Unione Europea – L’economia dell’Eurozona si è ripresa bene dal Covid

Unione Europea – L’economia dell’Eurozona si è ripresa bene dal Covid

pubblicato

Secondo le stime di Eurostat, il PIL europeo è aumentato del 5,2% nel 2021. Questa crescita non è stata raggiunta dall’inizio delle statistiche nel 1996.

Nel 2021 l’economia europea ha registrato una crescita storica, guidata da Francia e Italia. Gli analisti affermano che le prospettive per il 2022 sono buone.

Didascalia immagine / Agence France-Presse

L’economia europea, guidata da Francia e Italia, ha rapidamente superato l’impatto della pandemia lo scorso anno, registrando una crescita record, sebbene sia ancora indietro rispetto a Stati Uniti e Cina. Il prodotto interno lordo dell’Eurozona è cresciuto del 5,2% lo scorso anno, così come l’intera Unione Europea, in linea con le aspettative di Bruxelles, secondo una prima stima pubblicata lunedì da Eurostat. La crescita non è mai stata così rapida dall’inizio delle serie statistiche nel 1996.

Questo dato storico conferma che l’economia si è ripresa rapidamente dopo il crollo legato alla pandemia di COVID-19. Secondo l’Ufficio statistico europeo, nel 2020 il PIL ha registrato un calo storico di almeno il 6,4% nei 19 paesi che condividono la moneta unica e del 5,9% all’interno dell’Unione europea.

L’economia europea ha subito un forte rallentamento nel quarto trimestre, influenzata dalla recrudescenza del virus Covid-19 che ha portato a nuove misure restrittive, in particolare nel settore alberghiero e della ristorazione. Da ottobre a dicembre il PIL è cresciuto di appena lo 0,3% rispetto ai tre mesi precedenti nell’eurozona (+0,4% nell’UE), dopo incrementi del 2,2% e del 2,3% nei due trimestri precedenti.

Ma l’impatto della pandemia è stato molto inferiore rispetto al 2020, quando i blocchi diffusi hanno chiuso le fabbriche e hanno chiuso interi settori dell’economia. Nell’ultimo anno, la vaccinazione della stragrande maggioranza della popolazione e misure di restrizione più mirate hanno mantenuto l’attività.

La crisi è stata gestita meglio di quanto non fosse nel 2008

L’anno scorso, Francia, con un PIL in aumento del 7%, e Italia (+6,5%), rispettivamente la seconda e la terza economia europea, hanno guidato la performance del blocco, essendo stato tra i paesi più colpiti nel 2020. La Spagna era nel mezzo con crescita 5%. Mentre la Germania, che ha resistito meglio alla crisi, è cresciuta solo del 2,8%, appesantita dal peso del suo settore auto colpito dalla carenza di semiconduttori.

Il commissario all’Economia, Paolo Gentiloni, il 17 gennaio ha accolto con favore una ripresa molto più rapida rispetto alla Grande Recessione del 2008. “Dopo la crisi finanziaria globale, ci sono voluti sette anni prima che il PIL dell’eurozona tornasse al livello pre-crisi e ha osservato che dopo allo scoppio dell’epidemia, il livello pre-crisi era già stato raggiunto a fine 2021.

in ritardo rispetto a Cina e Stati Uniti

Le prospettive per il 2022 sono buone. Jessica Hinds per la società di consulenza britannica Capital Economics. Si prevede una crescita del 3,5% nell’area euro per il 2022, inferiore alla cifra prevista dal Fondo Monetario Internazionale (3,9%) o dalla Commissione Europea (4,3%).

Tuttavia, l’economia europea è ancora indietro rispetto ai concorrenti cinesi e americani. La crescita è stata del 5,7% l’anno scorso negli Stati Uniti, mentre il PIL è sceso “solo” del 3,5% l’anno precedente. La Cina ha registrato una crescita annuale dell’8,1% per il 2021, dopo un aumento del 2,3% nel 2020.

(Agenzia di stampa francese)

READ  Italia-Tunisia: In collaborazione con Cife per l'Imprenditoria Femminile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *