125.000 pagnotte di formaggio: sul modello di una banca regionale: Deutsche Bank accetta il formaggio italiano come garanzia | Messaggio

Deutsche Bank riceve migliaia di Kselaibe come garanzia di prestito
Assistenza in caso di crisi della corona
La banca regionale italiana offre il concetto da molto più tempo

Deutsche Bank concede credito ai produttori di formaggio

Il caseificio italiano Ambrosi è stato fondato nel 1942 e, secondo il sito web dell’azienda, è il leader di mercato nelle specialità casearie italiane. Secondo Handelsblatt, il gruppo ha recentemente contratto un prestito di 27,5 milioni di euro da Deutsche Bank. La banca ha riconosciuto un totale di 125.000 Kselaibe come garanzia per il prestito. Il direttore dell’azienda Giuseppe Ambrosi vuole utilizzare la somma di un milione per investire in un impianto di stagionatura per formaggi Parmigiano e Grana Padano. Entrambi i tipi rappresentano anche l’offerta di formaggio di Deutsche Bank. Una pagnotta dovrebbe valere tra i 550 ei 740 euro. Il valore totale esatto del Kserder non è noto.

Non tutti gli alimenti sono adatti come garanzia di prestito

“Come la più grande banca estera italiana, abbiamo stretti rapporti con molte aziende di medie dimensioni con forti esportazioni nel Paese. Soprattutto durante l’attuale crisi della corona, vogliamo aiutare i nostri clienti a garantire e sviluppare le loro attività “, ha detto Handelsblatt, citando un portavoce di Deutsche Bank. L’obiettivo dell’azienda è supportare i propri clienti concedendo loro prestiti e non metterli sotto ulteriore pressione. In questo caso, quindi, hai accettato una garanzia del prestito che non è necessariamente attuale. Secondo Handelsblatt, altri alimenti, come il prosciutto di Parma, anch’essi italiani, non sono necessariamente adatti come garanzia per la concessione di prestiti. Entrambi i tipi di formaggi citati sono standardizzati e sostenibili e, se necessario, possono anche essere ben venduti e redditizi.

READ  Violentata in piazza Gae Aulenti a Milano: 23enne arrestato grazie alle telecamere

Banca regionale italiana Credito Emiliano come pioniere

Sebbene questo concetto possa sembrare insolito, non è affatto nuovo, come riportato anche da Handelsblatt. Presso la banca regionale italiana Credito Emiliano, di cui è comune anche la forma abbreviata Credem, la procedura sarebbe stata utilizzata da tempo. L’istituto accetta il parmesankse come garanzia di prestito per i casari dal 1953. Credem va oltre e immagazzina le forme di formaggio nei propri locali. Inoltre, la corretta maturazione del prodotto lattiero-caseario viene costantemente monitorata – dopotutto, il valore aumenta con il tempo di conservazione. A tal fine la banca si avvale di propri esperti che si prendono cura del bene.

Lo studio di Harvard ha esaminato i fenomeni

Il metodo di copertura della banca del nord Italia è riuscito addirittura ad essere oggetto di un case study pubblicato nel 2015 dalla Harvard Business School (HBS) dal titolo “Credem: Banking on Cheese”. Il professore assistente di tecnologia e gestione delle operazioni Nikolaos Trichakis ha scritto l’articolo con l’assistenza di Gerry Tsoukalas, assistente professore presso la Wharton School presso l’Università della Pennsylvania, ed Emer Moloney, ricercatore associato presso HBS. “Nella mia ricerca, guardo come le operazioni influenzano i finanziamenti e viceversa, e questo è stato un ottimo esempio di come un’infrastruttura di finanziamento può essere adattata alle caratteristiche operative di una catena di approvvigionamento”, ha detto Trichakis. .

Secondo Handelsblatt, le scorte di formaggio di Deutsche Bank sono attualmente ancora con il produttore Ambrosi. L’istituto di credito tedesco è ancora lontano dalla professionalizzazione del concetto.

Redazione di Finanzen.net

La pubblicità

Attuali certificati di

Il prospetto di base, le condizioni finali e le schede informative di base sono disponibili qui: JC8EY2, JC45G0. Si prega di notare anche le informazioni aggiuntive ** su questo annuncio.

READ  LETTORI IN DIRETTA - Gattuso: "La bugia sulla lotta! Giocare bene non basta, serve cattiveria!", Koulibaly: "Abbiamo paura se ci criticano così per un KO a 2 colpi!"

Altre notizie su Deutsche Bank AG

Fonti di immagini: Philip Lange / Shutterstock.com, Vytautas Kielaitis / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *