Coppa Italia: Juve, Inter e Napoli all’appuntamento dei quarti di sofferenza

Dopo il Milan di martedì, la Juventus, l’Inter e il campione in carica del Napoli hanno conquistato i biglietti per i quarti di finale di Coppa Italia mercoledì, ma era tutt’altro che una passeggiata.

La Juventus, arrivata 2-2 dopo aver subito un 2-0 contro il Genoa, ha dovuto passare i tempi supplementari per qualificarsi grazie al gol decisivo del giovane tunisino Hamza Rafia (3-2 ap).

Il 21enne allenato al Lione ha fatto un buon esordio in prima squadra riprendendo, in due tempi, un servizio di Alvaro Morata (105 °).

La Juventus, in gran parte revisionata da Andrea Pirlo quattro giorni prima dello scontro di Serie A contro l’Inter, aveva ancora avuto un inizio ideale grazie alle gambe di Dejan Kuluseveski. Il giovane svedese ha impiegato solo un minuto e mezzo per aprire le marcature da vicino, prima di offrire il secondo gol a Morata per il 2-0 (23esimo).

Ma questa seconda squadra – con i giovani Dragusin, Portanova e Wesley al calcio d’inizio – è stata sorpresa, prima su un colpo di testa di Lennart Czyborra (28 °) poi su un superbo tiro di Filippo Melegoni (74 °) su cui Gianluigi Buffon era troppo basso.

“Ci siamo complicati la vita da soli, potevamo gestire meglio la partita (…). Gli è mancato un po ‘di concentrazione in alcuni punti della partita”, ha lamentato Pirlo.

L’allenatore non ha avuto altra scelta che lanciare in battaglia Cristiano Ronaldo (88 °) anche se è quindi un altro sostituto, Rafia, entrato subito dopo il pareggio genovese, che permetterà al torinese di incontrare il Sassuolo o il Spal (Serie B) in quarterback.

READ  Covid, Conte: "Arriveranno provvedimenti ad hoc per Natale, niente vacanze sulla neve"

– Lukaku come salvatore –

Il cartellone dei quarti di finale, tra due settimane, sarà il derby di Milano da quando i rossoneri, appena qualificati ai rigori martedì contro il Torino, come i nerazzurri, che hanno sofferto sul campo della Fiorentina (2-1 ai tempi supplementari), ci sono.

E ‘l’immancabile Romelu Lukaku, entrato al 70’ a piazzare un potente colpo di testa al termine dei tempi supplementari, che ha convalidato la qualificazione interna dopo una settimana complicata in campionato (solo un punto in due partite).

Questa partita è stata l’occasione per rilanciare Christian Eriksen, detentore ancora discreto, e Arturo Vidal, autore del suo primo gol stagionale su rigore assegnato dopo aver fatto ricorso al VAR per un difetto palese su Alexis Sanchez (40 °).

Ma l’Inter mostra ancora una certa leggerezza difensiva, in particolare sulla ripresa a tutto asse che ne approfitta per pareggiare l’attaccante della Fiorentina Christian Kouamé con una vettura sotto la traversa (57 °). Così come un inquietante imbarazzo davanti alla porta, con un incredibile fallimento di Lautaro Martinez (57 °) e una raccolta di occasioni mancate.

“È stata una vittoria importante per la fiducia”, ha detto Lukaku.

Il Napoli, campione in carica, ha dovuto lavorare anche contro l’Empoli (3-2), attuale capolista della Serie B.

La gioia dell’attaccante napoletano Andrea Petagna, realizzatore della partita di Serie A, il 25 ottobre 2020 al campo del Benevento (AFP / Archivio – Andreas SOLARO)

Andrea Petagna, al via dell’ultimo quarto d’ora (77 °), ha spento le ultime speranze dell’Empoli, tornando due volte a segno su due bei tiri dello svizzero Nedim Bajrami (33 °, 68 °).

READ  Questo banchiere vicino al mercato, inizia adesso la fase due per Unicredit- Corriere.it

Nei quarti il ​​Napoli affronterà Roma o La Spezia, che martedì giocheranno gli ottavi di finale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *