Conor McGregor accusato di aver picchiato violentemente DJ in Italia

Di passaggio in Italia da qualche giorno, Conor McGregor è accusato di aver colpito in faccia un famoso dj d’Oltralpe, Francesco Facchinetti.

Ancora una volta, si parla di Conor McGregor in pessimi termini. Questo fine settimana il pugile irlandese è stato in Italia, e più precisamente a Roma, recandosi in particolare in Vaticano per far battezzare il suo ultimo figlio. In seguito ha anche avuto l’opportunità di incontrare il nuovo allenatore della Roma, un certo José Mourinho, al quale ha offerto una bottiglia del suo whisky. Il tecnico portoghese, ovviamente molto felice di aver visto la stella delle MMA, ha pubblicato sulla scia di una foto e di un messaggio molto lusinghiero su Instagram: “Sì è lui! Sì, il grande Conor McGregor è a Roma e sì, è stato un vero piacere incontrarlo, condividere alcune storie e regalargli la maglia più bella della città, quella della Roma”..

LEGGI ANCHE:
Conor McGregor si rende ridicolo prima di una partita di baseball [Vidéo]

Dj accusa McGregor di averlo picchiato

Ma quel viaggio in Italia ovviamente ha visto McGregor uscire di nuovo dai binari. Francesco Facchinetti, un noto DJ italiano in Italia, ha affermato su Instagram che il combattente 33enne si è rotto il naso dopo una festa a cui hanno partecipato: “Alle 2:30 di quella notte, sono stato attaccato da Conor McGregor. Il famosissimo McGregor, che mi ha colpito in bocca, mi ha rotto il naso davanti a 10 testimoni, suoi amici e le sue guardie del corpo. Mi ha attaccato senza motivo perché abbiamo parlato per più di 2 ore e ci siamo divertiti insieme. Avrei potuto tacere e non dire niente a nessuno, ma visto che sono qui devo dire che questa persona è davvero violenta e pericolosa”. Ha preso la parola anche la moglie di Facchinetti per discutere dei fatti, ai quali ha assistito: “Per nessun motivo, Conor ha dato un pugno in faccia a Francesco. Ci aveva appena invitato a un’altra festa. Francesco ha detto: “No, andiamo”, ed è stato colpito. Fortunatamente, era molto vicino a Conor, quindi il pugno non era molto potente. Francesco è volato indietro, è caduto sul tavolo, poi a terra”. Una scena spaventosa e che sarà oggetto di un procedimento giudiziario da parte della vittima, determinata a non lasciar passare questo gesto iperviolento e gratuito.

READ  Sogno Atalanta, Inter (quasi) all'inferno. E la Champions League ne ha già 6 qualificati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *