Biennale di Venezia | Stan Douglas: la nostra storia in immagini

In rappresentanza del Canada a 59 anniE La Biennale di Venezia, Stan Douglas, presenta, fino al 27 novembre, due installazioni che scatenano disordini sociali, rivoluzioni e rivendicazioni. L’artista di Vancouver confronta gli eventi del 2011 con le rivoluzioni europee del 1848. Evoca il modo in cui si formano i movimenti popolari e il modo in cui i paesi vi rispondono.

Inserito alle 8:00

Eric Kleiman

Eric Kleiman
Giornalismo

La Biennale di Venezia è l’unica mostra internazionale di arti visive a cui il Canada invia una rappresentanza ufficiale. Questo è stato il caso dalla sua prima partecipazione, nel 1952, a questi Giochi Olimpici di Arte Contemporanea. Ma in 70 anni, questa è la prima volta che l’artista canadese selezionato mostra il suo lavoro in due luoghi della Città dei Dogi. La mostra Stan Douglas si svolge da un lato all’interno del Padiglione canadese, nel verde dei Giardini, e dall’altro nelle sale dei Magazzini del Sale n° 5, l’antico deposito di sale del Dorsoduro.

Foto fornita da NGC

Stan Douglas, all’inaugurazione della sua mostra al Padiglione Canada, a Venezia, il 20 aprile

Stan Douglas ha scelto due location perché la luminosità del padiglione canadese ha causato un problema con la sua riproduzione video ISDN – Su due schermi – che voleva nella completa oscurità. Questa installazione e le stampe fotografiche esposte nel padiglione fanno parte della collezione 2011 ≠ 1848La National Gallery of Canada (NGC) è curata da Red Sher, direttore della Polygon Gallery di Vancouver e conoscitore del lavoro di Stan Douglas.

Viste delle installazioni Stan Douglas a Venezia

  • Veduta della mostra al Padiglione canadese.  Per gentile concessione di Stan Douglas, National Gallery of Canada, Victoria Miro e David Zwerner.

    PHOTO JACK HEMS, Inserito da NGC

    Veduta della mostra al Padiglione canadese. Per gentile concessione di Stan Douglas, National Gallery of Canada, Victoria Miro e David Zwerner.

  • Guarda il video dell'installazione ai Magazzini del Sale n. 5. Per gentile concessione di Stan Douglas, NGC, Victoria Miro e David Zwerner.

    PHOTO JACK HEMS, Inserito da NGC

    Veduta della videoinstallazione ai Magazzini del Sale Noh 5. Per gentile concessione di Stan Douglas, NGC, Victoria Miro e David Zwerner.

1/ 2

Quest’opera è stata realizzata appositamente per la Biennale, che avrebbe dovuto svolgersi nel 2021, ma è stata posticipata a causa della pandemia. Stan Douglas ha scelto la celebrazione numero 10E Anniversario di quattro eventi sociali accaduti nel 2011 a seguito della crisi finanziaria del 2008 e della Primavera araba. Le sue stampe fotografiche sono una ricostruzione (realizzata nell’agrodome di Vancouver) della manifestazione di Occupy Wall Street a New York, una manifestazione di protesta in Tunisia, le rivolte di Vancouver dopo la sconfitta dei Canucks nella finale della Stanley Cup e gli scontri tra giovani e polizia a la zona di Hackney a Londra.

Foto di Stan Douglas, fornita da NGC

New York, 10 ottobre 2011dalla Lega Italiana 2011 ≠ 1848, 2021, stampa cromogenica su debond, 150 x 300 cm. Per gentile concessione di Stan Douglas, Victoria Miro e David Zwerner.

I suoi grandi “Quadri” sono un misto, al computer, di scene e feste girate che ha prodotto all’Agrodome con comparse. Lo scopo di questo lavoro – molto costoso – è confrontare i movimenti popolari del 2011 con le ribellioni del 1848 in Europa durante le quali una parte della popolazione voleva più democrazia e la fine dei regimi autoritari. Questa “Primavera dei Popoli”, iniziata in Italia nel gennaio 1848, ebbe ripercussioni notevoli e durature per alcuni paesi.

Stan Douglas osserva che nel 2011 le lamentele della Primavera Araba non si potevano dire come quelle dei giovani britannici e dei newyorkesi. “A differenza del 1848, le autorità hanno prestato poca attenzione alle proteste”, afferma, osservando che la Brexit e il movimento Black Lives Matter. Per non parlare del malcontento della popolazione indigena canadese e della ribellione degli immigrati africani. Sottolinea che Internet non è riuscita a unire tali proteste a livello globale, anche perché i social media sono diventati luoghi di intrattenimento e sfogo del risentimento, piuttosto che spazi di solidarietà e promozione delle riforme.

Foto di Stan Douglas, fornita da NGC

Tunisia, 23 gennaio 2011dalla Lega Italiana 2011 ≠ 1848, 2021, Stan Douglas, stampa cromogenica su debond, 150 x 300 cm. Per gentile concessione dell’artista Victoria Miro e David Zwerner.

Nell’edificio Magazzini sono stati proiettati due video diISDNGirato uno a Londra e l’altro al Cairo, rivela queste persistenti frustrazioni. Due rapper britannici neri e due rapper egiziani sembrano unirsi nella stessa rabbia grazie alla musica. Alcuni cantano la loro rabbia per la discriminazione che subiscono i neri in Gran Bretagna. Altri esprimono in modo più poetico e meno diretto la loro insoddisfazione per il regime autoritario prevalente in Egitto.

Foto di Stan Douglas, fornita da NGC

ISDN, 2022, Stan Douglas, Immagine fissa dell’installazione video a due canali. Londra: Introduzione, TrueMendous; Sfondo, signora Mente. Per gentile concessione di Stan Douglas, Victoria Miro e David Zwerner.

Per la parte immagine come nella parte video, 2011 ≠ 1848 Aumenta la consapevolezza dei rischi a cui i paesi sono esposti lasciando irrisolte le questioni sociali. Gli effetti internazionali dell’inazione sulla politica. Questa è la quinta volta che Stan Douglas partecipa alla Biennale di Venezia. Prima volta da solo. Possiamo anche vedere con la sua galleria Inaugurazione narrativapresentato fino al 22 maggio alla Phi Foundation, i suoi ritratti raffinati, accattivanti e sbalorditivi hanno una tale profondità che rende la ricchezza dell’arte.

Foto di Stan Douglas, fornita da NGC

ISDN, 2022, Stan Douglas, Immagine fissa dell’installazione video a due canali. Il Cairo: Joker. Per gentile concessione di Stan Douglas, Victoria Miro e David Zwerner.

“Attraverso le sue profonde riflessioni su un passato immaginario e su un presente che potrebbe aver generato, Stan Douglas ci invita per decenni a comprendere meglio ed esaminare criticamente la nostra realtà”, afferma Simon Broult, Direttore e Amministratore delegato del Canadian Council of the Arts. Partner fieristico.

READ  Hardalias su EleftherosTypos.gr: La dispersione è dovuta al tempo libero e alle attività sportive, non al MMM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.