Bangkok Post – L'ex primo ministro malese cerca di porre fine al periodo di reclusione nella sua abitazione

Bangkok Post – L'ex primo ministro malese cerca di porre fine al periodo di reclusione nella sua abitazione

Naguib afferma che gli arresti domiciliari erano un'opzione nell'ordinanza originale, il che ha portato a ridurre della metà la pena per corruzione

L'ex primo ministro malese Najib Razak, accompagnato dagli agenti carcerari, saluta i fotografi dopo la sua comparizione in tribunale a Kuala Lumpur il 19 gennaio di quest'anno. (Foto: Reuters)

L'ex primo ministro malese Najib Razak, in carcere, sta cercando l'approvazione del tribunale per scontare il resto della sua pena detentiva con l'accusa di corruzione agli arresti domiciliari.

Lunedì Najib ha presentato una richiesta per un controllo giurisdizionale, sottolineando che l'ex re del paese, Sultan Abdullah Ahmad Shah, ha emesso un allegato il 29 gennaio che consente di commutare la pena detentiva in arresti domiciliari. Questa informazione non è stata annunciata allora, secondo Naguib.

Il governo malese ha dichiarato a febbraio che una riunione del consiglio di grazia presieduta dal sultano Abdullah nella stessa data ha deciso di dimezzare la pena detentiva di Najib a sei anni.

Si è trattato di uno degli ultimi atti del sultano Abdullah, il cui governo quinquennale sotto la monarchia alternata del paese si è concluso a gennaio.

Il Comitato per la grazia ha affermato nella sua sentenza che Najib, che sta scontando una pena di 12 anni, sarà rilasciato nell'agosto 2028 e le sue multe saranno ridotte da 210 milioni di ringgit a 50 milioni di ringgit (10,6 milioni di dollari).

Najib è stato condannato per corruzione legata al fondo statale 1Malaysia Development Berhad (1MDB), da cui gli investigatori statunitensi e malesi stimano che siano stati rubati 4,5 miliardi di dollari e che più di 1 miliardo sia stato trasferito su conti collegati all'ex primo ministro.

READ  Zenuwen staan op scherp in VS: paniek en gedeeltelijke lockd...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *