Volpi, corvi, donnole… sono state molto criticate e l’elenco delle “specie potenzialmente dannose” è stato rinnovato.

Volpi, corvi, donnole… sono state molto criticate e l’elenco delle “specie potenzialmente dannose” è stato rinnovato.

Castoro dei pini, donnola, cornacchia nera, ghiandaia, torre, gazza, storno, volpe rossa e donnola: nove “Specie suscettibili di causare danni” (ESOD), precedentemente denominato “Dannoso”appaiono in a La controversa bozza di decisione ministeriale è stata pubblicata giovedì 15 giugno. Questo elenco, che è stato sottoposto a consultazione pubblica prima della sua entrata in vigore a luglio, lo consente “Devastazione” di questi uccelli e mammiferi a causa dei danni che possono causare, soprattutto sulle attività agricole. Succede al precedente rating triennale istituito nel 2019, prorogato di un anno a causa del contesto sanitario.

Pinefish su Vogue, giugno 2021.

Mentre alcuni allevatori e cacciatori lo considerano troppo restrittivo, diverse organizzazioni per la conservazione della natura (Wildlife Conservation Society, OneVoice, Sea Shepherd, ecc.) hanno chiesto per diversi anni un’importante revisione di questi regolamenti, descritta come “aberrazione ambientale”. “Siamo offesi dal fatto che possiamo ancora considerare le specie dannose e distruggerle in qualsiasi momento, anche durante la nidificazione o la gravidanza.denuncia Cedric Marto, direttore della Divisione per la conservazione della natura della Lega per la protezione degli uccelli (LPO). L’elenco dei presunti colpevoli viene reintegrato anno dopo anno senza cambiare nulla. » “Questo regolamento non è affatto soddisfacente e la procedura non è buona”.Dominique B., specialista francese di caccia naturale (FNE) abbonda.

Il Ministero delle Trasformazioni Ambientali, da parte sua, conferma che l’importanza di questa classificazione è stata “appuntato”. Nonostante i ricorsi legali contro ordinanze precedenti, pochissime revoche sono state annullate. La legge consente la distruzione di un numero limitato di specie per proteggere gli interessi economici., afferma la delegazione che accompagna il Segretario di Stato incaricato dell’Ambiente, Beranger Couillard. La nuova bozza di decreto prevede un rinnovamento quasi identico dell’elenco in termini di specie bersaglio: non compare più solo il Polo, maRisoluzione del Consiglio di Stato 2021a causa dello sfavorevole stato di conservazione.

READ  Questi ricercatori sono stati tentati dalla "biforcazione" ecologica.
Leggi anche la rubrica: Il materiale è riservato ai nostri abbonati Biodiversità: “La puzzola va inserita nell’elenco degli animali protetti”

nessun danno “controllo”

Nel periodo coperto dal precedente decreto, ogni anno in Francia venivano “distrutte” in media 370.000 volpi, per danni stimati in 13 milioni di euro in tre anni, secondo il ministero. Ogni anno vengono uccise anche circa 3.400 ghiande, un corvo che contribuisce alla piantagione di alberi spargendo ghiande, con un danno stimato di 200.000 euro a colture e frutteti. Secondo la nuova bozza di testo, i Jays sono ancora classificati solo come “tipi con il potenziale per causare danni” in cinque divisioni.

Hai ancora il 59,05% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *