A Jeddah, dove Israele è ancora un tabù, il percorso verso la normalizzazione sembra indiretto

GEDDA, ​​Arabia Saudita – Erano passate le 23 di venerdì nella città costiera saudita di Jeddah e persone di tutte le età erano ancora disseminate sui marciapiedi di Palestine Street.

Alcuni si stavano dirigendo a ovest attraverso il caldo umido verso la passerella per prendere la brezza leggermente fresca proveniente dal Mar Rosso.

Le famiglie e altri hanno scattato foto di fronte alla King Fahd Fountain, un prodotto simile a un idrante antincendio che spara continuamente acqua a 853 piedi nell’aria.

Altri sono andati dall’altra parte, dentro e fuori i numerosi ristoranti e le catene di fast food americane che fiancheggiavano la strada affollata.

Nonostante il nome della strada e la presenza a Gedda del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, che era arrivato direttamente da Tel Aviv poche ore prima dopo un incontro con il presidente dell’Autorità Palestinese Mahmoud Abbas, la Palestina non sembra essere la numero uno nella mente delle persone all’estero per una notte sulla città.

Per un giornalista incaricato di incarnare la frenesia dell’attività diplomatica che gli israeliani consideravano con entusiasmo un segno dell’emergere della normalizzazione con l’Arabia Saudita, la scena sembrava una rappresentazione eccezionale di come il regno considerava la questione: collocare formalmente i palestinesi in cima alla loro stato. Agenda e li sostenevano vigorosamente nel discorso ad ogni turno, ma in realtà non erano eccessivamente preoccupati per il conflitto in corso a circa mille chilometri (600 miglia) a nord-ovest.

Un segno per il corridoio di Palestine Street a Jeddah, Arabia Saudita, 16 luglio 2022. (Jacob Magid/Times of Israel)

Per quanto riguarda l’accoglienza della normalizzazione con gli israeliani, l’unica cosa più fresca dei condizionatori d’aria nell’Haifa Mall in Palestine Street è l’accoglienza che questa idea ha avuto.

Il centro commerciale, un enorme centro commerciale nella baia, era eccezionalmente pulito e all’avanguardia, il che lo rendeva un luogo di ritrovo per la gente del posto di tutte le età in un paese conservatore in cui i bar e le discoteche sono vietati. In una sala cinematografica del centro commerciale, decine di giovani sono usciti dalla proiezione di “Minions: Rise of the Gru”, parlando tra loro eccitati.

READ  Pakistan e Cina hanno deciso di riportare temporaneamente gli studenti pakistani nelle università cinesi

“Un ebreo è un ebreo, sia in Israele che a Mosca”, ha detto Sultan, un venditore di orologi, mentre “Hello” di Beyoncé veniva suonato dagli altoparlanti scintillanti del centro commerciale.

L’ampia generalizzazione non era molto diversa dalla generalizzazione di cui ho sentito parlare di palestinesi e arabi durante il mio periodo di copertura degli insediamenti in Cisgiordania.

Mi rendo conto che stava parlando con un membro della stampa israeliana – io ero uno dei tre giornalisti di pubblicazioni israeliane che si sono uniti alla stampa della Casa Bianca durante la tappa saudita del viaggio di Biden in Medio Oriente – il venditore non ha avuto problemi a lanciarsi in sermoni su come volevano gli ebrei Il profeta Maometto fu ucciso e loro sono i “nemici dell’Islam”.

Food court presso il centro commerciale Haifa a Jeddah, Arabia Saudita, il 16 luglio 2022. (Jacob Magid/Times of Israel)

“Non c’è differenza tra Israele e gli ebrei da nessun’altra parte”, ha detto, osservando che quest’ultimo gruppo “finanzia l’oppressione dei palestinesi” dall’estero e quindi non ci si può fidare.

Quando ha saputo il mio nome, Sultan ha ammesso di non aver mai incontrato un ebreo prima. “Il Corano dice che è una buona cosa che siamo tutti diversi”, ha spiegato Sultan, in un impressionante cambiamento di 180 gradi dalla sua argomentazione originale.

Café Aroma in Palestine Street a Jeddah, Arabia Saudita, il 16 luglio 2022. (Jacob Magid/Times of Israel)

Gli esperti affermano che un cambiamento simile è necessario nel caso della normalizzazione israelo-saudita, il processo di Riyadh Affermazioni Non succedere – è vedere un caloroso benvenuto a israeliani ed ebrei dopo decenni di ostilità e demonizzazione.

“Per decenni, i leader arabi, i libri di testo e la stampa hanno sollevato opinioni negative su Israele e, in molti casi, sugli ebrei, e ci sono state poche opportunità per contrastare questa narrativa”, ha affermato Carmel Arbit, membro non residente del Consiglio Atlantico .

READ  jour de deuil nationwide après la bousculade mortelle de Méron

Sfide simili esistono in Israele: gli studi hanno dimostrato che molti ebrei israeliani hanno percezioni negative di arabi e musulmani.

Un negozio di alimentari all’Haifa Mall a Jeddah, Arabia Saudita, 16 luglio 2022. (Jacob Magid/Times of Israel)

In un’altra suite nel centro commerciale niqab– La commessa vestita è stata irremovibile nel mettere quello che sembra essere il profumo più forte di Jeddah sul mio polso interiore prima di aprire.

Era consapevole, come la maggior parte delle persone, che Biden era in città per un vertice regionale e sperava di migliorare le relazioni con gli Stati Uniti.

Israele era un’altra storia, sebbene insistesse sul fatto che la maggior parte dei sauditi si oppone alla pace con lo stato ebraico, a causa del trattamento riservato ai palestinesi.

I giornalisti della Casa Bianca salgono a bordo di un aereo noleggiato EgyptAir diretto a Gedda all’aeroporto Ben Gurion, 15 luglio 2022. (Jacob Magid/Times of Israel)

In una notte di Jeddah, due autisti di Uber, Ahmed, hanno fatto eco a un sentimento espresso da diverse altre persone al centro commerciale: che non aveva molte opinioni in merito e che confidava che il governo saudita avrebbe agito in modo appropriato.

Non avevo intenzione di interrogare Ahmed, cercando di evitarlo volgare Intervista al tassista. Ma dopo aver appreso cosa mi ha portato a Jeddah, era ansioso di discutere i problemi e lo ha fatto in un inglese spiritoso.

Ahmed era a conoscenza del trasferimento dell’isola nel Mar Rosso ottenuto al vertice del GCC + 3, insieme ai passi che l’Arabia Saudita ha accettato di intraprendere verso la normalizzazione con Israele per assicurarsi il controllo di Tiran e Sanafir.

Ahmed ha convenuto che la maggior parte dei sauditi si oppone a Israele, ma ha criticato quella che secondo lui era una minoranza che lo faceva per motivi religiosi.

READ  Avustralyalı şairin eşyalarının arasından 120 yıllık çikolata çıktı

Disse: “Se odi Israele a causa dei Giudei, odierai tutti i diversi popoli”.

Un ristorante a Jeddah, Arabia Saudita, 16 luglio 2022 (Jacob Magid/Times of Israel)

È difficile negare che la regione stia cambiando, avendo avuto il suo primo volo diretto in assoluto da Tel Aviv a Gedda venerdì, insieme a dozzine di altri giornalisti con sede negli Stati Uniti, poche ore dopo che l’Arabia Saudita ha annunciato che avrebbe aperto il suo spazio aereo a tutti. Aerei civili.

Potrebbe essere stato, come descritto da Biden e dal primo ministro Yair Lapid, il primo passo verso la normalizzazione delle relazioni israelo-saudita. Ma Riyadh ha continuato a insistere sul fatto che le relazioni con Israele non sarebbero andate oltre la causa palestinese, anche se i recenti sondaggi hanno mostrato livelli di sostegno ai contatti con gli israeliani alla pari con Emirati Arabi Uniti e Bahrain.

Quartiere di Al-Balad a Jeddah, Arabia Saudita, 15 luglio 2022. (Jacob Magid/Times of Israel)

Mentre attraversavo Palestine Street, mi sono ricordato di un film saudita del 2012 intitolato Oujda che faceva parte del curriculum di uno dei corsi del College of Arab Language. Il regista Haifaa Al-Mansour critica avidamente il regno conservatore per non aver concesso molti diritti a donne e ragazze, aprendo anche una finestra per cambiare l’atteggiamento dei sauditi nei confronti dei palestinesi.

Nel film, una bambina di 10 anni di nome Wajda sogna di possedere una bicicletta per correre e sconfiggere il suo ragazzo Abdullah. Sebbene Oujda sia in gran parte divorziata dalla religione, partecipa a un concorso di recitazione del Corano a scuola per utilizzare le vincite per acquistare una bicicletta a due ruote. Ma quando vince, la sua insegnante decide che invece di usare il premio per comprare una bicicletta – andare in bicicletta era un comportamento inappropriato per le donne in Arabia Saudita negli anni 2000 – donerà invece i soldi alla causa palestinese.

Mappa che mostra la rotta del primo volo diretto da Tel Aviv a Jeddah il 15 luglio 2022. (Jacob Magid / Times of Israel)

Al suo ritorno a casa, sua madre e sua nonna le chiedono dove sia il premio in denaro.

La sua risposta arrabbiata è arrivata “in Palestina”, mostrando poca comprensione o interesse per la causa che era stata rubata da una bicicletta.

Per quanto riguarda Israele, Arbit ha osservato che le maggiori opportunità di interazione tra israeliani e arabi del Golfo create dagli accordi di Abraham potrebbero eventualmente aiutare a sbarazzarsi di alcuni atteggiamenti negativi nei confronti dello stato ebraico.

“Tutte le parti hanno una lunga strada da fare per eliminare l’odio”, ha detto. “Ma promuovere le opportunità di incontro e sostenere le iniziative educative sarà la chiave per promuovere la tolleranza tra i paesi della regione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.