Bonus d’attacco, mischia, sostituti… le quattro domande sollevate dalla sofferta vittoria della Francia sull’Uruguay

Bonus d’attacco, mischia, sostituti… le quattro domande sollevate dalla sofferta vittoria della Francia sull’Uruguay

La squadra francese del XV ha vinto giovedì senza brillare contro l’Uruguay, nella sua seconda partita ai Mondiali (27-12).

Immaginavamo una festa offensiva dopo la prova di forza contro la Nuova Zelanda, ma i Blues hanno regalato una prestazione senza molto sapore contro l’Uruguay, giovedì 14 settembre, nonostante la vittoria (27-12). Con 12 cambi su 15, Fabien Galthier aveva già optato per una profonda revisione del personale, che non ha dato la garanzia sperata. Ecco le quattro domande che incombono sugli ottavi di finale della Francia dopo questa seconda partita.

Cosa devono correggere gli azzurri?

Le lezioni apprese da questa partita con una squadra ampiamente rinnovata dovrebbero essere messe in prospettiva. Ma la Francia ha commesso ancora una volta un errore in un settore specifico nei confronti dei neri: le partenze. Contro i neozelandesi, il XV francese ha concesso mete all’inizio del primo e del secondo tempo. Di fronte ad Al novizi, I Blues sono stati nuovamente sorpresi fin dall’inizio, poiché ha ricevuto il suo sforzo in disparte. È stato anche il lungo gioco di contropiede, che ha fatto tanto male ai Blues nella prima partita, che è arrivato il pericolo. Due aree da correggere rapidamente.

Questa volta la mischia francese ha ampiamente battuto il gruppo neozelandese. Sono stati spinti a commettere falli, per i quali sono stati spesso sanzionati, e la prima linea è stata sotto pressione da parte dei giocatori uruguaiani per tutta la partita. Il ritorno dei dirigenti dovrebbe risolvere questo problema, ma la panchina dovrà migliorare l’automazione. Infine, la mancanza di disciplina è stata evidente: mentre contro gli All Blacks sono stati sanzionati solo quattro volte, giovedì sera i francesi hanno ammesso 15 falli, compreso un cartellino giallo che avrebbe potuto diventare rosso per Romain Taofenoa. “Per fortuna però abbiamo vinto quella partita. Disciplina, pensavo che fossimo bravi, abbiamo lavorato molto su questo, ma oggi non eravamo disciplinati. È davvero brutto. Penso che stasera fossimo un po’ rilassati nei confronti degli avversari. “ha ammesso Cameron Walkie.

READ  Chi guiderà Rossi nel 2022?

Villiers, Bel-Bairy, Gilonche: chi ha vinto ai punti?

Fabien Galthiet ha un undici titolare consolidato, ma l’allenatore ha dovuto prestare attenzione ad alcune prestazioni giovedì sera. Gabin Villiers, ancora vincitore, è stato ancora una volta generoso e avrebbe potuto essere ricompensato con un rifiuto di provarci. Ma non ha sfondato il muro dell’Uruguay dove i Blues avevano davvero bisogno di lui. Al contrario, il giovane Luis Biel-Billard, che aveva pochissime palle sfruttabili, è riuscito a trasformarne una, segnando i punti. Nonostante ci abbia provato, Antoine Hastoy ha gradualmente perso le tracce, spesso in difficoltà nella sua stessa zona. Indubbiamente il suo lume di candela dietro il gol avrebbe potuto essere negoziato meglio.

L'ala francese Louis-Bel-Billard durante la partita Francia-Uruguay, 14 settembre 2023. (ANNE-CHRISTINE POUJOULAT / AFP)

Yoram Moivana, che era molto conservatore contro i Blacks, ha sfruttato meglio le sue possibilità, ma non ha il ritmo di Jonathan Dante. Rochelais dovrebbe logicamente trovare il suo posto nella posizione al suo ritorno. Infine, Anthony Jelonche, capitano designato per il suo ritorno, ha mancato di ritmo e ha giocato una partita pericolosa durante i 50 minuti giocati. “È stata una partita complicata. Hanno avuto tanta voglia e aggressività in questa partita, soprattutto nel primo tempo. Abbiamo avuto difficoltà a finalizzare gli attacchi”., ammesso alla terza elementare. Avrà sicuramente un’altra occasione per farsi vedere da qui ai quarti di finale, ma Gregory Alldrete resta saldamente all’ottavo posto.

Come gestire meglio i momenti di debolezza?

Sembra quasi paradossale che il XV francese sia apparso più tranquillo contro gli All Blacks rispetto a giovedì contro l’Uruguay, dove il divario era sceso a un punto (13-12). L’assenza di Antoine Dupont, Charles Ollivon o Thibaut Flament tra i titolari ha ricordato quanto la loro presenza contribuisca alla stabilità del gioco, ma anche i sentimenti di questi Blues, capaci di ribaltare tutto. “Siamo rimasti sorpresi e poi tu hai insospettito. Era una partita sulla terra battuta. Abbiamo mescolato un po’ tutto e non abbiamo reso questa partita facile”.Ha analizzato l’allenatore.

Di fronte all’Uruguay, che premeva con forza, la Francia soffriva di logoramento. “Non siamo riusciti a segnare quando ne avevamo la possibilità. Siamo tornati frustrati. Volevamo giocare bene come squadra, ma non ci siamo riusciti”.“, si è lamentato Antoine Hastoy. Dopo la Namibia, dovremo affrontare l’Italia in una partita che potrebbe comportare molti rischi, prima senza dubbio dei quarti di finale contro l’Irlanda o il Sud Africa. Se restano indietro, gli Azzurri dovranno riconquistare il forza collettiva e mentale. Pertanto, le mosse di Thomas Ramos e Mathieu Jalibert saranno preziose in difesa, così come la compostezza di Antoine Dupont in tutte le condizioni.

Bonus attacco mancato, quali sono le conseguenze?

Molti vedevano la Francia come una potenza dominante novizi Facilmente, con in palio il bonus offensivo (quattro mete segnate). Non è successo. Nessuna sorpresa, visto che gli azzurri non sembrano in grado di premere l’acceleratore. Senza punti in più giovedì sera dopo due partite, il XV francese si è complicato il compito qualificandosi ai quarti di finale. “Non siamo riusciti a prendere il punto bonus, ma non c’è niente da dire, è proprio come questa partita.”Lo ha deciso l’allenatore Fabien Galthiet.

Questa ricompensa perduta, cosa è cambiato nel futuro? Dato che gli All Blacks (0 punti) hanno vinto le ultime tre partite con un bonus offensivo, raccoglieranno 15 punti. Se mercoledì l’Italia batte l’Uruguay e il giorno dopo la Francia domina la Namibia, entrambe con il bonus offensivo, la Francia (13 punti) sarà obbligata a battere i transalpini (10 punti) nella finale per qualificarsi. In questa formazione, se il bonus fosse stato preso giovedì, sarebbe bastata una sconfitta senza il bonus offensivo degli azzurri per passare ai quarti, una vittoria che vale quattro punti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *