Cioccolato fondente, l'alleato inaspettato del tuo cervello

Cioccolato fondente, l'alleato inaspettato del tuo cervello

Il cioccolato fondente ha un contenuto di cacao più elevato ed è meno dolce rispetto al cioccolato al latte e al cioccolato bianco. Pertanto l’indice glicemico è più basso. Ricco di polifenoli, potenti antiossidanti, il cioccolato fondente aiuta a combattere gli effetti dell'invecchiamento. Compreso il declino cognitivo! Aiuta ad abbassare la pressione sanguigna, riducendo così il rischio di malattie cardiovascolari e ictus. Il cioccolato fondente, infine, migliora l'umore, riduce lo stress e l'ansia e favorisce il sonno grazie alla sua capacità di rilassare. Sono tanti i motivi per “innamorarsi” di questi deliziosi quadretti…

Una risorsa per il cuore ma anche per il cervello

Il cioccolato fondente è sicuramente ricco di grassi (contate circa 45 grammi di grassi per 100 grammi di cioccolato al cacao 85%). Ma il burro di cacao contiene principalmente acido stearico. Quest'ultimo, a differenza degli altri acidi grassi saturi, non aumenta i livelli di colesterolo cattivo. Al contrario, aiuta a mantenere la salute cardiovascolare. Il cioccolato fondente, in ragione di uno o due quadratini al giorno, è molto benefico per la salute. Più è ricco di cacao, maggiori saranno i suoi effetti.

Fonte immagine: Pixabay Non tutto il cioccolato è uguale! Il cioccolato fondente ha le migliori qualità nutrizionali, soprattutto se è ricco di cacao.

I suoi benefici sulle capacità cognitive sono di particolare interesse per gli scienziati. Studio pubblicato nel 2017 Nella rivista Frontiere della nutrizione Ha sottolineato in particolare il fatto che i flavanoli – una forma di flavonoide presente nel cacao – possono essere benefici per il funzionamento del cervello umano. Migliora la memoria, la concentrazione e la vigilanza e promuove la conservazione delle capacità intellettuali negli anziani. Tre ricercatori dell’Università di Scienze Mediche di Isfahan in Iran hanno esplorato gli effetti del cioccolato sul cervello.

Attraverso un esperimento sui topi, sottoposti ad una dieta diversa a base di cioccolato fondente, hanno scoperto che questo alimento influisce positivamente sulle sinapsi in una zona specifica del cervello, chiamata ippocampo – che fa parte del sistema limbico che svolge un ruolo ruolo centrale nel processo di memoria e navigazione spaziale. I risultati del loro studio sono stati pubblicati in revisione Neuroscienze nutrizionaliÈ stato inoltre dimostrato che il consumo di cioccolato fondente non influisce sul peso corporeo. Potrebbe anche tendere a mangiare di meno.

READ  Grazie all'aggiornamento la missione di Euclid è stata salvata!

Facilitare la comunicazione tra i neuroni dell’ippocampo

Trentacinque topi sono stati divisi in cinque gruppi. Un gruppo fungeva da controllo, un gruppo era esposto allo stress e gli altri tre erano esposti allo stress. Ma allo stesso tempo segui una dieta a base di cioccolato fondente. Questo era disponibile in tre versioni! I topi stressati con la dieta “forzata” hanno ricevuto solo cioccolato fondente. Quelli che seguivano la dieta “scelta” ricevevano cibo illimitato e/o cioccolato fondente. Infine, il gruppo con dieta “ristretta” ha ricevuto cibo illimitato e solo 4 grammi di cioccolato fondente al giorno.

I ricercatori hanno misurato la pendenza e l’ampiezza dei potenziali postsinaptici eccitatori – che rendono i neuroni postsinaptici più propensi ad attivare un potenziale d’azione – durante l’esperimento. Hanno anche valutato l'assunzione di cibo e il peso corporeo di ciascun roditore.

Per prima cosa hanno osservato che la pendenza e l’ampiezza dei potenziali postsinaptici eccitatori erano significativamente ridotte nel gruppo di topi stressati. Questo viene confrontato con il gruppo di controllo. Queste quantità hanno mostrato solo un miglioramento “non significativo” nel gruppo di topi sottoposto alla dieta “scelta”. D’altro canto, sono cambiati significativamente nelle diete “obbligatoria” e “ristretta” rispetto al gruppo di topi stressati. Ciò suggerisce che il consumo regolare di cioccolato fondente migliora la trasmissione nervosa.

Proteggiti dalla demenza

“Sebbene lo stress causi disfunzioni cerebrali, mangiare cioccolato fondente ha effetti positivi sulla funzione cerebrale”, hanno scritto i ricercatori nel loro articolo. Queste osservazioni riguardano in particolare l'area CA1, una delle quattro strutture fondamentali dell'ippocampo. CA1 è la prima area del circuito ippocampale, da cui gli assoni dei neuroni si estendono verso la corteccia entorinale. Un'area del cervello coinvolta nei meccanismi dell'olfatto e della memoria.

READ  Bilancio record per il 2024 per l’aviazione europea

“Sia le diete forzate che quelle restrittive hanno invertito gli effetti deleteri dello stress cronico da isolamento sulla forza sinaptica, sulla plasticità, sull’apprendimento e sulla memoria dell’ippocampo”, conclude il team. comunicato stampa. I tre ricercatori hanno anche notato che l’assunzione di cibo e il peso corporeo sono diminuiti significativamente nei tre gruppi che includevano il cioccolato fondente nella loro dieta. Soprattutto nel caso di sistemi obbligatori e restrittivi.

Solo un esperimento simile sugli esseri umani conferma che questi risultati valgono anche per gli esseri umani. Ciò non sarebbe sorprendente. Infatti, diversi studi hanno già dimostrato che il cioccolato ha un effetto protettivo contro le malattie. Ad esempio, il morbo di Alzheimer e la demenza in generale. Subordinare Ricercatori della Harvard Medical School Ad esempio, è stato dimostrato che il consumo regolare di cacao (in questo studio sotto forma di due tazze di cioccolata calda al giorno) può compensare un leggero calo delle capacità cognitive nelle persone anziane.

L'articolo è stato originariamente pubblicato nel maggio 2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *