Vivek Agnihotri gira un film sulla storia di successo dell’India contro il Covid; Il regista dice: “La gente comune comune…”

Il regista di “Kashmir Files” Vivek Agnihotri ha accennato a un film per il grande schermo sui risultati dell’Indian Council of Medical Research (ICMR) nella sua lotta contro la pandemia di Covid nel paese.

Secondo le fonti, il regista ha già iniziato a prepararsi ed è attualmente in corso la ricerca di scienziati che hanno avuto un ruolo nella preparazione dei vaccini.

L’idea di raccontare la storia sul grande schermo è nata dopo che Agnihotri ha viaggiato in diversi paesi, dove è risultato positivo anche al virus COVID e ha dovuto fare i conti con le infrastrutture mediche di paesi stranieri.

In un’intervista esclusiva con ANI, Agnihotri ha dichiarato: “Negli ultimi sei o sette mesi ho viaggiato in tutto il mondo. Sono stato negli Stati Uniti, in Germania, nel Regno Unito, nei Paesi Bassi e in Ungheria. In effetti, in tutto nei paesi sviluppati del mondo e nel mezzo, anche io e mia moglie siamo stati infettati. Con il virus COVID lì ho capito che la loro infrastruttura e consapevolezza erano molto scarse sul COVID. “

“Il test RTPCR è molto costoso e negli Stati Uniti richiede da 48 ore a sette giorni. Anche la cultura dell’igiene era molto scarsa. Quindi mi è venuto in mente cosa siamo stati in grado di ottenere (l’India) con così tanto successo? Ho iniziato a leggere e devo dirti che questo scienziato sta parlando dal punto di vista dell’India come paese sottosviluppato, ma questo è ciò che ha detto l’India, in particolare ciò che dice l’Indian Council of Medical Research, i suoi scienziati e la NIV questo è ciò che stanno facendo le scienziate”.

Il regista ha affermato di ritenere che la storia di coloro che hanno ottenuto il “più grande” successo debba essere ritratta sullo schermo.

READ  Kate Middleton ha soprannominato "dupliKate" Meghan Markle dai fan

“La gente comune senza risorse, quello che hanno ottenuto è la più grande storia di successo dell’umanità. Pertanto, ho iniziato a pensare se dovesse essere girato al cinema o meno, e dovrebbe essere documentato o meno”, ha detto.

Agnihotri ha detto che sta ancora ricercando l’argomento e ha riconosciuto il messaggio che “se vuoi ottenere qualcosa, le risorse non contano, conta solo la tua volontà”.

Ha detto: “Sto ancora cercando perché non ci sono così tanto dentro. Se vuoi ottenere qualcosa, ciò che conta è come ti senti riguardo all’umanità”.

Ha apprezzato il lavoro svolto dal team di scienziati dell’ICMR.

“Una cosa è parlare dell’umanità politicamente, ma una cosa è quello che stai davvero facendo per l’umanità, e ho avuto le lacrime agli occhi quando ho letto la storia di come i nostri scienziati hanno dovuto lottare in Iran. Sai, il tipo di minacce “, ha detto Agnihotri elogiando gli scienziati. “Ma lasciano comunque a tutti una grande storia, penso che questa sia la più grande storia dell’India indipendente dai tempi della libertà”.

Lodando la campagna di vaccinazione in corso di successo dell’India in base alla quale sono state raggiunte di recente più di 200 crore di dosi, il direttore di “Kashmir Files” ha affermato che questa è la storia che i paesi del mondo devono vedere.

“Quindi, un paese con un solo laboratorio e senza risorse. Tutti dicevano che l’India non avrebbe mai potuto produrre un vaccino. C’erano molte agenzie che lavoravano contro di noi. Come abbiamo creato il nostro vaccino su larga scala e ci hanno dato 200 crore di dosi. Penso che sia una storia che deve essere vista da tutti, dalla Tanzania a Tokyo”.

READ  Covid-19: i casi di nuova diagnosi negli Stati Uniti e in Francia in un giorno hanno stabilito nuovi record - BBC News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.