Vaccino, test PCR, quali sono le regole per una vacanza in Italia quest’estate? # Alla tua risposta

Con l’avvicinarsi delle vacanze estive, molti di voi ci chiedono di un viaggio, di un transito in Italia. Vaccino, test PCR, quali sono le regole per una vacanza in Italia quest’estate? # SuYouReply! (Aggiornato il 28 giugno)

Vaccino, test PCR… Cosa pianificare per la dolce vita in Italia quest’estate? Molti di voi ci chiedono (utilizzando il form da leggere sotto) di un viaggio o di un transito in Italia. Alcuni di voi partiranno, altri ci andranno, in particolare per prendere un battello per la Corsica.

> Vaccino, test PCR, quali sono le regole per andare in Corsica quest’estate? # SuYouAnswer

Ecco, in questa data del 23 giugno, le risposte che possiamo darvi.

Mi è permesso andarci?

Per viaggiare in Europa, non è necessario giustificare il motivo del viaggio. Dal 1 luglio verrà riconosciuto il pass sanitario per gli spostamenti all’interno dell’area europea, sotto forma di certificato europeo.

Attraverso l’Italia per andare a Savona per prendere il traghetto per Bastia. Quale approccio per la traversata in Italia?

Sposato

Luna certificazione verde COVID-19 sarà valido come certificato digitale COVID dell’Unione Europea. Dovrebbe quindi facilitare i viaggi da e verso tutti i paesi dell’UE e dell’area Schengen. Quindi da e per l’Italia. Il 17 giugno il Paese ha attivato l’implementazione della piattaforma dedicata.

Questo certificato “verde” può includere la prova della vaccinazione, un risultato negativo del test o una prova di guarigione da Covid di età inferiore a 6 mesi.

Per maggiori informazioni sugli aspetti sanitari in Italia (numero verde 1500) e all’estero ai numeri +39 0232008345 – +39 0283905385

  • All’arrivo in Italia: niente quarantena
  • In partenza per il rientro in Francia: niente quarantena.
READ  Luigi Carraro: "Un onore ospitare le finali Fip in Italia"

Quando entri in Italia:

Tutti i viaggiatori devono compilare un modulo di localizzazione (Modulo tracciabilità passeggeri Digitali – dPLF).

Devi presentare questi documenti (aggiornamento 22 giugno):

> Il risultato negativo di una PCR o di un test antigenico inferiore a 48 ore (non sono accettati gli autotest);

> Prova di vaccinazione completa con un vaccino riconosciuto dall’Agenzia Europea dei Medicinali (Pfizer, Moderna, AstraZeneca e Johnson & Johnson). La prova della vaccinazione è valida solo a condizione che permetta di certificare il completamento di un programma completo di vaccinazione (14 giorni dopo l’ultima iniezione). Il certificato deve essere presentato in una delle 4 lingue: italiano, inglese, francese o spagnolo;

> Un certificato di guarigione (questo certificato è valido per un massimo di 180 giorni dopo il primo test positivo).

Andrò in Corsica il 16 luglio, passando per la Svizzera e l’Italia per prendere il battello per Livorno. Quali elementi dovrei presentare sapendo che io e mia moglie saremo completamente vaccinati dal 30/06 e che abbiamo 2 bambini di 8 e 11 anni? Stessa domanda per il ritorno con lo stesso percorso. Grazie in anticipo per il tuo feedback.

Vincent P. nel Grand Est

Per assaporare la gastronomia italiana… Puoi calare la maschera!

© Anne Le Hars FTV

Ecco l’elenco dei viaggiatori esenti dal test:

  • Soggiorno non superiore a 120 ore per comprovate esigenze lavorative, sanitarie o di assoluta emergenza;
  • Transito, con mezzi privati, sul territorio italiano per un periodo non superiore a 36 ore >> Per chi prende il traghetto!
  • I viaggiatori che effettuano un transito internazionale attraverso un aeroporto e che risiedono nella zona internazionale non devono presentare un test (purché non cambino aeroporto).
  • lavoratori frontalieri in ingresso e in uscita dal territorio nazionale per comprovati motivi di lavoro e per il consecutivo rientro presso la propria residenza, alloggio o soggiorno;
  • Personale di aziende ed enti con sede legale o secondaria in Italia per trasferte all’estero per comprovate esigenze lavorative non superiori a 120 ore;
  • Alunni e studenti che seguono un programma di studio di tipo Erasmus,
  • Viaggiatori vaccinati (14 giorni dopo l’ultima iniezione);
  • Bambini sotto i 6 anni… Allora Vincent, i tuoi figli dovranno farne uno!

Da notare che il Paese è suddiviso in zone di diverso colore a seconda delle dimensioni dell’epidemia e della presenza di varianti.

READ  Foot - Italia - Cup - Il Milan si è qualificato per i quarti di finale di Coppa Italia

Il governo francese ritiene che l’Italia sia uno dei “paesi dove non c’è” nessuna circolazione attiva del virus, non sono state individuate varianti preoccupanti”.

Il ministro della Salute, Roberto Speranza ha appena firmato questo lunedì 21 giugno una nuova prescrizione. Essa prevede il passaggio nella zona bianca delle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Marche, Sicilia, Toscana e della provincia autonoma di Bolzano.

Nessuna maschera in valigia!

Questo 28 giugno non c’è più alcuna zona a seconda dei livelli di rischio.

Non è quindi più obbligatorio indossare la mascherina all’esterno, misura molto attesa dal nord al sud del Paese travolto da un’ondata di caldo con temperature elevate.
che può superare localmente i 40°C. Gli italiani sono tenuti a munirsi di mascherina e ad indossarla nei luoghi dove non può essere rispettata la distanza di un metro tra le persone.

Il paese di Dolceacqua e il suo ponte reso famoso dal pittore Claude Monnet.

Il paese di Dolceacqua e il suo ponte reso famoso dal pittore Claude Monnet.

© LB / FTV

E il certificato europeo Covid, devo averlo anche io?

Dal 1 luglio Certificazione verde COVID-19 sarà valido come certificato digitale Covid dell’Unione Europea. Dovrebbe quindi facilitare i viaggi da e verso tutti i paesi dell’UE e dell’area Schengen. Quindi da e per l’Italia. Il Paese ha attivato il 17 giugno l’implementazione della piattaforma dedicata.

Per maggiori informazioni sugli aspetti sanitari in Italia (numero verde 1500) e all’estero ai numeri +39 0232008345 – +39 0283905385

  • All’arrivo in Italia: niente quarantena
  • In partenza per il rientro in Francia: niente quarantena.

Per andare oltre: l’Ambasciata di Francia in Italia mantiene un Domande frequenti il più frequente sul suo sito web.

Come faccio quando torno?

Dal 9 giugno, per entrare in Francia (che tu sia francese o italiano) se provieni dall’UE, hai bisogno di:
> Oppure presentare il risultato negativo di una PCR o di un test antigenico inferiore a 72 ore (non si accettano autotest);
> Oppure presentare una prova di vaccinazione completa con un vaccino riconosciuto dall’Agenzia europea per i medicinali (Pfizer, Moderna, AstraZeneca e Johnson & Johnson).

READ  autocertificazione per trasferirsi, in Campania servirà anche per spostarsi tra province

La prova della vaccinazione è valida solo a condizione che permetta di certificare il completamento di un programma vaccinale completo (14 giorni dopo la 2a iniezione per i vaccini a doppia iniezione (Pfizer, Moderna, AstraZeneca); 28 giorni dopo l’iniezione per i vaccini con una singola iniezione (Johnson & Johnson); 14 giorni dopo l’iniezione per i vaccini in persone con una storia di Covid-19 (è necessaria solo 1 iniezione)).

Le misure applicate agli adulti vaccinati si estendono alle stesse condizioni ai minori che li accompagnano, vaccinati o meno.

Deve anche un certificato (versione online) o qui:

Impegno sull’onore

Aggiornamento sul Covid lì:

I dati sono in calo nel paese dallo scorso marzo:

E se necessario, il numeri di telefono delle società di consulenza e agenzie di consulenza dall’Italia.

Buone vacanze a te!

Puoi trovare le informazioni più recenti sui paesi aperti ai viaggiatori sulla nostra Mappa delle restrizioni di viaggio globali. Controlla sempre le ultime linee guida del governo prima di viaggiare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *