Coppa Davis: Un’altra fase finale di cattivo gusto… prima di un nuovo cambio di formula?

Coppa Davis: Un’altra fase finale di cattivo gusto… prima di un nuovo cambio di formula?

N. 318 contro N. 782 nel mondo. Questo è il poster che ha lanciato martedì l’ottava finale di Coppa Davis a Malaga, in Spagna. Anche se il primo di loro si chiama Milos Raonic, e ha già goduto la gloria di una finale Slam, non c’è motivo di esserne particolarmente interessato. Il canadese non vince sul circuito maggiore dallo scorso agosto e, rispetto a lui, Patrik Kaukovalta è uno sconosciuto in squadra, anche per la maggior parte degli specialisti del circuito… il che è sufficiente per lasciarci largamente insoddisfatti. I quattro smash sferrati dal gigante Raonic in avvio di gara ci hanno già convinto a spegnere la tv.

Un simbolo della fase finale in cui tutte le forme del gusto sono andate perdute. Così, nel programma, otto squadre (Canada, Finlandia, Repubblica Ceca, Australia, Italia, Paesi Bassi, Serbia, Gran Bretagna) si sfideranno fino a domenica in partite ad eliminazione diretta per la famosa Coppa d’Argento. Sulla carta perché no, ma in realtà è già un fallimento. Solo cinque membri dei primi 30 sono in Andalusia.

Djokovic, Sinner… e gli altri

L’unica sfida che resta sicuramente è vedere Novak Djokovic puntare a vincere una seconda Coppa Davis dopo la prima con la Serbia nel 2010. Il numero uno del mondo, recentemente incoronato campione del Masters ma saltato la stagione 2022, ha vinto il titolo nella “Greatest End of Season Wish”. Lo scorso ottobre. In questo formato due-uno-due, il “Joker” è quasi sicuro di segnare metodicamente il suo punto da solo in campo, prima di affidarsi a Laslo Dijri, Dusan Lajovic o Miomir Kekmanovic per un secondo punto, o anche su di lui Due copie.

READ  Un importante franchise del Museo APOEL, membro dell'ISMA con Real, Juventus e Bayern

Forse sulla sua strada incontrerà il suo aguzzino nella fase a gironi delle semifinali e la sua vittima nella finale del Masters, Jannik Sinner, presente anche con l’Italia. “Quello che è successo la settimana scorsa non ha molta importanza. Qui la competizione è completamente diversa. “Ho ancora un giorno per allenarmi e riposarmi”, ha avvertito il numero quattro del mondo al suo arrivo a Malaga.

Programma delle partite della Finale 8 della Coppa Davis a Malaga, Spagna. CR: Coppa Davis

Per il resto non c’è molto su cui affondare i denti. Il Regno Unito, che ha sconfitto la Francia in precedenza nella competizione dopo una soffocante doppietta, si presenterà senza la sua stella Andy Murray, che ha riportato un infortunio alla spalla. La Spagna, il paese ospitante, non ha ottenuto il biglietto durante la fase a gironi, e quindi i tifosi non avranno la possibilità di tifare un certo Carlos Alcaraz, per esempio… Abbiamo quindi lasciato il posto al Canada, campione in carica, per aprire la palla contro la Finlandia. Che ha regalato a Raonic-Kaukovalta e Diallo-Virtanen due partite meno che ottime nei primi due incontri. Ci sono alcuni nomi di leader come il numero uno dell’Australia Lleyton Hewitt, l’eccentrico della Serbia Viktor Troicki, lo specialista del doppio olandese Paul Haarhuis o anche il direttore del torneo Feliciano Lopez, che sono più sognanti.

Formula allungata per il 2025?

Almeno gli organizzatori hanno evitato di commettere l’errore di riempire gli spalti, dato che il 90% dei biglietti era già stato venduto prima dell’inizio della settimana. Menzione speciale ai 6.000 finlandesi che martedì sono venuti a sostenere la loro squadra. Per gli appassionati di tennis francesi – e questa settimana bisogna essere dei grandi tifosi – tutte le partite potranno essere seguite sui canali del gruppo BeIN Sports. Per una delle ultime volte?

READ  ATP - Zara 2023 - Diretta streaming - Risultati - Italiani al potere - Info sportive - Skate

Lo ha spiegato questa settimana il presidente della Federazione internazionale di tennis I nostri colleghi dell’Equipe Ha aggiunto che l’ITF sta studiando “le opzioni che si sono presentate, sia per implementare una nuova formula nel 2025, sia per mantenere la formula attuale”. Se David Haggerty si dice “molto a suo agio” con il formato in vigore dal 2019, la nuova alternativa potrebbe vedere la luce in due stagioni con un “formato andata e ritorno (casa e trasferta) nell’arco di due anni con l’attuale formato di le finali.” La decisione dovrebbe essere presa il prossimo marzo.

Ma questo non deve essere visto come una revisione completa della Coppa Davis. Le modifiche ai margini dovrebbero essere apportate con poche variazioni nella durata temporale e un ultimo 8 ogni due anni. L’obiettivo: riportare in campo i migliori giocatori del mondo che evitano di competere a metà stagione a causa della sequenza dei tornei. Ma la fase finale non dovrebbe muoversi. Ci fa dimenticare ancora di più l’essenza della competizione…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *