Ambiente: gli scienziati denunciano il ruolo delle discariche nelle emissioni di metano

Le discariche a cielo aperto, che sono ancora comuni in molti paesi, stanno accelerando il riscaldamento globale. È il grido d’allarme lanciato dagli scienziati olandesi in A Uno studio appena pubblicato sulla rivista Science Advance .

Questi ricercatori dell’Istituto olandese per la ricerca spaziale (SRON) ritengono che queste discariche siano la fonte della maggior parte delle emissioni di metano in alcune regioni del mondo. Anche se, dopo l’anidride carbonica, questo gas è il gas serra che ha il maggiore impatto sul riscaldamento globale. Circa un quarto di quest’ultimo è infatti imputabile al metano.

Le emissioni sono il doppio del previsto

Per condurre questo studio, gli scienziati di SRON hanno utilizzato i dati raccolti da un satellite di osservazione che, dal 2017 e nell’ambito del programma Copernicus, aiuta a identificare i luoghi del pianeta dove ci sono elevate emissioni di metano grazie a uno strumento unico. Si chiamano TROPOMI. Dopo un esame più attento, i ricercatori SRON hanno scoperto che molte delle fonti di questo gas serra si trovavano dove ci sono discariche aperte.

Non sorprende che questi siti non si trovino solitamente in paesi altamente sviluppati dove gli standard ambientali sono i più severi. Gli scienziati hanno individuato i siti di discarica mappando città ad alte emissioni, tra cui Buenos Aires, Delhi, Lahore e Bombay. Secondo le analisi condotte dai ricercatori in queste quattro città, le emissioni sono, in media, il doppio di quanto si pensasse.

Gli scienziati, come qui a Buenos Aires, hanno messo in parallelo le immagini scattate con TROPOMI e altri satelliti ad alta risoluzione per identificare le fonti di metano.SRON

“Quando abbiamo ingrandito le immagini ottenute con un satellite ad alta risoluzione, abbiamo visto che ci sono discariche vicino a queste quattro città”, ha detto alla radio olandese Bram Masakers, un ricercatore SRON della radio olandese. L’origine di questo studio.

Stesso effetto di 1,5 milioni di auto

Dans le détail, ils ont notamment identifié qu’une décharge située à proximité de la capitale de l’Argentine (qui fait partie des 100 pays qui ont signé l’engagement mondial de l’ONU sur le méthane) , émetthane de l’Argentine 28 In un’ora. Affermano che l’impatto climatico delle emissioni di una discarica a Buenos Aires è paragonabile a 1,5 milioni di automobili. Pesa praticamente la metà delle emissioni di inquinamento atmosferico di questa regione in cui è concentrato il 40% della popolazione argentina.

Come per le altre discariche individuate, se le loro emissioni sono meno significative, restano sbalorditive e sono calcolate in tonnellate. In India, quelli di Delhi e Bombay emettono rispettivamente 3 e 10 tonnellate di metano all’ora. La città pachistana di Lahore rifiuta sei tonnellate all’ora. Ciò equivale a un impatto climatico compreso tra 130.000 e 500.000 auto.

Soluzioni facili da implementare

Sebbene questi risultati siano impressionanti, gli scienziati olandesi rimangono relativamente fiduciosi riguardo al futuro. Perché secondo loro ci sono modi semplici per risolvere parte del problema, anche se “il metano è inodore e incolore, quindi è difficile dire da dove fuoriesca”, spiega ancora Bram Maskers.

“Ad esempio, puoi smistare i rifiuti biodegradabili e compostarli in modo che rilasci molto meno metano. E se mescoli comunque tutti i rifiuti, puoi comunque catturare o addirittura bruciare il metano risultante”. Anche se, ricorda, una sola lotta alle emissioni di metano non sarebbe sufficiente per rallentare il riscaldamento globale.

READ  In attesa di chiamate, in attesa e in attesa: le persone non sanno quando smettere di parlare - Scienze sociali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.