Anche Jeffrey Hinton, il creatore della tecnologia utilizzata in ChatGPT, si rammarica della sua invenzione

Anche Jeffrey Hinton, il creatore della tecnologia utilizzata in ChatGPT, si rammarica della sua invenzione
Cattura OCBS Anche Jeffrey Hinton, il creatore della tecnologia utilizzata in ChatGPT, si rammarica della sua invenzione

Cattura OCBS

Anche Jeffrey Hinton, il creatore della tecnologia utilizzata in ChatGPT, si rammarica della sua invenzione

intelligenza artificiale – esso Padre spirituale AI e ha lasciato Google per poter parlare liberamente delle sue preoccupazioni. Geoffrey Hinton ha parlato con Il New York Times In un’intervista pubblicata lunedì 1 maggio. Discute i potenziali pericoli dell’intelligenza artificiale e si rammarica del suo ruolo nella sua progettazione.

Geoffrey Hinton, un britannico emigrato in Canada, ha presentato un lavoro pionieristico sulle reti neurali che ha gettato le basi per la tecnologia dell’intelligenza artificiale. Nel 2019, insieme ai colleghi Yan Lecon e Joshua Bengio, gli è stato conferito il Premio Turing, premio considerato il Premio Nobel per l’informatica.

Ora che si è dimesso dal gigante Google, Jeffrey Hinton, 75 anni, ha più spazio per esprimere le sue preoccupazioni sulla tecnologia che ha contribuito a creare. “Mi consolo con la classica scusa: se non l’avessi fatto io, l’avrebbe fatto qualcun altro”., Egli ha detto. Perché ” È difficile vedere come si possa impedire ai cattivi attori di usarlo per scopi nefasti. »

non lo so più ciò che è reale »

Questo timore, evidentemente non il primo a farsi sentire dalla fine di marzo, ha richiamato l’intervento di mille esperti ” rottura “ Sullo sviluppo dell’intelligenza artificiale in una lettera aperta. Questo per consentire ulteriori ricerche sulle potenziali conseguenze dell’IA generativa come il chatbot ChatGPT. alcuni giorni dopo, Un’altra pista È pubblicato dall’Associazione per lo sviluppo dell’intelligenza artificiale. Anche in questo caso si trattava dei rischi che comporta la tecnologia. Geoffrey Hinton non ha firmato nessuna delle due lettere perché era ancora a Google, ha spiegato a Il New York Times.

Oggi uno dei suoi principali interessi ha a che fare con immagini, video e testi creati da zero perché, secondo lui, ciò potrebbe portare a “Non puoi più sapere cosa è reale.”.

Teme anche l’impatto economico che potrebbe avere l’intelligenza artificiale. Secondo un rapporto di Goldman Sachs, l’intelligenza artificiale può sostituire 300 milioni di posti di lavoro. Elimina compiti noiosiMa “potrebbe volerci di più”Jeffrey Hinton avverte.

READ  Sfida visiva: solo un genio può individuare l'errore in 5 secondi!

Vedi anche su HuffPost:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *