“Controllano anche il mio cellulare”: Rad-Star dump – bici da corsa

Matej Muhorek ha liberato la sua anima. © APA / afp / PHILIPPE LOPEZ

Alla fine della sua vittoria, Matej Muhoric si è visibilmente sbattuto la maglietta e si è portato provocatoriamente l’indice alle labbra. Poi l’ha smontato.

Meno di 40 ore dopo il raid notturno di doping della sua squadra Bahrain Victorious, i campioni di Slovenia hanno festeggiato a Libourne. La sua seconda vittoria di tappa al Tour de France E voleva sgridare tutti i critici con gioia. “Sono deluso dal sistema. Non va bene per la polizia stare nella tua stanza e rovistare tra le tue cose. Guardano le loro cose, leggono le notizie sui loro cellulari”, ha detto il vincitore della corsa di 207 chilometri. corsa da Mourenx a Libourne venerdì.

La Procura della Repubblica di Marsiglia, nella città di Pau, giovedì sera, ha perquisito le stanze dell’Arab Cycling Team Hotel con l’accusa di doping fino alle due del mattino.

“Mi sentivo un criminale”
Matej Muhuric parla del raid notturno stimolante

Non è stato trovato nulla che potesse supportare il sospetto, motivo per cui alla squadra è stato permesso di continuare. Al Bahrain-Victorious ti sei visto trattato ingiustamente e vittima del tuo stesso successo. “Mi sentivo un criminale”, si è lamentato il vincitore. Le immagini dei Pirenei si sono nuovamente affrontate negli ultimi 1000 metri, quando la sua vittoria era già certa.

“Non hai trovato nulla con noi. Non abbiamo nulla da nascondere. ” Nonostante tutto il trambusto, il vincitore ha esultato, il festival sloveno con lui e Tadej Pojákár (maglia gialla, tre vittorie) sta andando avanti felicemente. Muhorek, d’altra parte, ha commentato il raid che “è bene stare attenti e controllare in modo che nessuno possa barare”.

READ  Degoo, la piattaforma di cloud storage con 500 GB gratis

Autore: dpa

Raccomandazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *