Uno studio ha concluso che lo Sputnik V protegge dal virus Lambda con la stessa efficacia contro il ceppo che ha originato la prima ondata.

Inserito:

30 giugno 2021 21:48 GMT

Conosciuto anche come “Andina”, C.37 è diffuso in America Latina ed è stato classificato come “di interesse” dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

Uno studio scientifico recentemente pubblicato in Argentina ha valutato la capacità di neutralizzare il vaccino russo Sputnik V contro la variante Lambda del coronavirus, che si sta diffondendo in modo aggressivo in America Latina.

Secondo il rapporto ottenuto da RT, il vaccino russo “protezione equivalente” Appare con il ceppo B.1, che ha portato all’epidemia e si è diffuso in tutto il mondo durante la prima ondata di covid-19.

Lo studio, condotto da diverse istituzioni scientifiche, ha valutato il livello di immunizzazione di persone precedentemente infette vaccinate con Sputnik V, rispetto al ceppo originariamente scoperto in Perù, chiamato anche ‘Andina’, e lo ha confrontato con il resto del ceppo dominante. Variazioni nel paese.

“Abbiamo osservato che nei diversi gruppi valutati non c’è differenza tra la variante andina e il ceppo di riferimento, che sono quelli della prima ondata. In altre parole, Il livello di protezione valutato in questo particolare esperimento è equivalente“,” Gabriela Turk, laureata in scienze biologiche presso l’Università di Buenos Aires (UBA) e ricercatrice indipendente presso il Consiglio nazionale per la ricerca scientifica e tecnica (Conicet), ha dichiarato a RT.

Il lavoro è stato preparato dal Consorzio del Progetto PAIS – istituito dal Ministero della Scienza, della Tecnologia e dell’Innovazione – e dalla Biobanca delle Malattie Infettive e dall’Istituto per la Ricerca Biomedica su Retrovirus e AIDS (INBIRS – Conicet e UBA).

A metà giugno, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) Occhio come “importante variante” del ceppo andino di SARS-CoV-2 e ha commissionato studi scientifici sul suo comportamento.

“L’interesse particolare per il progetto paese era che stavano vedendo un aumento della circolazione di varianti diverse da quelle prevalenti lo scorso anno, in particolare da marzo 2021, quando i ceppi di P.1 (Manaus o Gamma), Alpha (UK) e apparve la variante andina o C.37. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha ribattezzato Lambda.

“Non ci sono informazioni sugli anticorpi neutralizzanti in nessun contesto, in particolare nella variante andina, qualcosa che viene analizzato con la variante di Manaus. È noto che gli anticorpi contro alcuni vaccini e individui purificati hanno Capacità leggermente inferiore neutralizzare ciò che è successo con la prima ondata”, afferma Turk.

Il rapporto dice: “È stato riferito, per la prima volta, che la variante di interesse Lambda È efficacemente neutralizzato Dagli anticorpi prodotti in risposta sia alle infezioni da circolazione variante nel nostro Paese nel 2020, sia da quelli generati in risposta alla vaccinazione con Sputnik V.

e aggiungilo”Non sono state osservate differenze rilevanti Per quanto riguarda il lignaggio B.1, quando si incontrano sieri con varianti Alpha e Lambda.”

Tuttavia, “i sieri di soggetti convalescenti o di individui vaccinati con Sputnik V hanno mostrato una diminuzione del titolo anticorpale neutralizzante di almeno 3 volte, se confrontati con la variante gamma”.

Allo stesso modo, il rapporto rileva che osservazioni precedenti hanno indicato che la variante gamma evita parzialmente l’effetto neutralizzante degli anticorpi generati in risposta all’infezione da varianti circolanti nel 2020, nonché attraverso l’applicazione dei vaccini Pfizer/BioNTech e Oxford/AstraZeneca.

“buone notizie”

Per il biologo argentino, il livello di neutralizzazione mostrato da persone che sono state curate o vaccinate con lo Sputnik V rispetto al tipo andino è “una buona notizia”, visto che “questo ceppo sta aumentando la sua frequenza nelle popolazioni latinoamericane, ma sembra che non sarà. Siate una preoccupazione come gli altri”, per una maggiore suscettibilità al contagio e alla virulenza.

Sebbene questo lavoro non sia stato ancora esaminato – sarà presto sottoposto a una rivista scientifica per l’analisi – gli autori dello studio ritengono che i risultati siano rilevanti, quindi hanno deciso di rilasciare il rapporto “in modo che la comunità e le autorità lo sappiano”, afferma il intervistato.

“Dovremmo vedere prove di efficacia ed efficacia a livello di popolazione. Questo è un esperimento in vitro in cui si incontrano virus con anticorpi”, aggiunge.

Il Fondo russo per gli investimenti diretti (RDIF) ha riferito che l’efficacia del vaccino russo contro il coronavirus Sputnik V è del 97,6%, secondo un’analisi dei dati di 3,8 milioni di cittadini russi vaccinati.

Emanuele Gentile

READ  Ecco, il test della personalità virale | Sei una persona ragionevole? Quello che vedi per primo nella foto ti insegnerà | Test virale psicologico | test visivo | Sfida virale | Messico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *