A Reunion, un chirurgo e un’infermiera liberali sono accusati di frode sanitaria

Il 14 aprile è stato incriminato il chirurgo riconosciuto in Reunion, capo del Centro di chirurgia e anestesia del CHU a Saint-Denis, capo del servizio principale SOS, vicepresidente del consiglio distrettuale del sindacato medico, il dottor Farooq Darjai, con l’accusa di “complicità in frode” e “complicità in contraffazione e uso di frode” nei confronti del Fondo Generale per la Previdenza Sociale (CGSS). Un’ex infermiera liberale divenuta direttore di due società che forniscono assistenza domiciliare e attrezzature mediche, Riad Ben Tami, è stata presa di mira per presunti atti di “frode, contraffazione e contraffazione”.

Questo caso, che ha causato un terremoto nell’ambiente del Reunion Hospital, riguarda atti medici fittizi e fatture esagerate per cure coperte da pagamenti di terzi. Secondo il pubblico ministero di Saint-Denis, Veronique Denizot, il danno è stimato in oltre 1,5 milioni di euro tra il 2017 e il 2021.

L’indagine, condotta da agenti di polizia della Divisione Economica e Finanziaria del Servizio di Polizia Giudiziaria Provinciale di Saint-Denis, è iniziata un anno fa dopo una serie di accertamenti da parte del CGSS, che ha ricevuto denunce di pazienti da diversi operatori sanitari. Sono state osservate anomalie nei protocolli di assistenza postoperatoria regolati da questi due licenziatari, Suite de Soins e Studio Santé. I pazienti chirurghi sono stati indirizzati sistematicamente, a volte senza dubbio, a fornitori di assistenza domiciliare. ” Era Tutti sono inclusi “,” detto, “disgustato”, Un caregiver che ha denunciato i fatti al CGSS nel 2020.

Prescrizioni prefirmate o in bianco

Secondo una fonte giudiziaria, i kit per la guarigione delle ferite per un periodo di due settimane del valore di 90 euro, ad esempio, sono stati fatturati tra 1.200 e 1.300 euro. L’attrezzatura medica inviata ai pazienti è stata considerata significativamente troppo costosa.

READ  Mutazione Corona: gli scienziati scoprono una nuova variante

Un medico ospedaliero scioccato da tali pratiche dice Globalismo che a uno dei suoi pazienti sono state poste delle bende a casa sua il giorno prima dell’intervento chirurgico, anche se non gli è stata data alcuna prescrizione. Questo medico ha rifiutato di firmare la prescrizione fornita dalla segreteria ospedaliera che stava lavorando con le due società. Tanto più che il paziente ha ricevuto le cosiddette bende complesse, che sono più costose e inutili, poiché nel suo caso erano sufficienti bende semplici.

Il procuratore di Saint-Denis stabilisce che l’inchiesta riguarda anche “Molti chirurghi ortopedici dell’isola, che si sono mossi in violazione del loro obbligo morale [à l’infirmier libéral] Informazioni in primo piano sui programmi postoperatori dei loro pazienti.

Hai ancora il 39,25% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.