Yasmine Belkaid, esploratrice dell'immunologia alla guida dell'Istituto Pasteur

Yasmine Belkaid, esploratrice dell'immunologia alla guida dell'Istituto Pasteur

Yasmine Belkaid è tornata in Francia, fateglielo sapere! Anche con i tamburi che rullano, questo annuncio potrebbe non disturbare il grande pubblico. Gli scienziati raramente fanno notizia, tranne quando vincono un premio Nobel… o propongono trattamenti discutibili per sconfiggere una pandemia. Nel mondo della ricerca medica, l'arrivo dell'immunologo franco-algerino alla guida dell'Istituto Pasteur, dopo un quarto di secolo trascorso negli Stati Uniti, rappresenta un avvenimento. Soprattutto perché prima di lei solo una donna ricopriva questa posizione.

“Tutte le università americane le avrebbero dato un ponte d'oro e lei sarebbe venuta da noi. È un piccolo miracolo.”respira Alan Fisher, presidente dell'Accademia delle Scienze e immunologo come lei. “Miracolo? Direi piuttosto che è una scelta molto logica.”La corregge la sua amica Bana Gebri, anche lei immunologa e docente all'Università di Chicago e futura direttrice dell'Imagine Institute di Parigi. Questa decisione unisce i suoi interessi scientifici, politici e umanitari. »

Quanto ad Anthony Fauci, suo capo per diciassette anni al National Institutes of Health, non nasconde i suoi sentimenti contrastanti. “È con un misto di tristezza ed eccitazione positiva che noi, qui negli Stati Uniti e al National Institutes of Health, diciamo addio a Yasmine Belkaid“Sig. Salute pubblica” per gli ultimi otto presidenti degli Stati Uniti. Siamo tristi di perdere una delle nostre scienziate più amate e apprezzate, una superstar scientifica e leader visionaria, ma siamo emozionati in modo positivo perché sappiamo che sarà direttrice dell'Institut Pasteur, uno dei principali centri mondiali di ricerca biomedica ricerca. istituzioni nel mondo. » L'arredamento è pronto.

La conoscenza è il suo rifugio

Ma parlare di “ritorno di Yasmine Belkaid in Francia” significa dimenticare la sua terza patria. O meglio la prima: l'Algeria. Lì è nata nell'agosto del 1968 in una famiglia binazionale, profondamente influenzata dalla lotta per l'indipendenza. Suo padre lasciò la scuola per unirsi ai ribelli quando aveva tredici anni. Era un uomo che si era fatto da solo, scalando i ranghi amministrativi fino a diventare un alto funzionario pubblico, poi un ministro. Sua madre, francese, professoressa di lettere classiche, attraversò il Mediterraneo nel 1962 “Venire a ricostruire il Paese e riparare i flagelli del colonialismo”.. Nella famiglia, quindi, custodiamo la libertà, l'impegno e la conoscenza.

READ  Comprendere la ricerca dei vincitori del 2023

Little Jasmine aggiunge a questo cocktail una passione molto personale: la scienza. Lo ha scoperto mentre era in vacanza in Francia con la nonna farmacista. «Aveva un laboratorio dietro la farmaciaricorda. I miei primi giocattoli erano roba scientifica sulla panchina bianca. Mi ha portato in montagna e mi ha mostrato le piante e come potevano essere trasformate in trattamenti. Quando avevo sei anni dichiarai che volevo fare il ricercatore. Ho iniziato a scrivere un'enciclopedia. Mi sono fermato alla lettera A, dopo forse due voci. Ma era deciso. »

Hai il 65% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *