4 gigantesche montagne sottomarine sono state scoperte al largo delle coste del Perù e del Cile

4 gigantesche montagne sottomarine sono state scoperte al largo delle coste del Perù e del Cile

⇧ [VIDÉO] Potrebbero piacerti anche questi contenuti dei partner

Gli oceanografi hanno scoperto 4 gigantesche montagne sottomarine nelle profondità marine tra Perù e Cile, la più grande delle quali è alta circa 2,6 chilometri. Le montagne sono state avvistate per caso durante una spedizione, quando il team ha notato strane anomalie di gravità sulla mappa stradale. Possono fornire vere e proprie oasi di biodiversità.

Lo scorso gennaio, un team dello Schmidt Ocean Institute ha condotto una traversata in acque profonde da Golfito (in Costa Rica) a Valparaiso in Cile (tra le coste centrali e sud-occidentali dell'America), a bordo della loro nave da esplorazione Falcor Too Much. Mentre pianificavano la rotta, notarono che i dati satellitari mostravano anomalie di gravità in alcune aree. La forza gravitazionale era leggermente superiore al normale, indicando la presenza di un significativo eccesso di massa.

Sulle mappe satellitari, i rilievi del fondale marino causano lievi distorsioni nella superficie apparente dell’oceano. Le montagne possono creare creste quasi impercettibili su una mappa, mentre i canyon creano depressioni. Esaminando i dati più da vicino, l'equipaggio ha scoperto che queste anomalie gravitazionali corrispondono a gigantesche montagne sottomarine che non erano mai state registrate prima.

La maglietta che respira:
Mostra un forte messaggio sul clima 🌍

Osservare le anomalie gravitazionali è un modo elegante per dire che abbiamo cercato le creste sulla mappa e, quando lo abbiamo fatto, abbiamo individuato queste enormi montagne sottomarine rispettando il programma della nostra prima crociera scientifica in Cile all'inizio di quest'anno. “, spiega in un articolo John Vollmer, idrografo della squadra di spedizione Ho riferito Dallo Schmidt Ocean Institute.

READ  La crescita dei dinosauri carnivori può essere meglio compresa studiando le loro ossa

Utilizzando la tecnologia di mappatura multiraggio, i ricercatori sono stati in grado di confermare che le strutture non erano presenti in nessun database batimetrico esistente. ” Abbiamo avuto la fortuna di poter tracciare una traiettoria cartografica opportunistica utilizzando le anomalie di gravità nei dati dell'altimetro satellitare “Dice Fulmer.

Oasi di biodiversità

La tetrade sottomarina è stata scoperta tra 460 e 600 chilometri al largo delle coste del Perù e del Cile. Le tre vette peruviane sono alte rispettivamente 1.591, 1.644 e 1.873 metri. 4HSi trova al largo della costa del Cile ed è la più pittoresca, elevandosi a 2.681 metri sopra il fondo del mare. Per metterlo in prospettiva: è più di tre volte l'altezza del Burj Khalifa (l'edificio più alto del mondo, con i suoi 828 metri). Anch'esso si estende su un'area molto vasta di 450 chilometri quadrati e nasconde 1.150 metri sotto la superficie dell'acqua.

Il secondo più grande dei quattro monti sottomarini appena scoperti, raggiunge un'altezza di 1.873 metri. © Schmidt Ocean Institute

Le pareti di queste montagne possono essere vere e proprie oasi di biodiversità. Infatti, le montagne e i canyon sottomarini sono noti per essere “punti caldi” biologici, spesso sede di complessi ecosistemi di coralli, spugne e anemoni di acque profonde. Queste strutture in particolare forniscono ampie superfici rocciose particolarmente adatte alla crescita di questi organismi. La presenza di questi ultimi attira molti altri animali (crostacei, cefalopodi, pesci, ecc.), rendendo le montagne sottomarine habitat estremamente importanti per la biodiversità.

Guarda anche

Categoria dei temporali

Tuttavia, la mancanza di dati batimetrici dettagliati ostacola la capacità di proteggere questi ecosistemi. ” Le mappe sono strumenti essenziali per comprendere il nostro pianeta: la posizione delle montagne sottomarine ci porta sempre a hotspot di biodiversità non ben studiati “, spiega Jyotika Virmani, direttore esecutivo dello Schmidt Ocean Institute.

Durante le loro crociere, i ricercatori dello Schmidt Ocean Institute in genere raccolgono dati batimetrici mentre viaggiano. Dal 2012, le loro navi Falkor e Falkor Too hanno mappato circa 1,5 milioni di chilometri quadrati di fondale oceanico e documentato 29 montagne sottomarine, creste e canyon. Una delle montagne è stata scoperta di recente (nel novembre dello scorso anno) Al largo delle coste del GuatemalaAd una profondità di 2400 metri. È alto 1.600 metri e si estende su una superficie di 14 chilometri quadrati.

Nonostante gli sforzi di ricerca, la stragrande maggioranza (75%) dei fondali oceanici deve ancora essere mappata. L'ultima spedizione dell'istituto fa parte di un ambizioso progetto chiamato Seafloor 2030, che mira a mappare l'intero fondale marino del pianeta entro il 2030. Secondo le ultime stime, ci sono ancora tra 45.000 e 100.000 montagne sottomarine non elencate. ” La mappatura degli oceani è fondamentale per la nostra comprensione del pianeta Terra e quindi per la nostra capacità di garantirne la protezione e la gestione sostenibile », conclude il project manager Jamie McMichael Phillips.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *