Annuncio di “Big Astronomical” giovedì | Radio-Canada.ca

Luoghi in cui si trovano gli strumenti del radiotelescopio virtuale EHT.

Foto: ESO

Le stelle sembrano allineate per presentare all’umanità la prima immagine del Sagittario A*, il buco nero al centro della Via Lattea, ma non dovremmo andare alla deriva troppo velocemente. L’ultima volta che è emersa la voce celeste, nel 2019, l’ESO e i suoi partner si sono presentatiUn’immagine del buco nero al centro della galassia Messier 87.

Questo annuncio non è stato meno storico, perché è stata la prima immagine di un buco nero, che è uno degli oggetti più misteriosi dell’universo.

Il buco nero al centro della galassia Messier 87.

Il buco nero al centro della galassia Messier 87.

Foto: telescopio Event Horizon

Informazioni sul Sagittario A*

L’astrofisico Olivier Hernandez, direttore del Planetario Rio Tinto Alcan, ritiene che questa volta sarà appropriato. Forse ci diranno che non possono vederlo, ma sarei sorpreso.Dice con senso dell’umorismo.

Hernandez pensa che l’immagine del Sagittario A* sia probabilmente simile a quella di Messier 87, ma potrebbe anche sorprendere.

A seconda dell’angolo di osservazione del buco nero, il diagramma può assumere diverse forme. Può assumere la forma di un anello, come con l’M87, ma può assumere una forma leggermente più esotica. […] La cosa interessante è sapere da quale angolazione la guardiamo. »

Citazione da Olivier Hernandez

Se la notizia sarà confermata, gli astrofisici saranno riusciti a farsi vedere immaginazione Dal Sagittario A*, che confermerà che l’oggetto al centro della nostra galassia è proprio un buco nero, una regione dello spazio il cui campo gravitazionale è così intenso da impedire l’ingresso di qualsiasi forma di materia o radiazione.

Questa sagoma corrisponde all’orizzonte degli eventi che indica il limite immateriale di ingresso in un buco nero. Quello che vedremo è il disco di accrescimento, cioè il gas che si scalda e che inizia a cadere verso il buco neroDice un astrofisico.

Questa sagoma di un buco nero è uno dei luoghi più violenti dell’universo, il punto di non ritorno oltre il quale tutto – stelle, pianeti, gas, polvere e qualsiasi forma di radiazione elettromagnetica, compresa la luce, sarà assorbito in modo irreversibile. Fuori.

Pietre miliari

  • La Via Lattea è una galassia a spirale.
  • Al centro c’è un nucleo lucido, chiamato rigonfiamento, da cui i bracci a spirale formano un disco massiccio e appiattito.
  • Al centro del rigonfiamento si trova il Sagittarius A*, un buco nero supermassiccio.
  • Il bulbo e il disco sono circondati da una regione sferica chiamata aura.
  • Il Sagittario A* è circa 4,5 milioni di volte la massa del Sole
  • La galassia contiene più di 100 miliardi di stelle, polvere e gas interstellare.
  • Il nostro Sole si trova su uno dei bracci a spirale, a circa 27.000 anni luce (1 AL = 9460 miliardi di km) dal centro della Via Lattea.

Migliore stima della sua massa

La prima immagine del Sagittario A* consentirà di stimarne meglio la massa. È enorme come Messier 87? Abbiamo lo stesso tipo di mostro all’interno della nostra galassia? Per lo più no. È decisamente meno ingombrante, ma comunque abbastanza massiccio da essere interessantespiega il signor Hernandez.

Decine di astrofisici hanno preso parte allo sforzo collettivo che sarà rivelato giovedì alle 9:00. Dovresti sapere che ogni telescopio produce enormi quantità di dati, che poi devono essere condivisi.

Lo scorso dicembre, a Le immagini più dettagliate e nitide fino ad oggi Per l’area intorno al Sagittario A* pubblicato dall’ESO. Il Very Large Telescope Interferometer (VLTI) ha permesso di ingrandire 20 volte di più rispetto a prima. Questa risoluzione ha permesso di rilevare una stella senza precedenti, chiamata S300, vicino al buco nero.

Cinque punti arancioni su sfondo nero.  L'immagine mostra le stelle in orbita vicino a Sgr A* (al centro), il buco nero supermassiccio nel cuore della Via Lattea.

Questa immagine mostra le stelle in orbita vicino a Sgr A* (al centro), il buco nero supermassiccio nel cuore della Via Lattea. Acquisito tramite lo strumento GRAVITY a fine maggio 2021.

Foto: il buco nero della Via Lattea

Sagittario A* non è l’unico buco nero nella Via Lattea. Ci sono dozzine di buchi neri stellari che si formano durante il collasso gravitazionale di stelle massicce alla fine della loro vita e che esplodono come supernove. Finora, nella nostra galassia sono stati confermati 20 buchi neri.

READ  Test sulla personalità: questa foto rivela chi sei veramente!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.