A Marsiglia, licenza di pilota

Crea una classe sul “colore blu” combinando l’insegnamento di chimica, letteratura e sociologia. Questo è ciò che una manciata di ricercatori e professori sognava ad Aix-Marseille quando hanno creato, nel 2012, Licenza in Scienze e scienze umane.

Studia l’evoluzione del blu dai tempi dell’antico Egitto ai giorni nostri. Spiega come a quei tempi veniva preparato un colore molto raro allo stato naturale. Quindi, fare un passo importante nella storia umana per evocare i legami nati nel Medioevo tra il blu e la regalità. Prima che mi chiedessi di cosa trattasse la letteratura. Il blu era il colore preferito del libro? ” Non giusto “, Note Florence Bolshe.

Con venti colleghi, questo insegnante e ricercatore ha lavorato in chimica per tre anni per immaginare una licenza che combinasse le scienze umane e le scienze esatte. Dopo due anni di insegnamento trasversale, gli studenti del terzo anno si specializzano in una disciplina, come matematica, chimica, neuroscienze, filosofia o insegnamento.

L’idea di questa formazione è nata durante un movimento universitario nel 2009. “Durante i sei mesi di sciopero, abbiamo pensato molto all’università dei tuoi sogni, con questa idea: non volevamo che la conoscenza diventasse una merce”. Ricorda Gaëtan Hagel, professore di fisica e direttore didattico per le licenze. Ma presto la domanda viene alle anime tormentose. Come studiare le scienze esatte e le discipline umanistiche senza lasciare traccia? Il team trova la risposta negli scritti di Edgar Moran dedicati all’interdisciplinarietà.

“Pensiero aperto”

Quindi nasce l’idea di identificare i temi principali, all’intersezione delle discipline e quindi “Falli parlare”, Gaëtan Hagel spiega. Tra questi argomenti, “Cultura e lingua” fonde biologia, linguistica e filosofia. Systems of the World spiega il modo in cui le persone guardano il cielo stellato. Riguardo a cosa Fornire agli studenti una mente aperta che non è presente nella formazione mono.E il Difende Florence Bolshe.

Sfida: formare gli studenti per sviluppare una visione critica di una specializzazione – “Studiosi illuminati”, Come spiega Geetan Hagel.

READ  La vita è in giro? Poi rompi la tristezza

La maggior parte ha un diploma di maturità scientifica. I profili dovrebbero essere più diversificati con l’arrivo di coloro che si sono diplomati al “Bac Blanquer” nel prossimo anno accademico, ponendo le basi per nuovi gruppi di discipline scientifiche e letterarie.

Hai il 55,78% di questo articolo da leggere. Il resto è solo per gli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *