“Vietato passeggiare nei centri storici”

“Abbiamo l’ordine. Non è un atto di autorità ma è anche un po ‘un fallimento ”. Lo ha annunciato il presidente del Veneto Luca Zaia. “È un segno dei tempi – ha aggiunto Zaia – perché in un mondo in cui si seguono le regole sarebbe inutile. Si tenta di intercettare gli intransigenti. È un fallimento sociale perché il buon senso non è per tutti ”.

Regioni dal giallo all’arancio e dall’arancio al rosso: tutte le restrizioni, dagli amici ai bar e ai viaggi

Nuove regole quindi, incentrate soprattutto sulla lotta agli assembramenti e concordate tra tre regioni: Veneto, Friuli-Venezia Giulia ed Emilia romagna.

Il presidente della Fvg Massimiliano Fedriga ha aperto la conferenza stampa in diretta spiegando come la nuova ordinanza miri a evitare “troppe aggregazioni e abbassare l’indice di contagio”. “Grazie ad uno sforzo enorme, ci manteniamo meglio, anche se la situazione è critica. Per questo l’ordinanza non mira a emettere sanzioni, ma a dare regole comuni per limitare il più possibile la circolazione di virus e proteggere i gruppi a rischio “.

L’ordinanza ha l’approvazione del ministro della Salute ed entra in vigore sabato. “Il Dpcm in vigore prevede un monitoraggio continuo. Il nostro obiettivo non è evitare di attraversare una certa area, ma limitare il virus. La prossima settimana ci incontreremo con il governo per un rinfresco. Cerchiamo un equilibrio tra il danno causato e il contenimento dell’infezione. “Il nostro indice Rt sta migliorando – ha previsto Fedriga.” Abbiamo una grande disponibilità di posti letto non intensivi e intensivi, ma siamo preoccupati per lo stress del sistema sanitario. Ci stiamo muovendo verso la riconversione delle strutture intermedie. Abbiamo è iniziato all’inizio dell’estate e abbiamo fatto bene. Litigare al momento è irrilevante. Possiamo perderci in conflitti di cui i cittadini non hanno bisogno. “” Il nostro piano pandemico è stato tra i primi ad essere approvato dal Dipartimento della Salute. Nessuno sogna di convertire un RSA quando non ce n’è bisogno. Quando se ne presenta la necessità, è fatto. “” Il motivo per condividere la prescrizione con il Il Veneto e l’Emilia Romagna nascono da situazioni simili. Vogliamo uniformare le regole perché i territori sono confinanti. C’è la stessa collaborazione attuata nella prima fase dell’epidemia “.” Comprendiamo che i sacrifici sono innaturali, ma ora sono più che mai necessari “.

READ  Louise, 87 anni, riceve un PV dall'Italia anche se non ha lasciato il suo villaggio

RIEPILOGO ITALIA PER REGIONE

Nuova ricetta

Ecco le principali novità per i friulani dalla mezzanotte di oggi. La maschera sarà sempre obbligatoria fuori casa, ad eccezione dei minori di 6 anni e dei cittadini con patologie specifiche. L’attività fisica all’aperto dovrebbe essere preferibilmente svolta nei parchi pubblici o negli spazi verdi circostanti. E comunque lontano da zone affollate, come strade o piazze. L’accesso ai punti vendita è consentito solo a una persona per nucleo familiare. Il consiglio per gli over 65 è di frequentare gli stessi negozi entro le prime due ore di apertura. I mercati possono essere aperti solo su presentazione di una planimetria del perimetro, con entrate e uscite separate. Le lezioni di educazione fisica, canto e strumenti a fiato sono sospese nelle scuole elementari e medie. Bere nei bar dalle 15:00 è possibile solo seduti. È vietato il consumo al di fuori delle aree autorizzate. Nei giorni festivi e prima delle festività saranno chiuse le strutture di grandi e medie dimensioni (oltre 400 mq). Nei giorni festivi è inoltre vietata la vendita nei negozi, ad eccezione di farmacie, drogherie, edicole, negozi di alimentari e tabacchi. La consegna a domicilio è ancora consentita.

Veneto

Nei giorni che precedono le vacanze in Veneto vengono chiuse le strutture di vendita di grandi e medie dimensioni, sia su un piano che in più negozi, compresi i parchi commerciali (outlet). Lo stabilisce l’ordinanza illustrata dal presidente Luca Zaia. Restano aperti solo i negozi di alimentari, le farmacie e le drogherie, le tabaccherie e le edicole. Nei giorni festivi è vietata qualsiasi tipo di vendita, anche presso negozi locali, ad eccezione delle stesse categorie.

Inoltre da domani al 3 dicembre in Veneto è vietato passeggiare per le strade e le piazze dei centri storici cittadini e nelle zone sovraffollate. Lo prevede l’ordinanza illustrata dal presidente Luca Zaia. “Niente e ‘vascà – ha spiegato Zaia – niente attriti, la spiaggia non è affollata”.

READ  Flavia Pennetta apre 2 lotti a Brindisi, Italia

Può entrare nei negozi una persona per nucleo familiare, salvo che per accompagnare persone in difficoltà o bambini sotto i 14 anni. Il mercato all’aperto è vietato tranne nei comuni dove i sindaci hanno predisposto un piano che preveda il perimetro dello spazio esterno, un unico accesso e una porta di uscita, è presente una sorveglianza che verifica le distanze, la raccolta e il controllo accesso

La somministrazione di cibi e bevande è prevista in Veneto, da domani al 3 dicembre, solo dalle ore 15:00 alle ore 18:00, e il consumo dovrebbe avvenire solo seduti, all’interno e all’esterno dei locali. Lo prevede l’ordinanza del presidente Luca Zaia. I posti nei bar e nei ristoranti devono essere “sistemati regolarmente”. Per i pasti da asporto è vietato mangiare fuori dal ristorante. “L’obiettivo – ha spiegato Zaia – è evitare soprattutto gli spritz accatastati fuori dalle sbarre”.

Friuli-Venezia Giulia

L’ordinanza “garantisce, sotto forma di raccomandazione, l’accesso agli esercizi commerciali di grandi e medie strutture di vendita nelle prime due ore della giornata per gli anziani”. Questa è una delle misure introdotte nella nuova ordinanza anti-covid per il Friuli-Venezia Giulia. “Non è che gli over 65 non possano fare acquisti in orari diversi – ha sottolineato Fedriga – ma cerchiamo di garantire nastri protetti. Non è una limitazione, ma una raccomandazione che facciamo ai negozi perché possano organizzarsi e favorire l’ingresso riservato durante i primi due orari di apertura dei negozi ”. Il provvedimento riguarda le grandi aziende, “non parliamo di negozi di quartiere”.

video

video

Ultimo aggiornamento: 13:50


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *