Come orientarsi tra le tecniche di preparazione mentale nello sport

Come orientarsi tra le tecniche di preparazione mentale nello sport

Nell'era dei social network, quale atleta di alto livello non è stato avvicinato da un professionista che si presenta come mental coach o trainer per vendere la sua tecnica? Un simile approccio ostenta la sua esistenza “Ha già aperto centinaia di atleti” la recitazione “Direttamente sull'ID per migliorare le prestazioni, senza sforzo” Metti mi piace a questo post chiama a “Allenamento mentale attivo” Un altro promettente l “Andare oltre il classico setup mentale e renderlo più realistico, più veloce e quindi più efficace.”

Cosa hanno in comune ciascuno di questi metodi? Definirti come “Unico” e “Innovativo”Fino a “rivoluzionario” Nel sostenere gli atleti, con l'obiettivo di farli superare i propri limiti fornendo la soluzione per raggiungere questo obiettivo. Spesso, a falsa garanzia di attendibilità, i concetti vaghi proposti hanno una colorazione vagamente scientifica. Alcuni mostrano un senso avanzato del marketing: il loro metodo è oggetto di un marchio registrato o di un libro da sviluppare e talvolta è ben visibile sugli scaffali delle librerie.

Leggi anche: Il materiale è riservato ai nostri abbonati Il sostegno psicologico agli atleti è un “lavoro” che fa bene ai “marshmallow”

La letteratura sulla preparazione mentale è ormai abbondante quanto gli strumenti che hanno ampliato il campo delle possibilità, al punto che per gli atleti, È difficile separare il grano dalla pula. “Alcuni metodi sono diffusi, ma non hanno validità scientifica”. osserva Marjorie Bernier, docente all'Università di Brest e autrice della sua tesi di dottorato in scienze dello sport. «Anche fingere di basare il proprio stile sulle neuroscienze è un grande classico». Il ricercatore che cita continua “Metodi di programmazione o neurolinguistici basati sulle preferenze motorie” Qualunque Stabilisce Profili di personalità basati su test motori.

READ  Marte: una veduta panoramica del rover cinese

“Operazioni ponderate”

“In base a come cammini, sappiamo come pensi.” Caricatura di Jean Fournier, docente all'Università di Parigi Nanterre e ricercatore in psicologia della prestazione. Molti degli strumenti di valutazione psicologica su cui si basano queste tecniche sono stati messi in discussione dalla comunità scientifica, in particolare dall’American Psychological Association.

Altri sono strettamente legati alla formazione, ad es Linguaggio pulito (Clean Language) – una tecnica di domande e risposte per aiutare gli atleti a comprendere meglio il loro comportamento – è stata sviluppata negli anni ’80 dallo psicologo neozelandese David Grove.

Hai il 65% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *