“Ho lavorato con le carte di mio cugino che non mi somiglia per niente”

“Ho lavorato con le carte di mio cugino che non mi somiglia per niente”

È in Francia da più di dieci anni. E purché lavori, come custode edilizio nella regione parigina, muratore, badante ad Ariège o, da dicembre 2020, come addetto alle pulizie e spazzino a Seine-Saint-Denis. Ma non è mai stato assunto con il suo vero nome. Per una buona ragione: Mohamed Traore è un migrante privo di documenti. Per riuscire a trovare un lavoro registrato, questo 38enne maliano – laureato in diritto commerciale nel suo Paese – è ricorso a un sotterfugio comune tra chi è senza permesso di soggiorno: ha presentato i documenti di identità di qualcun altro, in una situazione regolare . Lo chiamiamo “lavorare sotto pseudonimo”. Solo così potrai accumulare buste paga e poter finalmente dimostrare il tuo lavoro e chiedere la regolarizzazione presso una prefettura.

Mentre un vasto movimento di sciopero di oltre 600 lavoratori privi di documenti è stato lanciato martedì 17 ottobre nell’Ile-de-France, su appello del sindacato CGT, la presenza di questi scioperanti – per la maggior parte lavoratori temporanei – in una trentina di aziende del settore edile , logistica, rifiuti, distribuzione e perfino pulizia, evidenzia ancora una volta la portata del lavoro degli immigrati privi di documenti e l’ipocrisia del sistema che li ignora, o finge di ignorarli.

Mohamed Traore e il suo fascicolo comprovante la presenza e le attività salariate in Francia.  A Montreuil (Seine-Saint-Denis), 15 ottobre 2023.
Elementi del fascicolo comprovante la presenza e le attività salariate in Francia di Mohamed Traore, a Montreuil (Seine-Saint-Denis), 15 ottobre 2023.

Contemporaneamente, una ventina di lavoratori privi di documenti o ex lavoratori impiegati dai subappaltatori di Bouygues nei cantieri dei Giochi Olimpici (JO) o nella Grande Parigi, sostenuti dal sindacato CNT-SO e da diversi collettivi di migranti privi di documenti, hanno occupato brevemente il sito dell’Arena, Porte de la Chapelle, dovrebbe ospitare gli eventi per le Olimpiadi del 2024.

READ  Cofidis con Viviani, Laporte e Martin

Per lavorare, tutti questi lavoratori utilizzavano “alias” o documenti falsi, il più delle volte all’insaputa, dicono, del loro datore di lavoro.

“Il caposquadra lo sa sicuramente »

Mohamed Traore è uno degli attaccanti sostenuti dalla CGT. Da quando è in Francia, ha lavorato sotto quattro identità diverse. E non ne dubita nemmeno per un secondo, nessuno dei suoi capi ne era all’oscuro. “Nel 2013, quando facevo il custode in case popolari, ho lavorato per la prima volta con i documenti di mio cugino che è di razza mista e non mi somiglia affatto, si riferisce. Poi, dopo qualche mese, mia cugina non ha voluto più correre rischi così ho portato al mio datore di lavoro un altro permesso di soggiorno, quello di un amico. » Il capo non si è mosso. Ha appena cambiato il nome sulle nuove buste paga. Mohamed è riuscito addirittura a firmare un contratto a tempo indeterminato. Quando invece, dopo cinque anni di presenza sul territorio, chiese al suo datore di lavoro di sostenere la sua richiesta di regolarizzazione – in particolare attestando l’amministrazione della sua presenza in azienda – quest’ultimo lo fece licenziato senza ulteriore preavviso. .

Ti resta il 62,95% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *