Alla scoperta dei fossili di un albero di 350 milioni di anni mai visto prima

Alla scoperta dei fossili di un albero di 350 milioni di anni mai visto prima

Fossili vegetali eccezionalmente conservati, attribuiti ad alberi insolitamente densi, sono stati scoperti nel Canada sudorientale. Questi alberi, risalenti a circa 350 milioni di anni fa, rivelano una struttura unica diversa da qualsiasi altra osservata in precedenza. Ciò indica quindi un'esperienza evolutiva durante il periodo Carbonifero.

Anche gli alberi sono pietrificati

Quando gli alberi muoiono e cadono, è diverso Processi geologici e ambientali Può portare alla loro fossilizzazione. I sedimenti, come argilla, limo o sabbia, possono coprire rapidamente i resti organici, favorendone la conservazione attraverso la formazione Condizioni anaerobiche (Senza ossigeno) che limita la decomposizione. I metalli presenti nelle acque sotterranee possono anche permeare lentamente i tessuti vegetali, sostituendo la materia organica con minerali e contribuendo così alla formazione di fossili.

Gli alberi pietrificati possono essere trovati in varie forme, che vanno da… Impronte di foglie e tronchi con pezzi di legno pietrificato. Gli scienziati studiano questi fossili per comprendere l'evoluzione delle piante, la diversità floreale del passato, i climi antichi e persino le relazioni ecologiche tra diverse specie vegetali. Queste scoperte forniscono preziose informazioni su come la vegetazione si è evoluta nel corso dei secoli e aiutano a ricostruire la storia della vita sulla Terra.

Gli scavi qui in questione furono quasi sconvolti da un violento terremoto 350 milioni di anniPrima di essere sepolto sotto il fango. Questo processo ha consentito la conservazione quasi perfetta delle impronte dei loro tronchi e delle foglie nei sedimenti lacustri. La prima di queste piante fossilizzate è stata trovata nel New Brunswick nel 2017 e da allora sono stati scoperti altri quattro esemplari quasi identici.

Le foglie degli alberi sono raramente conservate come fossili, ma questo esemplare contiene resti di chiome. Crediti: Matthew Stimson
Alberi fossili di Sanfordiacolis
Crediti: Matthew Stimson

Non aveva mai visto niente di simile prima

Ciò che distingue questi esemplari, detti Sanfordiacolis, è la rara conservazione delle foglie attaccate ai tronchi dei giovani alberi, che raggiungono una lunghezza di circa Altezza 2,7 metri. più di 250 fogli Densamente raggruppati infatti circondano I primi 75 cm del troncoE alcuni di loro possono misurare Raggiunge i tre metri di lunghezza e diffondersi Spirali strettamente compresse “.

READ  Scienziati israeliani hanno scoperto un nuovo tipo di supernova che si crede sia impossibile

La disposizione a spirale delle foglie indica un adattamento evolutivo Massimizza la cattura della luce solare Essenziale per la fotosintesi. Anche la statura più modesta di questi alberi suggerisce che potrebbero esserlo stati I precursori dei piccoli alberi si sviluppano sotto la chioma dei grandi alberi.

Robert Gastaldo, professore emerito di geologia e autore principale dello studio, conferma che questa scoperta scuote la nostra precedente comprensione della crescita e dell’organizzazione degli alberi. Egli paragona la stranezza di questa pianta ad esempi moderni come le felci arboree, le gimnosperme e le piante da fiore dei tropici, notando che la Sanfordiacolis ha una densità di foglie molto maggiore.

Il ricercatore menziona anche la grande diversità di piante durante i periodi Devoniano e Carbonifero. Si suggerisce che questi strani fossili potrebbero rappresentare… Un'esperienza in evoluzione che, sebbene fantastica, non ha resistito alla prova del tempo.

I dettagli dello studio sono pubblicati sulla rivista Biologia attuale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *