Veolia e Suez stanno rimodellando il loro staff

Ufficialmente Veolia non acquisterà il Canale di Suez fino alla fine del 2021, ma i due gruppi stanno lavorando duramente per prepararsi a tale scadenza. Così Antoine Ferro, amministratore delegato di Veolia, ha svelato, mercoledì 28 luglio, il posto da dare agli alti ufficiali del suo rivale nella sua squadra.

Dalla data di chiusura della fusione, il Comitato Esecutivo del leader mondiale nel campo dell’acqua e dei rifiuti comprenderà un quarto degli ex membri di Suez, quattro su sedici membri: Isabel Calvez (futuro direttore delle risorse umane), Sebastian Daziano (strategia e innovazione), Azad Ciparian (Italia), Africa e Medio Oriente) e Angel Simon (regione Iberia e America Latina).

Questo articolo è riservato ai nostri abbonati Leggi anche Dopo una lunga battaglia, Veolia e Suez firmarono un trattato di pace

Erano circa cinque. Veolia, infatti, è stata in discussione fino all’ultimo minuto per accogliere Anna Geros, vicedirettore generale di Suez, responsabile in particolare dell’Asia e dei grandi conti industriali. Tuttavia, lo spagnolo si candidava anche alla presidenza del nuovo Canale di Suez, privato del 60% delle sue attività che era stato acquisito da Veolia.

aspra lotta

Infine, i fondi Meridiam e GIP, nonché la Caisse des Dépôts et Consignations, i futuri secondo maggior contribuente alla Francia nell’ambiente in contrazione, l’hanno persuasa a rimanere e co-gestire, insieme a Maximilien Pellegrini, Vicepresidente esecutivo. Eau France a Suez. Tuttavia, dopo molte procrastinazioni, la direzione generale sarà assegnata a qualcuno che è stato reclutato dall’esterno dell’azienda, come ha rivelato lui stesso, in una lettera interna, Bertrand Camus, l’attuale direttore generale.

Né la battaglia in borsa né la crisi sanitaria hanno impedito a Suez e Veolia di raggiungere una forte crescita della loro attività tra gennaio e giugno rispetto al 2020.

Dopo nove mesi di aspra lotta contro Veolia, conclusasi il 14 maggio con la firma di un accordo di fusione, Camus ha annunciato di non avere intenzione di restare a Suez o di unirsi al Veolia. Il sindacato degli azionisti ha incaricato Spencer Stewart di cercare un successore. All’interno della società è stata respinta la nomina di Jean-Marc Porcset, alla guida di Suez France, e Diane Galbet, direttore della strategia, braccio destro di Camus in difesa contro Veolia. Per il resto, secondo le nostre informazioni, Laurent Gillot, il candidato fallito alla pubblica amministrazione di Engie, che ha appena lasciato l’ufficio finanziario di Saint-Gobain, sembra essere in una buona posizione. Anche Sylvie Gihano, CEO di Dalkia, sarà in gara secondo messaggio per.

Hai il 22,21% di questo articolo da leggere. Il resto è solo per gli abbonati.

READ  La crisi climatica richiede un "approccio multiplo" - EURACTIV.fr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *