronomi del NOIRLab di NSF.

“Le galassie come questa di solito contengono stelle molto più antiche delle pittoresche galassie a spirale e tendono a trovarsi in ammassi di galassie come l’ammasso Fornax”.

“Queste galassie ellittiche, NGC 1399 e NGC 1404, sono tra i membri più brillanti del gruppo Fornax e sono tenuti insieme dalla forza di gravità.”

“Questa reazione rimuove il gas da NGC 1404, la galassia ellittica inferiore in questa immagine”.

Nell’angolo in basso a sinistra della nuova immagine appare una galassia irregolare chiamata NGC 1427A.

“Questa macchia di luce lacerata è un piccolo gruppo irregolare di stelle simile alla Grande Nube di Magellano”, hanno detto gli astronomi.

READ  Con chi vorresti aiutare e sapere che tipo di persona sei

Simile a NGC 1404, NGC 1427A sta affondando verso il nucleo dell’ammasso a 2,2 milioni di chilometri all’ora (1,3 milioni di miglia all’ora).

“Questa corsa estrema alla distruzione alla fine porterà alla rottura della galassia, alla sua disintegrazione per interazioni gravitazionali con altre galassie”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *