“Come ricostruire l’economia francese con il denaro privato” – rubrica di Christian Saint-Etienne – Economia

La Cina raddoppia l’Europa in termini di importi annui di private equity, sia nel biotech che nel digitale, e il rating è declassato rispetto agli Stati Uniti di un fattore 4 nel biotech e 2 nel digitale. È quindi imperativo che tutti gli attori istituzionali europei triplichino i loro investimenti di private equity, almeno entro tre anni, se vogliamo evitare l’emarginazione.

La stessa sfida di triplicare gli investimenti di private equity in tre anni si sta imponendo agli investitori istituzionali francesi. Questa necessità è un’opportunità data la differenza corrispondentemente a favore del private equity.

L’accelerazione della crescita francese è essenziale se vogliamo evitare di cadere in disavanzo. Il disavanzo pubblico francese, in media annuo, è stato del 2,8% del PIL nel periodo 2017-2019 e dovrebbe essere di 8 punti del PIL nel periodo 2020-2022. L’impatto della crisi sulla Francia si misura con una perdita di capitale di circa 110 miliardi di euro per le imprese e un aumento del debito pubblico di 450 miliardi di euro in questo periodo.

deficit esterno. La Francia è l’unico grande paese dell’Eurozona che dovrebbe registrare un disavanzo esterno con un disavanzo annuo delle partite correnti di 1,6 punti percentuali del PIL nel periodo 2020-2022. La Germania ha un surplus annuo di oltre 7 punti percentuali del PIL, l’Italia ha un surplus annuo di 3 punti percentuali del PIL e la Spagna ha un piccolo surplus.

La questione centrale dell’economia francese nel 2021-2022 riguarda la ristrutturazione del 1/7e Da un lato, creare nuovi settori di crescita ed esportazione per eliminare il deficit estero e creare posti di lavoro nella new economy nei prossimi cinque anni, dall’altro.

READ  Bezos negli occhi di Biden sulle tasse di Amazon

Questi vari elementi mostrano che la Francia soffre di una carenza di approvvigionamento legata al massiccio declino dell’industrializzazione negli ultimi 20 anni.

La questione centrale dell’economia francese nel 2021-2022 riguarda la ristrutturazione del 1/7e Da un lato, creare nuovi settori di crescita ed esportazione per eliminare il deficit estero e creare posti di lavoro nella new economy nei prossimi cinque anni, dall’altro.

Il recente aumento degli investimenti dei fondi di private equity francesi a favore della tecnologia (bio e digitale) è significativo, ma gli importi in gioco sono molto bassi se vogliamo promuovere il rinnovamento del settore produttivo francese. In percentuale del PIL, la Francia ha investito in tecnologia tre volte meno degli Stati Uniti nel 2020 (23 volte meno dollari investiti). Per ricostruire il Paese, l’importo investito in private equity in Francia da investitori di private equity (e investitori istituzionali francesi) deve scendere da 12,5 miliardi di euro nel 2020 – tutti i settori messi insieme ma per le sole aziende francesi – a 35 miliardi di euro all’anno, incluso Sono almeno 15 miliardi di euro in tecnologia (rispetto ai 6 miliardi del 2020).

robot. Questo è tutt’altro che inverosimile (prospettive di assicurazione sulla vita a fine marzo 2021: 1.812 miliardi di euro, in aumento del 4% su un anno; disparità Livret A e LDDS a fine aprile 2021: 467 miliardi di euro; surplus di risparmio delle famiglie francesi Con per quanto riguarda la crisi: 140 miliardi di euro), ma questo presuppone una strategia specifica per la digitalizzazione, l’automazione, l’europeizzazione dell’economia francese e il massiccio sviluppo della tecnologia francese nel periodo 2022-2026.

READ  Tunisia - Ali Al-Kouli esita a riprendere il servizio?

La Francia spende 800 miliardi di euro all’anno per la protezione sociale, meno di 40 miliardi di euro per la difesa e 12 miliardi di euro per il private equity.

Per mobilitare i risparmi dei francesi verso gli investimenti azionari, possiamo proporre la creazione di un nuovo PEA, in aggiunta agli esistenti PEA e PEA-PME. Sarà gravato sulle partecipazioni per le aziende con meno di 5.000 dipendenti (al momento dell’investimento), come PEA-PME, ma avrà un tetto speciale di 225.000 euro in aggiunta all’attuale tetto di 225.000 euro. quantità di PEA e PEA-PME, oggetto di investimento in società tecnologiche (in particolare in biotecnologia, fintech, agrotecnologia, tecnologia pulita, ecc.) che hanno sede nell’Unione Europea, con un orientamento francese, hanno mantenuto fondi in questo fondo azionario PEA da più di otto anni.

I fondi saranno investiti direttamente dal proprietario o tramite fondi di private equity. Reddito e plusvalenze saranno fiscalmente deducibili in cambio di una garanzia del capitale pari all’80% dell’importo iniziale investito in fondi di private equity. In caso di decesso del titolare, il PEA-Equity Equity Fund verrà convertito in esentasse con un nuovo impegno di otto anni.

La Francia spende ogni anno 800 miliardi di euro per la protezione sociale, meno di 40 miliardi di euro per la difesa e 12 miliardi di euro per il private equity, mentre le sue forniture produttive sono insufficienti e le sue finanze pubbliche allo sbando. Sono necessari altri compromessi.

Christian Saint-Étienne è professore all’Istituto Nazionale di Arti e Mestieri e autore di “Le Libréralisme Strategège” (Edizioni Odile Jacob, settembre 2020).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *