Approvati più della metà dei pacchetti nazionali di stimolo – EURACTIV.com

I ministri delle finanze europei lunedì (26 luglio) hanno approvato piani di stimolo per Croazia, Cipro, Lituania e Slovenia. Finora sono stati accettati 16 piani su 27.

L’approvazione da parte del Consiglio Affari Economici e Finanziari (Ecofin) fa seguito alla valutazione positiva della Commissione Europea sulle proposte di riforma e di investimento avanzate da questi quattro Paesi con l’obiettivo di liberalizzare il sostegno del GEF alla ripresa e alla resilienza. Ricordiamo che il sistema finanziario e le regole finanziarie (FRR) è il pilastro del piano di rilancio per l’Europa e ammonta a 672,5 miliardi di euro.

All’inizio di questo mese, il consiglio ha approvato i piani di Austria, Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Grecia, Italia, Lettonia, Lussemburgo, Portogallo, Slovacchia e Spagna.

Gli Stati membri potranno beneficiare della loro parte della torta una volta raggiunti una serie di obiettivi e traguardi chiave attraverso l’introduzione di riforme approvate e piani di investimento.

Per cominciare, riceveranno il 13% del denaro fornito nell’ambito del pacchetto di incentivi per l’Europa come prefinanziamento, una volta che i loro piani saranno stati approvati e avranno completato tutte le pratiche amministrative.

Dopo una videoconferenza organizzata dai ministri delle finanze lunedì (26 luglio), il vicepresidente della Commissione europea Valdis Dombrovskis ha affermato che verranno corrisposti finanziamenti anticipati”Una volta che i dettagli tecnici pertinenti sono stati approvati da ciascuno Stato membro».

«Queste procedure richiederanno alcune settimane o addirittura alcuni giorni in alcuni casi.“, Ha aggiunto.

L’esecutivo europeo è riuscito a raccogliere sui mercati 45 miliardi di euro per garantire i pagamenti di prefinanziamento, ovvero 6 miliardi di euro in meno rispetto all’importo necessario per coprire almeno i primi 12 piani.

READ  L'Italia apre le porte ai turisti protetti da metà maggio

Tuttavia, il sig. Dombrovskis rimane fiducioso che la Commissione europea sarà in grado di rispondere a tutte le richieste di prefinanziamento quando gli Stati membri avranno completato tutti i documenti appropriati per beneficiare dei primi pagamenti.

Secondo Andrej Cerseli, ministro delle finanze sloveno, “Dobbiamo utilizzare al meglio questi soldi per riprenderci da questa crisi e aprire la strada a un’Europa più resiliente, più verde e digitale.».

La Commissione Europea e il Consiglio dell’Unione Europea – presieduto dalla Slovenia – approveranno la maggior parte dei pacchetti di stimolo sospesi dopo la pausa estiva.

Paesi Bassi e Bulgaria sono gli unici due Paesi del blocco che non hanno ancora presentato un piano di stimolo, a causa dei ritardi causati dalle dimissioni dei rispettivi governi.

Da parte di Bulgaria e Polonia, i piani per il momento rimangono nei cassetti poiché Sofia e Varsavia sono in conflitto con Bruxelles sullo stato di diritto.

Le autorità polacche hanno deciso di prorogare la valutazione della commissione fino alla fine di agosto al fine di migliorare la proposta iniziale.

L’esecutivo dell’UE ha anche offerto a Budapest più tempo. L’Ungheria ha ora tempo fino alla fine di settembre per rafforzare i suoi meccanismi di audit e anticorruzione al fine di beneficiare dei 7 miliardi di euro che le spettano. Tuttavia, il governo di Viktor Orban non la pensa così.

«Questi soldi sono nostriIl signor Urban ha detto alla radio lo scorso fine settimana. “Non c’è un vero dibattito al riguardo. Bruxelles può ritardare il pagamento, ma non può non adempiere ai suoi obblighi. »

Le tensioni tra l’Unione Europea e l’Ungheria sono aumentate nelle ultime settimane, da quando le autorità ungheresi hanno adottato un disegno di legge anti-lesbiche, gay, bisessuali, transgender e intersessuali (LGBTI). Lo stesso vale per i rapporti tra Bruxelles e Varsavia, dove la Commissione deplora l’erosione del sistema giudiziario e le sfide legate al primato del diritto europeo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *