“Partire per Urano significa rischiare grandissime scoperte.”

Il 19 aprile sono state rilasciate le accademie americane di scienze, ingegneria e medicina Un imponente resoconto di quasi 800 pagine di esplorazioni planetarie da realizzare nei prossimi dieci anni. Credono che oltre alla missione di tornare su Marte, si dovrebbe dare priorità all’esplorazione di Urano. Specializzata nella magnetosfera del pianeta, Léa Griton è docente alla Sorbona e ricercatrice presso il Laboratory for Space Studies and Astrophysics Instruments (Lésia). spiegare a Globalismo Perché rende Urano un bersaglio particolarmente interessante per gli astronomi.

Prima di tutto, puoi presentarci Urano?

Se dovessi fare una carta d’identità per Urano, direi che è uno degli otto pianeti del sistema solare, che metteremmo nella categoria dei giganti, il che significa che è quattro volte più grande e quindici volte più massiccio. della terra ed è costituito principalmente da gas. A differenza dei pianeti rocciosi, non ha una superficie solida. Urano e Nettuno, che hanno una dimensione intermedia tra le dimensioni della Terra e Giove o Saturno, differiscono da questi due pianeti giganti nella loro composizione. Giove e Saturno sono composti principalmente da idrogeno ed elio, mentre Urano e Nettuno sono composti principalmente da specie volatili, come acqua, ammoniaca, metano, ecc. Innanzitutto bisogna ricordare che Urano è quattro volte più lontano dal Sole di Giove e due volte da Saturno. Ci vogliono ottantaquattro anni per girare intorno al sole. Per la cronaca, è stato il primo pianeta scoperto dall’astronomo britannico William Herschel il 13 marzo 1781.

Cosa sappiamo delle sue proprietà?

Un po. Le nostre osservazioni telescopiche ci danno informazioni sulla sua atmosfera. Rilevata anche l’aurora boreale. Ma per studiare un pianeta, molti parametri possono essere misurati solo andando sul sito. È il caso, ad esempio, di caratterizzare con precisione il campo gravitazionale e la composizione dell’atmosfera e della sua magnetosfera. Solo una sonda spaziale nella storia ha visitato Urano: nel gennaio 1986, Voyager 2 ha effettuato un veloce sorvolo. Abbiamo quindi immagini – pochissime, a bassa risoluzione – di alcuni dei 27 satelliti di Urano. Per molti aspetti, abbiamo poche prove per dimostrare che non è affatto come gli altri pianeti, ma non abbiamo abbastanza informazioni per concludere nulla!

READ  Hubble scopre che i fratelli galattici litigano

Hai ancora il 71,8% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.