Alla lavagna vanno anche gli alunni italiani, tedeschi e irlandesi

In Italia, gli studenti del Terminale tengono il Colloquio, l’equivalente del Grand Oral del bac, davanti a sette persone, tra cui tre dei loro insegnanti. (TINO ROMANO / MAXPPP)

Da questo lunedì 21 giugno gli studenti di Terminale puliscono i cerotti del Grand Oral. Una nuova prova di maturità voluta dal ministro della Pubblica Istruzione, Jean-Michel Blanquer, e preparata in condizioni difficili in questo anno scolastico sconvolto dall’epidemia di Covid-19 e dall’alternanza tra lezioni a distanza e in presenza. In Italia e Germania, gli alunni sostengono da tempo almeno una prova orale di maturità, mentre in Irlanda gli alunni rischiano di essere sottostimati nel 2021 a causa di disguidi nell’organizzazione dell’esame.

>> Segui questo primo giorno di Grand oral nella nostra diretta

Il Colloquio rappresenta il 40% della nota in Italia

In Italia, dal 14 giugno 2021, gli studenti sostengono l’equivalente del Grand Oral. L’evento francese si ispira anche a quello organizzato d’oltralpe: il Colloquio. Temuto da alcuni al punto che è stato riformato poco prima della pandemia. Doveva contare un po’ meno nel voto finale del diploma di maturità italiano, la maturità. Ma il Covid obbliga, è l’unico esame che è stato mantenuto nel 2020 (non c’erano stati test in Francia). È anche nel 2021. Il Colloquio può valere il 40% del voto finale, rispetto al 10% in Francia. Dura anche di più: un’ora in Italia, contro i 20 minuti del Grand Oral, e gli studenti transalpini devono affrontare sette membri della giuria, tra cui tre dei loro insegnanti.

Il Colloquio è stato riformato per renderlo più personalizzato e meno teorico. Gli alunni vengono così interrogati sul percorso studio-lavoro, obbligatorio in Italia prima della maturità, e sulla loro esperienza professionale. Questo è importante perché a livello europeo l’Italia è il Paese dove i giovani dai 15 ai 24 anni senza lavoro e non a scuola sono i più numerosi. Sono 1 su 5 in questo caso, più che in Romania e Bulgaria! L’obiettivo è quindi quello di dare loro un po’ di esperienza professionale e di insegnargli ad esprimersi oralmente.

READ  gli italiani impongono il loro giubilo

L’orale può recuperare il ritardo con la scrittura in Germania

In Germania la comunicazione orale è presente ovunque, in tutte le materie. È inseparabile dall’educazione degli studenti. “Alcuni studenti si esprimono meglio oralmente che per iscritto e quando combini i due, ritieni che questo dia un quadro più completo dei candidati”, spiega all’AFP Ilka Hoffmann, l’unione dell’istruzione e della scienza.

A riprova che l’orale è estremamente apprezzato, per l’equivalente del baccalaureato, la maturità, anche se la regola non è la stessa ovunque nei 16 Länder del paese, è molto spesso possibile chiedere di sostenere un esame orale oltre a ogni prova scritta! Ogni studente prepara il proprio esame e spesso devi scegliere almeno tre o quattro materie scritte e una o due orali. Ma quando i giovani tedeschi si sentono a proprio agio in diverse materie, non esitano, si aggiungono gli esami orali. Questo dà loro voti migliori e una media complessiva migliore.

Anche l’orale è molto diffuso durante tutto l’anno scolastico, con l’idea di migliorare nuovamente la media generale, attraverso lezioni e presentazioni. Si segnala anche la partecipazione in classe. Se un l’alunno fa fatica in una materia scritta, il suo insegnante deve offrirsi di fare una presentazione in modo che ottenga un voto migliore. Piuttosto che essere lasciato solo davanti alla sua copia, lo studente sarà interrogato dall’insegnante. Gli chiederà di spiegare e discutere, a volte anche in gruppo.

L’orale è finalmente visto come uno strumento per migliorarsi e sapersi esprimere bene, in seguito, nella propria vita professionale, con colleghi o superiori gerarchici. Gli alunni tedeschi imparano così che la forma conta quasi quanto la sostanza. Fin da piccoli imparano a prendersi cura del proprio vestito e a sorridere.

Grandi sprechi per l’orale in Irlanda

Sull’isola di Trèfle, gli studenti delle scuole superiori hanno potuto scegliere se sostenere i test in modo tradizionale o affidarsi solo alla valutazione continua. Nel primo caso viene conteggiato il miglior punteggio. Fortunatamente per gli studenti irlandesi in questo anno 2021, perché chi ha sostenuto esami orali in lingue moderne (l’unica materia valutata a livello orale nel baccalaureato) rischia di essere sottostimato.

READ  Memphis Depay finalmente in Italia?

In genere, queste prove orali si svolgono con esaminatori certificati, che non conoscono gli studenti. Ma nel 2021, gli studenti sono stati valutati dai propri insegnanti, che hanno dovuto registrare l’intervista prima di inviarla a una commissione di valutazione. Problema: alcuni insegnanti hanno dimenticato di fare domande o non hanno seguito le istruzioni inviate dal comitato. Ritiene di non poter valutare questi studenti e non attribuirà voti alle domande in questione.

I docenti si giustificano, spiegando che non sono stati formati e che la preparazione degli esami orali è stata sciatta. Il formato del bac è stato convalidato a febbraio, meno di due mesi prima degli esami. Il ministro dell’Istruzione ha rifiutato di fornire cifre sul numero di studenti penalizzati, il processo di valutazione è ancora in corso.

Già nel 2020 la classifica era costellata di problemi. Gli insegnanti dovevano “stimare” i voti che i loro studenti avrebbero avuto nel test. Il metodo doveva essere rivisto lungo la strada. Genitori e studenti sperano che sia lo stesso nel 2021. Trovano ingiusto pagare per un errore dell’insegnante, ma si consolano dicendo che nel peggiore dei casi si manterrà il voto della valutazione continua, se migliore. I risultati saranno comunicati il ​​3 settembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *