Binance vuole essere legalizzato agli occhi delle autorità e cerca una sede…

Giovedì, in un’intervista con il South China Morning Post, al co-fondatore e CEO di Binance Changpeng Zhao è stato chiesto se si stava preparando a richiedere una licenza in paesi che hanno un chiaro sistema di licenza per gli scambi di criptovalute.

Zhao ha riconosciuto che la posizione di Binance negli ultimi anni è stata chiara – che si trattava di un’azienda globale decentralizzata senza quartier generale – che era utopica e in alcun modo allineata con i regolatori – in qualsiasi parte del mondo.

«Quattro anni fa, quando abbiamo iniziato, volevamo abbracciare il modello decentralizzato, quindi volevamo avere team decentralizzati ovunque. Ora ci rendiamo conto che dobbiamo concentrarci e organizzarci su un particolare atto legislativo.Ha detto durante l’intervista.

Zhao ha anche stimato che il fatto che lo scambio non abbia sede potrebbe mettere Binance al centro delle autorità di regolamentazione.

“Ci sono domande molto semplici che gli organizzatori di solito ci pongono e la nostra risposta è piuttosto divertente. Gli organizzatori ci chiedono dove ti trovi e le nostre risposte sono che non abbiamo una sede. Questo non si adatta bene agli organizzatori. Lo fanno non sanno lavorare con noi”. A volte pensano che siamo provocatori. Chiaramente”.ha detto Zhao.

«I regolatori si aspettano una struttura centralizzata dove è stata istituita. Per le attività di scambio centrale, dobbiamo concentrarci. Abbiamo bisogno di un’entità centrale con limiti chiari, investitori chiari, buoni consigli, buona governance, conoscenza del cliente (conosci il tuo cliente) molto trasparente e antiriciclaggio (antiriciclaggio (e controlli del rischio) »ha detto Zhao.

Ma cosa ha spinto Binance a cambiare posizione?

READ  Economia - La Camera di Commercio Italiana completerà il fascino della zona - Petites Affiches des Alpes-Maritimes

Quest’estate, i regolatori di Regno Unito, Italia, Isole Cayman, Malesia, Paesi Bassi, Singapore e Giappone hanno criticato il modo in cui operano gli scambi di criptovalute.

La banca centrale olandese e l’Autorità per i servizi finanziari del Giappone hanno emesso avvisi agli investitori su Binance. L’Autorità monetaria delle Isole Cayman e la Consob italiana hanno affermato che lo scambio non ha una licenza nelle loro giurisdizioni. La Malaysian Securities and Exchange Commission ha recentemente intrapreso un’azione contro Binance a causa di attività illegali nel paese.

Dove sceglierebbe una licenza di scambio?

Il capo di Binance non ha confermato dove sarà lo scambio o quando sarà stabilito.

In ogni caso, questo impegno rappresenta un allontanamento dalle sue precedenti affermazioni sulla necessità di una sede centrale.

Sebbene l’opzione più probabile fosse Hong Kong, la Securities and Exchange Commission (SFC) di Hong Kong ha emesso una dichiarazione cautelativa, riferendosi agli scambi di criptovalute non regolamentati, in particolare Binance. Ha detto che Binance non è autorizzato o registrato per condurre “affari regolamentati” a Hong Kong.

“L’autorità non tollera violazioni delle leggi sui titoli e non esiterà a intraprendere azioni esecutive contro gli operatori di cambio senza licenza quando necessario”, ha affermato Thomas Atkinson, CEO di SFC.

«Gli investitori dovrebbero stare attenti ai rischi del trading di valute digitali su una borsa senza licenza. “Se l’exchange smette di funzionare, crolla o diventa bersaglio di attacchi informatici, gli investitori potrebbero affrontare il rischio potenziale di perdere tutti i loro investimenti nella piattaforma”.

Ma perché la risposta del regolatore a Hong Kong è stata così interessante? È il fondamento di Binance Holdings?

READ  Un bellissimo resort del sud Italia ti darà 28.000 euro per trasferirti lì

Il CEO di Exchange Changpeng Zhao ha originariamente fondato Binance a Hong Kong nel luglio 2017 con il chief marketing officer Yi He. Entrambi i dirigenti provengono dalla Cina, ma Zhao ha trascorso molti dei suoi anni in Canada. Nonostante il costante riferimento dello scambio a una struttura e gestione decentralizzate attraverso vari strumenti legali, non è stata data alcuna risposta su quale regolatore sia autorizzato lo scambio. Un rapporto dal sito web di Protos indica che lo scambio utilizza Hong Kong come sede.

Il rapporto conclude che lo scambio richiede agli utenti di utilizzare l’Hong Kong International Arbitration Center in caso di controversia. Binance ha fondato una nuova società nella regione all’inizio di quest’anno a Hong Kong, il CEO Changpeng Zhao.

Tuttavia, l’Hong Kong Center for International Arbitration serve in tutta l’Asia, quindi questo da solo non è sufficiente per garantire la presenza della sede aziendale. Binance ha liquidato la sua filiale di Hong Kong nel 2017, secondo i registri del governo. Questa decisione è dovuta alla potenziale influenza di Pechino.

Giappone e Malta sembrano essere fuori dai giochi, a causa delle passate esperienze dello scambio con i regolatori.

È possibile che i regolatori siano nelle isole esterne come le Isole Cayman, ma sembrano anche cercare di proteggere gli interessi dei loro clienti, sapendo che ciò non sarà fatto concedendo il permesso al più grande scambio di criptovalute che metterebbe il riflettori su di loro.

Non è inverosimile vedere Binance in Europa – lottare in ogni modo per ottenere l’accesso alla comunità blockchain, e questo gli darebbe una chiara preferenza e forse sarebbe scelto dalla comunità internazionale.

READ  Una nuova spinta per i pagamenti elettronici a causa della pandemia

È probabile che Svizzera, Estonia, Lituania, Liechtenstein e Lussemburgo abbiano difficoltà ad accedere allo scambio – l’unica cosa certa è che il “vincitore” si avvicinerà a una serie di nuovi investimenti e seguiranno molti scambi.

Quindi, quanto sarebbe irrealistico per i regolatori greci occuparsi degli interessi della borsa e promulgare una legislazione che consenta un quadro normativo. Una decisione così coraggiosa potrebbe creare migliaia di nuovi posti di lavoro e creare una nuova fonte di entrate fiscali.

Tuttavia, è complesso e tali procedure richiedono progettazione, pianificazione e flessibilità.

Responsabilità di evacuazione
Questo materiale è fornito solo a scopo informativo. Non deve in alcun caso essere interpretato come un’offerta, un consiglio o una sollecitazione all’acquisto o alla vendita dei Prodotti in questione. Sebbene le informazioni qui contenute si basino su fonti ritenute affidabili, non viene fornita alcuna garanzia che siano complete o accurate e non debbano essere interpretate come tali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *