Crypto Exodus dalla Cina dopo il nuovo divieto di Bitcoin

Da quando il governo cinese ha messo al bando bitcoin e criptovalute in generale, molte aziende hanno iniziato a emigrare dal Paese. Gli exchange Binance, Huobi e FTX, così come la mining pool Sparkpool, sono alcune delle società che hanno annunciato la cessazione di tutte le attività in Cina.

Dal 24 settembre 2021, la banca centrale cinese ha riferito che Tutte le attività relative alla criptovaluta considerato “illegale” nel paese. Questo ovviamente include il trading e l’estrazione mineraria, motivo per cui molte aziende hanno dovuto cercare alternative per pianificare la loro partenza da un paese che avevano già preso, ha riferito CriptoNoticias. Misure simili Nel passato.

Quasi immediatamente, Huobi Exchange, una delle aziende più rinomate al mondo secondo Dati CoinMarketCap, ha annunciato che dallo stesso giorno ha smesso di accettare nuovi utenti dalla Cina “per rispettare le normative locali”. Inoltre, al 31 dicembre, Inizierà a eliminare gradualmente gli account utente in Cina. Maggiori dettagli saranno forniti in futuro, dettagli discorso ufficiale.

Qualcosa di simile è stato annunciato per la borsa FTX, che ha chiuso i suoi uffici di Hong Kong per stabilirsi alle Bahamas, secondo il suo CEO, Sam Bankman-Fried, in Condividi su Twitter. Per quanto riguarda la sua nuova sede, l’imprenditore noto come SBF nel social network ha confermato che le Bahamas sono “uno dei pochi paesi che hanno messo in atto una regolamentazione completa della criptovaluta”.

finalmente, Un altro exchange che seguirà lo stesso percorso sarà Binance. Come Huobi, è uno dei principali exchange al mondo e non richiederà nemmeno la registrazione di nuovi utenti in Cina. Va chiarito che questa restrizione si applica solo alla terraferma del paese, poiché a Hong Kong puoi lavorare con entrambi gli scambi.

READ  Photoshop: aggiornamento Apple Silicon migliorato, con bug e lacune

La “narrazione” di Binance con i regolatori ha visto il suo capitolo più lungo nel 2021. A partire dal Regno Unito e poi in seguito altri paesi Da diversi continenti, lo scambio ha subito battute d’arresto legali che hanno ostacolato le sue operazioni. A quel tempo la società era sincerità del suo impegno Cooperare con le autorità per mettere insieme un regolamento congiunto, e sembra che lo stesso dovrebbe essere fatto anche in Cina.

Secondo l’agenzia di stampa Reuters, altre società cinesi, come il fornitore di servizi finanziari Babel Finance o la piattaforma di gestione delle risorse digitali Cobo, Si sono già trasferiti I loro uffici sono a Singapore.

L’estrazione mineraria è un’attività vietata in Cina

Questa feroce persecuzione delle attività di criptovaluta in Cina non è una novità per i minatori in questo paese. Per diversi mesi hanno dovuto emigrare a causa del divieto delle loro attività In diverse province.

Tuttavia, con queste nuove linee guida della banca centrale e del governo, le principali aziende globali come Sparkpool, la più grande mining pool di Ethereum al mondo, sono state costrette a limitare le loro operazioni.

Come faccio Ho menzionato di recente il cancello Bloccoe Sparkpool non fornisce più supporto ai suoi clienti minerari in Cina. Questo è il pool di mining che contiene il 28,6% dell’hash rate totale della rete, secondo dati btc.com. La società ha confermato che fornirà maggiori informazioni su questo annuncio nelle prossime ore.

L’anno scorso, Sparkpool è stato il pool che ha estratto la maggior parte dei blocchi di Ethereum. Fonte: btc.com

come ultima opzione, Resta da vedere quali azioni intraprenderanno le altre aziende Con una forte presenza nel paese asiatico, come la borsa Okex o i produttori di attrezzature minerarie Canaan Inc ed Ebang International. Finora, nulla è stato ufficialmente segnalato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *