Australia: le regole valgono anche per Djokovic

Il tennista numero uno al mondo, dopo essere stato assolto ieri in tribunale, è stato rilasciato dall’hotel di detenzione in cui alloggiava, recandosi anche con il suo staff tecnico e di allenamento, a tarda notte, apparentemente con il permesso degli organizzatori, nelle strutture da ospitare.

Il ministro dell’Immigrazione australiano Alex Hawke (di origine greca da parte di madre) deve ancora decidere se userà i suoi poteri per revocare il visto al giocatore. Il suo portavoce ha detto che ciò sarebbe avvenuto al momento opportuno, sottolineando che “per motivi legali non ci saranno ulteriori commenti”.

La partecipazione o meno agli Australian Open sta causando un grattacapo in più agli organizzatori perché il sorteggio è previsto per giovedì Documenti forniti all’arrivo in aeroporto.

Il punto di attrito è la dichiarazione di viaggio firmata da tutti i passeggeri in arrivo. È stato riferito che Djokovic ha affermato nella sua dichiarazione che 14 giorni prima del suo arrivo in Australia (mercoledì 6 gennaio) non aveva viaggiato da nessuna parte. Tuttavia, è certo che durante questo periodo viaggiò dalla Serbia alla Spagna.

Ha fatto una dichiarazione falsa?

Si segnala che per coloro che in aeroporto rilasciano dichiarazioni mendaci è prevista una severa sanzione fino a 12 mesi di reclusione. Secondo quanto riferito, Djokovic ha detto ai funzionari dell’aeroporto che la sua dichiarazione era stata completata dai funzionari di Tennis Australia.

Sulla scena diplomatica, il primo ministro australiano Scott Morrison ha avuto una conversazione telefonica con la sua controparte serba, Ana Brnavic, ma le due parti sembrano pubblicare due versioni leggermente diverse di quanto discusso.

READ  Il parco del ghiaccio a tema olimpico della Cina settentrionale guida lo sviluppo verde attraverso l'economia del ghiaccio

Secondo l’agenzia di stampa serba (Tanjuj), la signora Brnavic ha chiesto che Djokovic fosse trattato in modo equo dalle autorità australiane e ha chiesto che i suoi diritti fossero rispettati. Il signor Morrison, come è diventato noto dal suo ufficio, ha spiegato al suo interlocutore che la politica di frontiera australiana non è discriminatoria e l’obiettivo è fornire protezione durante questo periodo di pandemia di coronavirus.

Da notare che la famiglia di Djokovic si è mossa per annullare la conferenza stampa di ieri sera a Belgrado, una volta chiesto se il giocatore avesse partecipato consapevolmente a eventi pubblici, il giorno prima in Australia. metà dicembre.

Infine, le informazioni che circolano qui (principalmente tramite Twitter) che il documento che Djokovic ha presentato e che mostra che è risultato positivo al coronavirus discusso qui, se qualcuno scansiona un codice QR, mostra un campione negativo. Tuttavia, la validità di queste informazioni è stata verificata e non è stata ancora trovata eco nell’Australia centrale.

Themis Kalos, Sydney

fonte: Onda tedesca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.