Adalatherium: La “bestia pazza” che viveva tra i dinosauri

Uno strano mammifero di 66 milioni di anni è stato descritto in una nuova ricerca che fornisce approfondimenti sulla storia evolutiva dei mammiferi nel gigantesco subcontinente del Gondwana.

Si chiama Adalatherium, che tradotto dalle lingue malgascio e greco e significa “bestia pazza”, È descritto sulla base di uno scheletro quasi completo squisitamente conservato, ed è il più completo di qualsiasi mammifero mai scoperto nell’emisfero meridionale prima dell’estinzione dei dinosauri.

La ricerca ora pubblicata in Journal of Vertebrate PaleontologyCondotto su un periodo di 20 anni, risulta che l’adalatrium era “gigante” per i mammiferi, per lo più delle dimensioni di un toporagno o di un topo, che vivevano durante il periodo Cretaceo.

Le sue caratteristiche “ peculiari ” includono più vertebre dello stelo rispetto alla maggior parte degli altri mammiferi e arti posteriori muscolosi posti in una posizione più estesa (simile ai moderni alligatori) insieme a zampe anteriori veloci e muscolose nascoste sotto il corpo (Come abbiamo visto nella maggior parte dei mammiferi oggi), i denti anteriori come i denti di coniglio e i denti posteriori sono completamente diversi dai denti di qualsiasi altro mammifero conosciuto, vivo o estinto, e hanno uno strano foro nell’osso nella parte superiore della proboscide.

Un team di 14 ricercatori internazionali guidato dal dottor David Krause (Denver Museum of Nature and Science) y el D. Simon Hoffman (Istituto di tecnologia di New YorkLa descrizione completa e l’analisi di questi grandi mammiferi che vivevano tra dinosauri ed enormi coccodrilli furono pubblicate verso la fine del periodo Cretaceo (145-66 milioni di anni fa) in Madagascar. La scoperta iniziale è stata fatta nella rivista natura All’inizio di quest’anno.

READ  Cos'è la malattia di Parkinson?

L’Adalatherium, originario del Madagascar, appartiene a un gruppo estinto di mammiferi noti come gondwanatherium, scoperti per la prima volta negli anni ’80. Fino a tempi recenti erano rappresentati solo da pochi denti isolati e frammenti di mascella. Ma anche quei pochi resti indicavano davvero che i Gandhiwani erano molto diversi dagli altri mammiferi contemporanei. Così tanti misteri hanno circondato Gondwanathrin che non è chiaro come si inserisca nell’albero genealogico dei mammiferi.

Ora il team di ricerca sta rivelando il primo scheletro di questo misterioso gruppo che un tempo si aggirava per gran parte del Sud America, Africa, Madagascar, subcontinente indiano e persino Antartide.

Credito: Simon Hoffman / Katherine Pan.

L’integrità e l’eccellente conservazione dello scheletro di Adalatherium apre nuove finestre su come appare il gondwanathrine e su come viveva, ma le strane caratteristiche ancora sconcertano la squadra.

“Sapendo ciò che sappiamo dell’anatomia scheletrica di tutti i mammiferi viventi ed estinti, è difficile immaginare che un mammifero come Adalatherium possa essersi evoluto; mette in discussione e persino infrange molte regole”, spiega Krause.

Sebbene la ricostruzione realistica dell’Adalatherium assomigli esteriormente a un normale tasso, la sua “natura” è solo superficiale. Sotto la superficie, il suo scheletro è a dir poco brillante.

Come dice Hoffman, “Adalatherium è semplicemente strano. Cercare di capire come si muove, ad esempio, è stato impegnativo perché la sua interfaccia ci racconta una storia molto diversa da quella sul retro”.

Mentre le sue zampe posteriori muscolose e i grandi artigli sulle zampe posteriori potrebbero indicare che Adalatherium era un potente trivellatore (come un tasso), le sue zampe anteriori erano meno muscolose e più simili a un mammifero vivente che poteva correre veloce.

READ  La nuova rivista scientifica pubblica solo scienza "fallita"

Gli arti di Adalatherium indicano anche che la loro posizione era un ibrido tra mammiferi viventi e parenti più anziani. I suoi arti anteriori erano nascosti sotto il corpo (come abbiamo visto oggi nella maggior parte dei mammiferi) ma i suoi arti posteriori erano più estesi (come nei coccodrilli e nelle lucertole).

I denti di Adalatherium, ricostruiti con tomografia microcomputer ad alta risoluzione e modellazione digitale completa, sono indicativi di erbivori, ma per il resto sono più che strani.

Adalatherium non aveva denti anteriori in continua crescita, come quelli trovati nei conigli o nei roditori, ma i denti posteriori sono abbastanza diversi da quelli di qualsiasi altro mammifero conosciuto, vivente o estinto. Se fossero stati trovati solo questi denti, il mistero di ciò che probabilmente era questo animale non sarebbe stato risolto! Oltre all’apparente pasticcio, c’è un buco nella parte superiore del muso che non ha eguali.

All’incirca delle dimensioni di un opossum della Virginia, l’Adalatherium di 3,1 chilogrammi era piuttosto grande per l’epoca. Sebbene non particolarmente grandi per gli standard odierni, erano giganteschi rispetto ai mammiferi delle dimensioni di toporagno e topo che vivevano nel periodo Cretaceo.

La storia geologica del Gondwana fornisce indizi sul motivo per cui Adalatherium è così insolito.

L’adalatrio è stato trovato in rocce datate verso la fine del Cretaceo, circa 66 milioni di anni fa. A quel tempo, il Madagascar era già un’isola separata dall’Africa da più di 150 milioni di anni e dal subcontinente indiano da più di 20 milioni di anni.. “Le carote sono una strana sostanza”, dice Krause, “quindi c’era tutto il tempo perché l’adalatereo sviluppasse da solo molte delle sue proprietà”.

READ  La luna potrebbe anche essere responsabile del riscaldamento globale della Terra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *