Il direttore italiano Enrico Onofri inizia il dialogo con l’Orchestre National d’Auvergne

Enrico Onofri, virtuoso violinista ed eccezionale direttore d’orchestra italiano, è il nuovo direttore associato dell’Orchestre National d’Auvergne. Lo dirigerà giovedì 7 e venerdì 8 ottobre, alle 19:30, al teatro lirico di Clermont-Ferrand. Il programma, originale e inventivo, è costruito attorno alla nota RE, seconda della scala, e raffigura a turno i modi maggiore, felice e potente, e minore, oscuro e drammatico.

Il nuovo team artistico dell’Orchestre National d’Auvergne

Programma

Fai spazio prima alla luce, con il Suite n.3 in re maggiore BWV 1068 di Johann Sebastian Bach, opera di punta del repertorio barocco. Questa musica festosa unisce il prestigio delle maestose ouverture alla bontà delle danze familiari: allegria, ritmo, buone maniere e un pizzico di emozione mettono l’ascoltatore in sintonia con le maniere francesi, Versailles e i suoi modelli sontuosi. Ombre e virtuosismi in modalità minore infestano La casa del diavolo Opus 12 n° 4 di Luigi Boccherini, per il quale il compositore annota: “La Ciaccona finale rappresenta l’inferno ed è stata realizzata ad imitazione di quella del signor Gluck ne Le Festin de Pierre. “

Ricevi la nostra newsletter per il tempo libero via e-mail e trova idee per gite e attività nella tua regione.

NL {“path”: “mini-thematique-inscription”, “thematique”: “MT_Loisirs”, “accessCode”: “14023910”, “allowGCS”: “true”, “bodyClass”: “ripo_generic”, “contextLevel”: “KEEP_ALL”, “filterKeywords”: “1 | 12 | 55 | 191 | 6973 | 17039”, “template”: “generic”, “hasEssentiel”: “true”, “articleid”: “4023910”, “idArticlesList”: “4023910”, “departmentid”: “282”, “zoneid”: “30603”, “keywords”: “1 | 12 | 55 | 191 | 6973 | 17039”, “premium”: “false”, “ads”: “banniere_haute | article”, “site”: “MT”, “subDomain”: “www”, “urlTitle”: “il-direttore-italiano-enrico-onofri-inizia-il-dialogo-con-l’orchestra-nazionale -d-alvernia “}

Introspezione e intimità saranno all’ordine del giorno Quattro KV 173 di Mozart, espresso in tutte le sue sfumature dagli archi dell’orchestra sotto la direzione di Enrico Onofri, mentre una nota gioiosa ed energica concluderà la serata con il celebre Sinfonia “Haffner” KV 385 di Mozart.

READ  Ecco le città più sicure (e meno sicure) del mondo nel 2021 - Edizione serale Ouest-France

Manutenzione

Enrico Onofri – che è tra l’altro direttore principale della Filarmonica Toscanini di Parma, direttore ospite principale della Haydn Philharmonie d’Eisenstadt – evoca questa nuova e stretta collaborazione con l’Orchestre national d’Auvergne.

Cosa offri all’Orchestre National d’Auvergne?
“Soprattutto vengo a portare la mia esperienza e la mia passione di musicista storico nel periodo del tardo barocco e del classicismo. Oggi possiamo avvicinarci ai repertori in questo modo fino all’inizio del XX secolo. Bisogna saper interpretare fonti spesso oscure perché è difficile mettere le parole giuste alla musica. Bisogna rispettarli, dare loro un significato, ma soprattutto costruire un linguaggio personale affinché rimanga musica viva.

Quali qualità dell’Orchestre National d’Auvergne ti entusiasmano di più?
“Ha un suono molto personale, costruito e un’identità molto forte. C’è sempre eleganza e precisione e questo è sempre difficile da trovare allo stesso tempo. Ma ciò che resta più importante è la capacità di dialogo tra musicisti. “

“Il direttore è lì solo per stimolare l’interazione tra i musicisti. C’è un rapporto molto stretto tra di noi. “

Cosa potresti cambiare di questo set?
“Non sono per fare cose innaturali. È un ensemble moderno che, con me, affronta vecchi repertori. Ma ci sono cose che non puoi cambiare: le corde di metallo rimangono tali. L’orchestra ha acquistato archi barocchi per questi repertori più antichi, ma ovviamente questo non basta. Bisognerà fare un lavoro nei dettagli sui tratti degli archi, sulle sfumature, sul timbrico. E poi troveremo tante cose interessanti avvicinandoci agli strumenti originali e, soprattutto, cose interessanti che non abbiamo con gli strumenti originali. “

Pratica. Prezzi: da 16 a 32 €. Prenotazioni allo 04.73.14.47.47 o [email protected]

Pierre-Olivier Febvret

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *