A Lampedusa, una “sommersione migratoria” trompe-l’oeil – EURACTIV.fr

A Lampedusa, una “sommersione migratoria” trompe-l’oeil – EURACTIV.fr

Lampedusa, simbolo di una “ sommersione migratoria » ? Tutt’altro, spazzano via gli esperti in materia, che vedono nel recente episodio di arrivi di massa sulla piccola isola italiana un fenomeno di “ ipervisibilità » mantenuto dalle autorità e “ strumentalizzato » dall’estrema destra.

Arrivi in ​​aumento, una realtà

Tra lunedì e mercoledì scorsi (11-13 settembre), sono arrivati ​​a Lampedusa circa 8.500 migranti su 199 imbarcazioni, più dell’intera popolazione dell’isola.

Le immagini spettacolari hanno provocato le ire dell’estrema destra europea. Una ” sommersione migratoria », ha lamentato domenica (17 settembre) Marine Le Pen, presidente del gruppo RN all’Assemblea nazionale, durante un incontro congiunto in Italia con Matteo Salvini, il leader della Lega, un partito di estrema destra membro della coalizione di governo italiana.

Da gennaio l’Italia ha accolto quasi 130.000 persone, circa il doppio rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

8.500 contro 4 milioni

Ma Lampedusa, l’Italia e l’Europa sono sommerse?

L’anno scorso, in tre mesi, l’Europa ha accolto quattro milioni di ucraini senza che nessuno la definisse un’invasione migratoria. Lì diciamo ‘immersione’ per qualche migliaio di persone, è assurdo », deplora Pierre Henry, presidente dell’associazione delle Fraternità di Francia.

Secondo i dati dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, dal 1° settembre l’Italia ha accolto 167mila ucraini.

La situazione non è paragonabile a quella delle 850.000 persone arrivate in Grecia nel 2015, la maggior parte delle quali in fuga dalla Siria. All’epoca era “ ci arriveremo » dell’ex cancelliere tedesco Angela Merkel che aveva segnato la risposta europea.

Effetto ingrandimento

Non vi è alcuna inondazione migratoria. Parliamo di pochissime persone, nella scala dei grandi paesi ospitanti del mondo », Stima geografo specializzato in migrazione Camille Schmoll all’AFP.

READ  Francia e Italia hanno convalidato la realizzazione di un viadotto sul lato francese per collegare la strada al tunnel

Solo per quanto riguarda i rifugiati, la Turchia accoglie 3,6 milioni di persone, l’Iran più di tre milioni.

Ci concentriamo su Lampedusa perché le immagini sono impressionanti e perché c’è un fenomeno di ‘sovraconcentrazione’, di ipervisibilità legato al fatto che l’isola è angusta e il centro di accoglienza è sovraffollato “, lei dice. Una situazione ricorrente dal 2011, quando in pochi mesi vi arrivarono 60mila persone.

Creazione” volontariamente » In una situazione di congestione permanente, il governo italiano si dà mano libera per poter rendere questa accoglienza una crisi, stima l’autore di “Migrazioni nel Mediterraneo” e direttore degli studi dell’EHESS.

Là ” sovra-occupazione » del centro da 389 posti è un “ messa in scena » da parte delle autorità italiane, aggiunge Pierre Henry.

Lampedusa vive di più” un problema logistico » come migratori, osserva il ricercatore Matthieu Tardis, direttore di Synergies Migrations. “SSe queste migliaia di persone fossero sbarcate nell’Italia continentale non ci sarebbe stata alcuna polemica “.

“Strumento di propaganda”

Stiamo assistendo ad una strumentalizzazione politica », giudici Matthieu Tardis.

Questi episodi marittimi sono diventati uno strumento di propaganda » per l’estrema destra, che permette “ per alimentare la retorica della paura », continua la geografa Camille Schmoll.

Perché in termini di numeri, “ potremmo benissimo assorbirli in Europa con un migliore coordinamento “, continua. Su questo tema il dibattito su un meccanismo di distribuzione europeo è impantanato da anni.

La strumentalizzazione si nutre di “ un argomento razzista che accompagna immagini spettacolari ma che non rivela la realtà dei flussi migratori », anche i giudici Pierre Henry: quelli delle persone provenienti dall’Africa sub-sahariana, mentre i primi paesi di origine dei richiedenti in Europa sono Siria (138.000), Afghanistan (132.000), Turchia (58.000), Venezuela (51.000) e Colombia (43.000 ), secondo le statistiche europee del 2022.

READ  “Un leader di uomini con le parole giuste”: per Francia-Italia l’eterno ritorno del “Gran Carlo” Ollivon

Altro effetto ottico: l’episodio eccezionale diventa un fenomeno quotidiano, concordano gli specialisti. Erano così 802 le persone sbarcate a Lampedusa nei primi nove giorni di settembre, prima degli arrivi massicci nell’arco di quarantotto ore. Cifre che da allora sono notevolmente diminuite.

Prima linea e distribuzione

Se l’Italia è geograficamente in prima linea nel Mediterraneo, è tuttavia lontana dall’essere il primo Paese ospitante effettivo. Alcuni esuli vengono distribuiti in altri paesi, altri continuano il loro viaggio clandestinamente.

Così, sul milione di richieste di asilo registrate nel 2022 nei Paesi europei, l’Italia ne ha ricevute 84mila, la metà della Francia (156mila) e molto lontana dalla Germania (244mila).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *