Nei prossimi due anni in Grecia, un aumento del totale …

Il calo della produttività del capitale e del lavoro nel 2020 è dovuto al calo dell’attività economica e all’interruzione delle catene di approvvigionamento a causa della pandemia, con conseguente ridistribuzione delle risorse meno efficiente, secondo il settimanale finanziario di Alphabet. D’altra parte, nei prossimi anni si prevede che l’automazione e la digitalizzazione più rapide verificatesi negli ultimi due anni miglioreranno notevolmente la produttività.

Di seguito le principali conclusioni che emergono dall’analisi dei dati disponibili sul percorso della produttività, durante l’epidemia nel nostro Paese, l’importanza degli investimenti che si prevede verranno realizzati all’interno del Piano nazionale di ripresa e sostenibilità “Grecia 2.0” , per aumentare la produttività, ma anche le proiezioni della Commissione Europea per il suo sviluppo nel prossimo biennio. Quanto sopra può essere riassunto come segue:

Il calo della produttività del lavoro per dipendente nel corso del 2020 è stato il risultato di un calo più ampio del PIL, rispetto a un modesto calo dell’occupazione. Ma nel 2021 si prevede che la produttività del lavoro aumenterà, per compensare gran parte delle perdite dell’anno precedente a seguito di una forte ripresa dell’attività economica e di un leggero aumento dell’occupazione.

– Nel 2022-2023, secondo le previsioni d’autunno della Commissione Europea (European Economic Outlook, Autunno 2021), la crescita economica dipenderà principalmente dalla crescita guidata dalla produttività (crescita guidata dalla produttività) e secondariamente dalla creazione di posti di lavoro (Grafico 1).

– La produttività totale dovrebbe aumentare nel prossimo biennio, in quanto l’apporto di capitale è leggermente superiore a quello del lavoro (Graf. 3a). Tale aumento è legato al previsto aumento degli investimenti (del 13,4% nel 2022 e dell’8,2% nel 2023 anno su anno), nel contesto dell’attuazione del Piano nazionale per la ripresa, la sostenibilità e l’assorbimento delle risorse europee. Recovery Fund, ma anche investimenti privati ​​che dovrebbero essere mobilitati.

– Lo sviluppo della produttività delle piccole e medie imprese (PMI) è di particolare importanza per la Grecia, il cui rafforzamento è uno dei principali obiettivi del Piano nazionale per la ripresa e la sostenibilità, in quanto ha una quota dell’83% dell’occupazione totale e del 56,7% % del valore aggiunto totale (GVA) del Paese (dati 2020 Commissione Europea, Documento Informativo di Base Paese 2021 per Piccole e Medie Imprese – Grecia).

READ  Vertice G20 sull'Economia Digitale in Italia: la Repubblica Democratica del Congo partecipa e rappresenta il continente

In particolare, la produttività del lavoro è calcolata come il PIL reale del numero dei dipendenti, o in alternativa, del totale delle ore lavorate dai dipendenti, per un determinato periodo di tempo (produttività per dipendente, o per ora lavorata). Pertanto, il tasso di crescita economica può essere espresso – tra l’altro – come somma delle variazioni dell’occupazione e della produttività del lavoro (Graf. 1). Come si può vedere dal grafico, la produttività del lavoro per addetto è diminuita durante la maggior parte del decennio precedente (ad eccezione degli anni 2015, 2017 e 2019), la spesa per investimenti è diminuita significativamente durante la recessione, la quota dei consumi è stata superiore alla formazione di capitale e il debole stock di capitale produttivo nel paese. Di conseguenza, il fattore produttivo del lavoro ha interagito nel processo produttivo con un capitale di bassa qualità, poiché non è stato sufficientemente reintegrato e le nuove tecnologie e innovazioni dell’ultimo decennio non sono state pienamente integrate.

Tuttavia, nel 2019, insieme all’aumento dell’attività economica e dell’occupazione in Grecia, il contributo della produttività del lavoro per dipendente alla variazione del PIL è stato positivo. Questa tendenza al rialzo è stata interrotta dall’epidemia, a causa del calo dell’attività economica, nonché per le misure adottate per affrontarne gli effetti negativi, che sono legati alla sospensione del lavoro di alcuni settori dell’economia e all’adozione di forme flessibili di lavoro (lavoro). part time). con ulteriori stipendi statali, permessi per scopi speciali, ecc.). Tali misure hanno comportato – in larga misura – il mantenimento del posto di lavoro, con una significativa riduzione, tuttavia, dei tempi di assunzione del personale. Quest’ultimo si è riflesso in indicatori come l’aumento dell’assenteismo e la diminuzione dell’orario di lavoro e, a sua volta, ha portato a una diminuzione del prodotto prodotto.

2

In particolare, nel corso del 2020 la produttività del lavoro per addetto è diminuita del 7,9% rispetto al 2019, in quanto il numero dei dipendenti è diminuito in maniera relativamente contenuta (-1,2% dati di contabilità nazionale), mentre l’economia produttiva ha registrato un forte calo (-9% anno su anno). ). ). Al contrario, la produttività per ora lavorata è aumentata, in particolare nel secondo e quarto trimestre del 2020, quando sono state attuate le misure di lockdown e le ore lavorate sono diminuite rispettivamente del 28,1% e del 9,4% anno su anno (Grafico 2a).

READ  Quali aziende non prendono prestiti dalle banche?

Allo stesso tempo, il tasso di disoccupazione è diminuito nel 2020, a causa della maggiore diminuzione annua della forza lavoro (disoccupati e occupati) rispetto alla diminuzione dell’occupazione (Grafico 2b). Ciò è dovuto principalmente al fatto che una parte della popolazione disoccupata, a causa delle condizioni prevalenti – sanitarie e finanziarie – è stata dissuasa dal cercare lavoro, ha dichiarato di non essere disponibile e, di conseguenza, si è trasferita in modo non finanziario. popolazione attiva.

Tuttavia, dal secondo trimestre del 2021 in poi, si registra nuovamente un aumento significativo dell’occupazione e della forza lavoro, mentre il tasso di disoccupazione si è stabilizzato al 13,3% ad ottobre, il tasso di disoccupazione più basso al mondo. Registrato a settembre 2010. Nel secondo trimestre di quest’anno le ore lavorate (+29,9% a/a) hanno registrato un notevole recupero, mentre una significativa crescita del PIL nel terzo trimestre dell’anno ha aumentato la produttività del lavoro per lavoratore per ogni ora di lavoro.

Secondo il rapporto autunnale della Commissione Europea, l’occupazione e, soprattutto, la produttività del lavoro di ciascun dipendente dovrebbe aumentare nei prossimi due anni. In particolare, l’occupazione dovrebbe aumentare a un tasso di circa un punto percentuale all’anno nel triennio 2021-2023, mentre la produttività del lavoro è stimata in aumento del 5,9% nel 2021, anno su anno e in aumento del 4% nel 2022 e 2,6% nel 2023. Come accennato in precedenza, è di grande importanza per la Grecia rafforzare la competitività delle PMI ma anche aumentarne le dimensioni, che sono gli obiettivi del piano “Grecia 2.0”. Si segnala che, secondo i dati dell’UE, la produttività delle piccole e medie imprese (PMI) in Grecia è stimata in 11.400 euro (valore aggiunto totale per dipendente) per il 2020, rispetto ai 40.000 euro nell’UE27, mentre nel nostro Paese PMI ne impiegano alcuni La sua media è di 3 dipendenti, rispetto ai 3,7 dipendenti nell’UE -27.

Inoltre, la Commissione Europea prevede che nei prossimi due anni il salario nominale per dipendente (salario orario totale) aumenterà, anche se a un ritmo più lento rispetto alla produttività (Grafico 1), che dovrebbe ridurre il costo unitario del lavoro. E rafforzare ulteriormente la competitività dell’economia greca. Nello specifico, i salari per dipendente dovrebbero aumentare dello 0,6% nel 2022 e dell’1,5% nel 2023 anno su anno (Grafico 1). Si noti che i salari pro capite dei dipendenti in generale sono diminuiti nell’ultimo decennio, nel quadro dei programmi di aggiustamento economico e della politica interna di svalutazione della valuta attuata, al fine di rafforzare la competitività e l’apertura dell’economia greca. Nel 2020 questo numero è diminuito dello 0,7% su base annua, un dato leggermente più moderato rispetto al calo dell’occupazione, mentre nel 2021 si stima sia rimasto invariato.

READ  Boom del CAC 40, la Federal Reserve e l'economia all'orizzonte

3

Il Piano nazionale per la ripresa e la sostenibilità comprende riforme strutturali e investimenti in nuove tecnologie che, se attuate, dovrebbero aumentare significativamente la produttività dell’economia greca e la sua transizione verso un modello produttivo incentrato sugli investimenti, sostenuto da un maggiore sostegno esterno. L’impatto positivo atteso degli investimenti del Recovery Fund si riflette nelle previsioni di produttività della Commissione Europea (Grafico 3a). Come si evince dal grafico, nel prossimo biennio, in Grecia, si prevede un aumento della produttività totale, in cui il contributo della produttività del capitale è leggermente superiore a quello del lavoro. Allo stesso modo, nell’Eurozona si stima che la produttività complessiva aumenterà, ma l’aumento proverrà principalmente dalla forza lavoro (Graf. 3b). Vale la pena notare che la produttività dei fattori di produzione in Grecia è ancora in ritardo rispetto all’inizio della crisi economica del paese, all’inizio dell’ultimo decennio. Pertanto, concludiamo che l’uso delle risorse del Fondo europeo di sviluppo è di fondamentale importanza, poiché si prevede che avrà effetti moltiplicatori sull’attività economica, aumentando il capitale produttivo del Paese e la produttività. dei fattori di produzione.

È possibile visualizzare il bollettino settimanale completo degli sviluppi finanziari di Alfa Bank nel relativo file nella colonna di destra “Storico correlato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *