Come Grosjean si sta preparando per il suo nuovo inizio in IndyCar

Come Grosjean si sta preparando per il suo nuovo inizio in IndyCar

Romain Grosjean ha sviluppato un talento per un rapido inizio di stagione durante il suo breve periodo nella IndyCar Series. Dopotutto, quattro dei suoi cinque secondi posti sono arrivati ​​prima di giugno. Il francese di origine svizzera attende con ansia i primi pronostici di vittoria con la sua nuova squadra, Juncos Hollinger Racing, ma ritiene che ci siano tutti gli ingredienti per progredire e produrre ottimi risultati.

L'ex veterano della Formula 1 Grosjean è passato alla JHR durante la bassa stagione dopo un periodo di due anni con la Andretti Autosport. Da quando è diventato un team a tempo pieno nella IndyCar Series nel 2022, JHR è passato da una vettura a due ed è costantemente migliorato, passando dalla top 10 al raggiungimento di due piazzamenti nella top five lo scorso anno con Callum Ilott, che ha sostituito Grosjean in l'auto numero 77. Per il team Chevrolet 2024.

Inoltre, non fa male il fatto che durante la bassa stagione, JHR abbia potuto aggiungere un po' di papaya alla sua dieta dopo aver stretto un'alleanza strategica con Arrow McLaren. Il concetto è diventato una tendenza costante nella serie, con Meyer Shank Racing che ha stabilito un'associazione tecnica con Andretti Global e AJ Foyt Racing che ha seguito un rapporto simile con il Team Penske.

Anche se tutto sembra andare per il verso giusto, Grosjean è ancora riluttante ad annunciare un piazzamento sul podio come opzione quando la stagione inizierà questo fine settimana sulle strade di San Pietroburgo.

“Beh, penso che potrebbe essere troppo presto per parlare di vittorie”, dice il 37enne. “Cercheremo sicuramente di fare tutto il possibile, ma dobbiamo anche essere realistici sul fatto che siamo in crescita.

READ  La Tesla Model S Plaid cerca vendetta nelle corse di resistenza sulla Porsche Taycan

“La squadra sta andando molto bene negli ultimi anni, ma è ancora una squadra di tre anni. Quindi c'è molto lavoro da fare, ma penso che tutti siano molto motivati ​​e pienamente consapevoli di ciò che possiamo fare. raggiungere e ciò che non possiamo ottenere. Questo è positivo.

Grosjean ha obiettivi modesti per la sua nuova alleanza con Juncos Hollinger Racing

Fotografia: Penske Entertainment

“Cercheremo sicuramente di essere tra i primi 10 all'inizio e poi vedremo se riusciremo a entrare tra i primi cinque e oltre. Ma passo dopo passo, sappiamo dove siamo e sappiamo dove vogliamo andare.”

Grosjean, che ha ottenuto tre pole position nella IndyCar, ammette anche che un ostacolo da superare è finire la 500 Miglia di Indianapolis: è caduto presto in entrambe le partenze. Secondo lui “almeno provare a vedere la bandiera a scacchi sarebbe un buon inizio”.

JHR è la terza squadra di Grosjean in quattro anni in IndyCar da quando ha debuttato con Dale Coyne Racing per una stagione parziale nel 2021.

“Sono entusiasta di vedere cosa possiamo fare insieme. Sono realista riguardo a dove siamo e cosa dobbiamo fare.” Romain Grosjean

“Ovviamente questa è sempre una sfida”, ammette. “Ci sono sempre cose a cui dobbiamo adattarci. Ma come ho detto, tutti sono molto aperti. Sono entusiasta di vedere cosa possiamo fare insieme. Sono realista riguardo a dove siamo e cosa dobbiamo fare. Ma è così” IndyCar, e in pista tutto può succedere.” “Faremo in modo di cogliere ogni opportunità possibile.”

Uno degli ostacoli più grandi è l’imminente passaggio a metà stagione a un propulsore ibrido dopo la Indy 500. Finora solo quattro squadre l’hanno testato: Andretti Global, Arrow McLaren, Chip Ganassi Racing e Team Penske.

READ  HarmonyOS di Huawei ha decollato i dispositivi domestici intelligenti

JHR è tra gli altri team in programma di fare la sua prima uscita con l'ibrido a fine marzo sul percorso stradale dell'Indianapolis Motor Speedway. Inutile dire che Grosjean è tra coloro a cui il suo ritardo non ha dato fastidio.

“Per noi è stato difficile”, dice. “Per alcuni era una caratteristica molto importante, e quando abbiamo avuto il meeting dei piloti all’inizio di dicembre, i ragazzi mi facevano una domanda sull’ibrido, e non avevo idea di cosa stessero parlando.

La JHR non ha fatto parte dei test ibridi completati finora, quindi Grosjean non è preoccupato di ritardarne l'approvazione

La JHR non ha fatto parte dei test ibridi completati finora, quindi Grosjean non è preoccupato di ritardarne l'approvazione

Foto di: IndyCar Series

“Sono decisamente felice che sia stato rinviato. “Ci permetterà anche di iniziare con una concept car conosciuta e proseguire da lì per vedere quando arriverà l'ibrido, e si spera che per allora avremo molte conoscenze a riguardo.”

Riflettendo sul periodo trascorso con Andretti, che non gli ha portato alcuna ambizione di vittoria o di sfidare il titolo, Grosjean è ancora in grado di trarre aspetti positivi dall'esperienza.

“Bene, penso che ci abbiamo provato, e avevamo molta fiducia nella nostra capacità di competere per il campionato, ma non ci siamo riusciti”, dice. “Mi sono divertito moltissimo con delle persone fantastiche negli ultimi due anni e mi sono fatto molti buoni amici.

“Ma in questo momento sono più interessato a concentrarmi sul 2024 e vedere cosa possiamo fare con il Juncos Hollinger Racing Team piuttosto che lamentarmi del passato. Tanti bei tempi, tante buone posizioni, podi. Non è andata a modo nostro. Ma il prossimo capitolo “È la cosa più importante”.

Grosjean non è riuscito a vincere una gara ad Andretti: potrà raggiungere quell'impresa con JHR?
READ  2021 Drive Car of the Year - Migliore auto di lusso di medie dimensioni

Grosjean non è riuscito a vincere una gara ad Andretti: potrà raggiungere quell'impresa con JHR?

Fotografia: Gavin Baker / Immagini di sport motoristici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *